laRegione
una-prospettiva-per-gli-organizzatori-dei-grandi-eventi
Keystone
Berset (sin.) e Parmelin
28.04.21 - 19:58

Una ‘prospettiva’ per gli organizzatori dei grandi eventi

Il Consiglio federale propone di autorizzare da luglio le manifestazioni fino a 3mila persone. Accesso riservato a vaccinati, guariti e ‘negativi’ al test.

Estival Jazz, Paléo di Nyon, Open Air di San Gallo, Beatles Days di Bellinzona e via dicendo: tutti cancellati. Invece gli organizzatori di altri grandi eventi culturali e sportivi previsti quest’estate non hanno ancora gettato la spugna. Il Consiglio federale adesso offre loro “una prospettiva di pianificazione”. In un progetto messo in consultazione, propone ai cantoni di autorizzare – a severe condizioni – lo svolgimento di manifestazioni con un massimo di 3mila partecipanti a partire dal 1. luglio; il limite verrebbe poi innalzato a 10mila dal 1. settembre. Non solo. Uno ‘scudo protettivo’ dovrebbe fungere da assicurazione in caso di annullamento o rinvio dovuti alla situazione epidemiologica. Il governo deciderà il 26 maggio quale sarà la versione definitiva del suo piano. Ma farà sapere “presumibilmente nella seconda metà di giugno” se, quando e a quali condizioni le grandi manifestazioni – vietate dalla fine di febbraio del 2020, salvo una breve parentesi lo scorso ottobre – saranno nuovamente ammesse. 

«Sentiamo tutti la mancanza delle grandi manifestazioni», ha affermato il ministro della sanità Alain Berset (Ps) in una conferenza stampa a Berna. Ora le prospettive sono buone. La campagna vaccinale prosegue il suo corso. E la situazione epidemiologica è «relativamente stabile», ha osservato il presidente della Confederazione Guy Parmelin (Udc). Il vodese ha però invitato alla «prudenza»: «Ogni prossima apertura avrà come prezzo l’autodisciplina e il rispetto delle regole». Vale anche per gli organizzatori dei grandi eventi. In ogni caso quello inviato in consultazione «non è un piano di riapertura», hanno ribadito i consiglieri federali. L’obiettivo è “dare al più presto una certa sicurezza di pianificazione agli organizzatori e un supporto decisionale ai cantoni”, scrive il governo.

‘Severi piani di protezione’

I cantoni potranno autorizzare in anticipo (da fine maggio) degli eventi con un massimo di 3mila persone a partire dal 1. luglio. Il limite massimo passerebbe a 10 partecipanti da settembre. Il Consiglio federale deciderà a giugno inoltrato se queste manifestazioni potranno effettivamente essere svolte o no. Le condizioni alle quali sottostanno vengono definite “severe”. Gli organizzatori dovranno predisporre “severi piani di protezione” (mascherina obbligatoria, pubblico seduto all’interno, capacità limitata ai due terzi dei posti disponibili, ecc.) e limitare l’accesso alle persone vaccinate, risultate negative al test Covid-19 o che possono provare di essere state contagiate dal coronavirus e di essere guarite. Il certificato Covid – sul quale figureranno tutte queste informazioni – “semplificherebbe notevolmente i controlli all’ingresso”, scrive il governo. Berset ha puntualizzato: «Anche le persone che non hanno ancora potuto o voluto farsi vaccinare [i giovani ad esempio, ndr] potranno accedervi». Dovranno però produrre un test negativo recente (i test fai da te non saranno sufficienti).

Prima del 1. luglio, il Consiglio federale propone una fase pilota. I cantoni potranno autorizzare lo svolgimento di tre manifestazioni con un numero di partecipanti compreso fra un minimo di 300 e un massimo di 600. Scopo: testare la praticabilità e l’efficacia dei piani di protezione e capire se è possibile garantire il controllo degli attestati di vaccinazione/test negativo/guarigione da coronavirus. In questa fase verosimilmente non sarà ancora disponibile il certificato Covid-19, che l’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) conta di introdurre nel corso del mese di giugno. E gli organizzatori degli eventi pilota non beneficeranno dello ‘scudo protettivo’ che invece si applicherà alle manifestazioni vere e proprie che si svolgeranno da luglio in poi. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cantoni consiglio federale coronavirus grandi eventi manifestazioni
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Street Parade
Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
3 ore
Derubato di telefono e portafoglio da ignoti
Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
3 ore
Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave
L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
Svizzera
5 ore
Crisi energetica: la legna per riscaldarsi non è la soluzione
Lo afferma il meteorologo Jörg Kachelmann, secondo cui il pellet è dannoso per il clima tanto quanto il carbone, il gas o il petrolio
Svizzera
5 ore
Ritrovato il corpo dell’87enne sparito nelle acque del Lemano
L’uomo, un tedesco, era scomparso martedì pomeriggio nei pressi di Montreux. È stato rinvenuto a 100 m di profondità
Svizzera
22 ore
In Svizzera moria di pesci di ‘proporzioni storiche’
La federazione dei pescatori teme che un numero ancora maggiore di specie autoctone possa scomparire per sempre
Svizzera
23 ore
Unia: ‘Divario salariale aumenta, occorre intervenire’
Il sindacato denuncia la stagnazione degli stipendi più bassi e l’aumento di quelli dei dirigenti
Svizzera
23 ore
Aumentano i posti vacanti fra le imprese svizzere
Sui siti internet delle 50 imprese più grandi si contano 12’400 annunci: il 34% in più rispetto a un mese fa
Svizzera
1 gior
Peste suina: Turgovia addestra cani per individuarla
La malattia è mortale per cinghiali e maiali, non per l’uomo. C’è un rischio elevato che arrivi presto in Svizzera, ritiene l’Ufficio federale competente
Svizzera
1 gior
Poca acqua nel Reno, il costo della benzina resta alto
Le navi possono trasportare un quarto delle merci rispetto a un anno fa. I costi di trasporto sono dunque fortemente aumentati.
© Regiopress, All rights reserved