laRegione
Friborgo
5
Berna
3
fine
(1-1 : 0-2 : 4-0)
Lakers
1
Lugano
3
fine
(1-1 : 0-1 : 0-1)
Zurigo
7
Ginevra
5
fine
(1-1 : 3-4 : 3-0)
Ambrì
3
Losanna
2
fine
(0-1 : 2-1 : 1-0)
La Chaux de Fonds
7
Winterthur
0
fine
(1-0 : 6-0 : 0-0)
Kloten
5
Langenthal
2
fine
(0-0 : 4-2 : 1-0)
Sierre
8
Zugo Academy
1
fine
(2-0 : 4-1 : 2-0)
Turgovia
4
Visp
1
fine
(1-0 : 2-1 : 1-0)
legge-sul-co2-in-svizzera-il-no-alternativo
Keystone
Opposizione alternativa soprattutto dalla Romandia
Svizzera
29.04.21 - 20:070
Aggiornamento : 20:34

Legge sul CO2 in Svizzera, il ‘no’ alternativo

‘Obiettivi assolutamente insufficienti’. Alcuni esponenti dello Sciopero per clima raccomandano di respingere la normativa e di seguire una terza via.

Berna – Il comitato per un'ecologia sociale, una costola del movimento Sciopero per il clima, ha lanciato oggi la sua campagna contro la Legge sul CO2 in votazione il prossimo 13 giugno. La norma è "fatale" poiché rende irraggiungibile qualsiasi politica climatica sociale e coerente, sostengono questi ambientalisti.

Contro la legge è stato lanciato con enorme successo un referendum: un comitato economico interpartitico, sostenuto dall'Udc, per cui le misure sono eccessive, ha raccolto 110'000 firme (ne bastavano 50'000). Altre 7000 sottoscrizioni provengono dal comitato per un'ecologia sociale, che combatte la norma per ragioni diametralmente opposte.

‘Alternativa necessaria e urgente’

Il comitato è composto di gruppi regionali, soprattutto romandi, dello Sciopero per il clima e di altre organizzazioni. Raccomandando un no, intende mostrare una terza via, "un'alternativa necessaria e urgente a due campagne (quella dei sostenitori della legge e quella del comitato referendario economico) senza prospettiva", si legge in un comunicato.

Con la loro raccomandazione di voto, questi attivisti sono in contrasto con altri scioperanti per il clima e con organizzazioni ambientaliste come Greenpeace e Wwf, che invece si schierano per la Legge federale sulla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra (Legge sul CO2).

Gli obiettivi fissati da questa norma sono assolutamente insufficienti sotto tutti i punti di vista, ritiene il comitato. La norma si basa su una dichiarazione d'intenti per raggiungere la neutralità climatica entro il 2050, ma anche i suoi sostenitori ammettono che le misure proposte nella legge non permetteranno di raggiungere questo obiettivo.

Ciò è tanto più problematico in quanto la neutralità nelle emissioni di CO2 entro il 2050 è tutt'altro che sufficiente: per avere il 66% di possibilità di non superare un riscaldamento globale di 1,5 gradi centigradi, la Svizzera deve raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2030.

"Continuare a inquinare"

In secondo luogo, la legge si concentra sulle compensazioni piuttosto che sulle riduzioni, critica il comitato. Ciò equivale a dare ai grandi inquinatori la possibilità di continuare a immettere CO2 nell'atmosfera. Potranno comprare all'asta diritti di emissione di gas a effetto serra, mentre le piccole imprese, che non hanno gli stessi mezzi, dovranno per forza puntare sulle riduzioni.

Inoltre, la legge stabilisce che un quarto della riduzione delle emissioni può essere ottenuta attraverso compensazioni all'estero. "Non solo la Svizzera non riesce a far fronte alla sua responsabilità storica e attuale per le emissioni globali, ma si affida a programmi di compensazione all'estero che si sono dimostrati inefficaci", ha detto Mattia De Lucia, un attivista di Zurigo, durante una conferenza stampa diffusa in linea.

Legge antisociale

Il comitato critica anche il fatto che la legge si concentra sul trasporto privato motorizzato ad alte emissioni, soggetto a standard di efficienza ridicoli.

Le tasse previste nella Legge sul CO2 poi sono antisociali, poiché graveranno maggiormente sulle famiglie a basso reddito, deplorano gli ambientalisti. Il loro potenziale di incentivazione non funzionerà poiché non sono abbastanza elevate per scoraggiare le famiglie ricche dal viaggiare spesso in aereo o dall'acquistare auto altamente inquinanti. Così, queste tasse falliscono nel loro obiettivo e rafforzano le disuguaglianze sociali, ritiene il comitato referendario.

"Cambiamo il sistema"

"I Verdi e il Ps promettono che la Legge sul CO2 potrà essere migliorata più tardi", affermano gli attivisti. Ma se il parlamento fosse in grado di farlo, avrebbe già attuato questi miglioramenti nella norma attuale, sostengono.

Un no alla legge è quindi necessario per stabilire un nuovo equilibrio di potere. "Il nostro orizzonte politico non è una maggioranza parlamentare: è una mobilitazione diversa e massiccia che ci preparerà a uno sciopero generale per il clima e la giustizia sociale".

Agli occhi degli attivisti, questo è l'unico strumento politico con cui il popolo ha potuto finora ottenere "vere vittorie". È così che va inteso lo Sciopero per il futuro, il prossimo grande passo del movimento di Sciopero per il clima, previsto per il 21 maggio.

Secondo il comitato, ci sono innumerevoli approcci e misure diverse dalla Legge sul CO2 che possono essere utilizzati per affrontare la crisi climatica in modo socialmente giusto: ad esempio la creazione di un fondo per il clima per finanziare una trasformazione ecosociale, il divieto di investimenti in settori dannosi per il clima, l'abolizione di allevamenti industriali e la transizione verso un'agricoltura locale a bassa emissione di CO2 con metodi di agricoltura rigenerativa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
6 ore
Berna, alpinista muore in un crepaccio
La caduta fatale è avvenuta domenica sullo Jungfraufirn. Il cadavere dell’escursionista recuperato solamente ieri
Svizzera
7 ore
Vaud, clima ostile al parco eolico di Sainte-Croix
L’avvio del cantiere preceduto da attacchi polemici e vandalismi ai danni di promotori e appaltatori dell’opera
Svizzera
7 ore
Verso l’abolizione del divieto per la cannabis
Via libera dalla Commissione sanità degli Stati per l’elaborazione di un progetto ad hoc
Svizzera
8 ore
‘Situazione sfavorevole, sgomberare il campo da false notizie’
Gli esperti evidenziano la ripresa dei contagi soprattutto nei cantoni con bassi tassi di vaccinazione. Occorre convincere gli indecisi e vigilare
Svizzera
9 ore
Gli ospedali fatturano prezzi eccessivi alle complementari
Secondo Mister Prezzi i nosocomi fanno pagare degli extra ai pazienti assicurati in reparto semi-privato o privato
Svizzera
9 ore
In Svizzera 1’240 contagi, cala l’occupazione in cure intense
Il tasso di positività sale al 5,32%. Le terapie intensive sono ora occupate da pazienti Covid al 13,30% e complessivamente al 68,50%
Svizzera
10 ore
In Svizzera si andrà a sciare senza certificato Covid
Lo comunica oggi l’associazione Funivie Svizzere. Gli sciatori dovranno indossare la mascherina nelle cabine e nei locali al chiuso. Ma l’Ufsp frena
Svizzera
11 ore
I ghiacciai svizzeri si riducono nonostante neve ed estate fresca
Perso l’1% del volume nel 2021 a causa del cambiamento climatico. Il ritiro progressivo non rallenta nonostante la perdita sia contenuta
Svizzera
12 ore
Camping Tcs, 2021 da incorniciare malgrado meteo estiva e Covid
In Ticino i pernottamenti nei campeggi sono aumentati del 60% rispetto al 2020, a livello nazionale del 30%. L’88% degli ospiti arriva dalla Svizzera
Svizzera
13 ore
La città di Berna autorizza un raduno contro il Covid Pass
Gli organizzatori della manifestazione hanno concordato piano di sicurezza e percorso del corteo, invitando a non partecipare a raduni non autorizzati
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile