laRegione
accordo-quadro-differenze-da-importanti-a-fondamentali
Keystone
Cassis (sin.) e Parmelin
26.04.21 - 21:54

Accordo quadro, differenze da ‘importanti’ a ‘fondamentali’

Guy Parmelin e Ignazio Cassis hanno riferito alle commissioni parlamentari di politica estera. Il Consiglio federale vede la palla nel campo dell’Ue.

Restano differenze «fondamentali» tra la Svizzera e l'Ue sull’accordo istituzionale e il Consiglio federale lo firmerà soltanto se verranno trovate soluzioni sui tre punti aperti: protezione dei salari, direttiva sulla cittadinanza europea e aiuti di Stato. Lo ha dichiarato stasera a Palazzo federale Guy Parmelin (Udc). Il presidente della Confederazione e il ministro degli esteri Ignazio Cassis (Plr) hanno presentato oggi alle commissioni della politica estera (Cpe) del Parlamento i risultati dell’incontro svoltosi venerdì a Bruxelles tra Parmelin e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Entrambe le commissioni hanno chiesto al Consiglio federale di non interrompere le discussioni.

La Svizzera ha fatto importanti compromessi, ha affermato il ministro dell'economia. È necessario un risultato equilibrato perché l'accordo sia accettato, ha aggiunto. Parmelin ha spiegato che la Svizzera non ha preteso - come invece sostenuto dall'Ue - la completa esclusione dall’accordo dei tre punti sui quali il Consiglio federale aveva a suo tempo chiesto chiarimenti: 

Finora l'Ue non è stata disposta a fare eccezioni e le controproposte non sono sufficienti, ha detto da parte sua Ignazio Cassis. La Svizzera ha fatto concessioni sulla ripresa del diritto europeo, il ruolo della Corte di giustizia europea (Cgue) nella risoluzione dei conflitti e la clausola ghigliottina. La Svizzera vuole garanzie giuridiche sui punti riguardanti gli interessi importanti della Svizzera nei tre ambiti in questione. Questi punti (sette) dovrebbero essere a suo avviso "immunizzati" dalla ripresa dinamica del diritto europeo e dalla giurisdizione della Cgue. 

Interpretazioni divergenti

Il ticinese ha spiegato che la Svizzera intende la libera circolazione delle persone come la libera circolazione dei lavoratori e delle loro famiglie, mentre per l'Ue significa la libera circolazione di tutti i cittadini dell'Ue. Seconda differenza: la «diversa interpretazione delle misure del diritto del lavoro». Senza concessioni da parte europea su questi due punti, un accordo quadro istituzionale non sarebbe in grado di ottenere il sostegno di una maggioranza, ha sottolineato il ministro degli esteri.

Cassis ha poi negato che la Svizzera non abbia avanzato soluzioni concrete, come sostenuto dalla Commissione europea. "Abbiamo presentato proposte concrete all'Ue", ha affermato. Il Consiglio federale consulterà a breve i Cantoni, poi (forse già in occasione della seduta settimanale di mercoledì) farà una valutazione complessiva.

La maggioranza delle commissioni della politica estera del Parlamento vuole che i colloqui con l'Ue continuino a livello politico e tecnico. L’interruzione delle trattative è stata chiaramente respinta in entrambe le commissioni. Ma è ancora un'opzione, ha detto stasera a Palazzo federale il presidente della Cpe del Consiglio degli Stati Damian Müller (Plr/Lu). «Anche gli europei devono muoversi», ha aggiunto. Dello stesso parere il ‘senatore’ Christian Levrat (Ps/Fr), secondo il quale la palla è ora chiaramente nel campo dell'Ue.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
accordo quadro commissioni guy parmelin ignazio cassis svizzera ue
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Bancomat fatto esplodere nel canton Soletta
È successo la scorsa notte a Nuglar, un villaggio a pochi chilometri da Basilea. I residenti dell’edificio sono stati evacuati.
Svizzera
2 ore
La Svizzera importerà 1’000 tonnellate di burro in più
Ad oggi la produzione di latte è inferiore alle aspettative e la maggior parte viene impiegata per produrre formaggio
Svizzera
21 ore
I due centauri morti sul Bernina erano sposati da un mese
Stavano scendendo dal passo con un maxi scooter quando sono stati travolti da due auto
Svizzera
21 ore
Boom dei costi, i contadini: alzare i prezzi di pane e latte
I produttori di cereali e latte chiedono aumenti di pochi centesimi dei prezzi al dettaglio per compensare il boom milionario dei costi di produzione
Svizzera
21 ore
Svizzeri e viaggi: Edelweiss fa il record di passeggeri
La compagnia svizzera specializzata in voli per vacanzieri ha fatto registrare il più alto numero di passeggeri trasportati in un mese nella sua storia
Svizzera
21 ore
Lieto evento allo zoo di Basilea: nascono tre procavie
Si tratta di un roditore tipico dell’Africa subsahriana. Il parto è stato possibile nonostante due operazioni agli occhi per la madre dei cuccioli
Svizzera
1 gior
Il lupo che doveva essere abbattuto a Uri si è dato alla macchia
Per l’animale era stato autorizzato l’abbattimento dopo oltre dieci predazioni. Verosimilmente non è più nel territorio del cantone
Svizzera
1 gior
Caduta fatale per un escursionista 77enne nel Klöntal
È successo ieri nel canton Glarona. Il corpo è stato trovato a 1’512 metri d’altitudine.
Votazioni federali
1 gior
Avs: modifiche apprezzate soprattutto dagli uomini
Secondo il sondaggio di Tamedia e 20 Minuten si prospetta un ‘sì’ anche per l’iniziativa sull’allevamento. ‘No’ invece per l’imposta preventiva.
Svizzera
1 gior
Vallese, alpinista 64enne muore sul Täschhorn
L’uomo, un olandese, si trovava in compagnia di un altro scalatore. Si trovava a circa 3’910 metri d’altitudine quando è caduto dalla parete rocciosa.
© Regiopress, All rights reserved