laRegione
21.04.21 - 15:02
Aggiornamento: 18:28

Berna non prevede altri allentamenti prima del 26 maggio

Il Consiglio federale ha definito una strategia a tre fasi per l'uscita dalla crisi Covid-19. Segui la diretta

berna-non-prevede-altri-allentamenti-prima-del-26-maggio
Il ministro della sanità Alain Berset (Keystone)

Il Consiglio federale ha concretizzato la sua strategia per i prossimi mesi, definendo tre fasi fintanto che non saranno state vaccinate tutte le persone adulte che lo desiderano. Fino a quel momento non potranno essere abrogati per gran parte i provvedimenti di protezione dalla COVID-19. La durata delle singole fasi – indica il Consiglio federale – dipende dalla volontà di farsi vaccinare dei relativi gruppi di popolazione e dall’andamento della campagna di vaccinazione. Il governo ha posto in consultazione il modello a tre fasi presso i Cantoni. Visti gli ampi allentamenti in vigore dal 19 aprile 2021 e la fragile situazione epidemiologica, non saranno possibili altre fasi di allentamento prima del 26 maggio 202

'La situazione rimane fragile'

«Per riconquistare le nostre libertà ci vorrà del tempo e dovremo correre dei rischi – ha affermato il consigliere federale Alain Berset in conferenza stampa –. La situazione però rimane fragile». 

«Se si dovesse verificare un focolaio o una ripresa forte dei contagi – ha poi aggiunto Berset – si potranno sempre inasprire le misure. L’obiettivo finale resta quello di evitare di sovraccaricare gli ospedali».

«Per il momento non è possibile compiere ulteriori passi verso la normalità. Tutto dipenderà dal ritmo delle vaccinazioni», ha assicurato il capo del Dipartimento federale dell'interno.

«I contagi stanno aumentando, non stanno aumentando. Non possiamo permetterci altre riaperture prima di fine maggio». 

Campagna di vaccinazione, per Berset nessun errore

Interrogato in merito alla lentezza della campagna di vaccinazione, Berset ha spiegato che «abbiamo dovuto trovare i vaccini giusti, acquistarli, quando ancora non era chiaro come sarebbe evoluta la situazione. Non potevamo concentrarci su un unico prodotto. Oggi abbiamo accesso a due dei migliori vaccini sul mercato. Con questi due vaccini abbiamo la possibilità di vaccinare tutti quelli che lo vogliono entro l’estate. Non credo che ci sia stato un errore da parte nostra nella campagna di approvvigionamento».

Le tre fasi

Fase di protezione: vaccinazione delle persone particolarmente a rischio

La fase di protezione dura fintanto che non sono state vaccinate completamente (ossia con due dosi) tutte le persone particolarmente a rischio che lo desiderano. Se la volontà di farsi vaccinare di questo gruppo è del 75 per cento, il Consiglio federale prevede che questa fase si concluda a fine maggio 2021. Tenuto conto della necessità di proteggere le persone a rischio non ancora vaccinate, degli allentamenti in vigore dal 19 aprile 2021 e della comunque fragile situazione epidemiologica, non sono possibili ulteriori allentamenti prima del 26 maggio 2021. Il Consiglio federale farà il punto della situazione il 12 maggio 2021 e, se necessario, porrà in consultazione un pacchetto di allentamenti.

Fino ad allora occorre mantenere i provvedimenti di protezione vigenti onde evitare un aumento incontrollato dei casi e quindi un incremento dei ricoveri e dei decessi. Il Consiglio federale ha definito degli indicatori per valutare la situazione epidemiologica. Se i valori di alcuni o più di questi indicatori saranno superati, il Consiglio federale vaglierà e deciderà eventuali inasprimenti.

Fase di stabilizzazione: accesso alla vaccinazione per l’intera popolazione adulta

Durante questa fase non sono ancora state vaccinate tutte le persone che desiderano proteggersi. Esperienze provenienti dall’estero mostrano che con un forte aumento delle vaccinazioni bisogna fare i conti con una nuova accelerazione dei contagi poiché l’accettazione delle misure di protezione cala progressivamente. Pertanto, anche per questa fase, il Consiglio federale ha definito indicatori per eventuali inasprimenti. In tale contesto, il numero di casi può essere superiore a quello della fase di protezione, mentre il valore Re, l’occupazione dei reparti di cure intense e i ricoveri restano stabili.

Nella fase di stabilizzazione si dispone di grandi quantità di vaccini e l’intera popolazione adulta può farsi vaccinare. Se la volontà di farsi vaccinare della popolazione è del 60 per cento (stime basate su sondaggi), si parte dal presupposto che tutti gli adulti che lo desiderano abbiano ricevuto almeno una dose entro fine giugno. La conclusione di questa fase dipende dalla volontà di farsi vaccinare della popolazione. Si può ipotizzare che la popolazione adulta sarà vaccinata completamente (ossia con due dosi) entro fine luglio 2021, a patto che non vi siano ulteriori problemi di fornitura da parte dei fabbricanti e le vaccinazioni proseguano secondo programma.

Se il numero dei casi, dei ricoveri e dei posti letto occupati nelle cure intense sono stabili, per questa fase sono previste ulteriori fasi di allentamento, la prima eventualmente il 26 maggio 2021. Sono possibili, per esempio, le lezioni presenziali nelle scuole universitarie e la sostituzione dell’obbligo del telelavoro con una raccomandazione. Il presupposto è che gli istituti di formazione e le aziende adottino piani che permettano l’esecuzione regolare di test. Sono altresì possibili ulteriori allentamenti per le attività sportive e del tempo libero nonché nel commercio al dettaglio e, se la situazione epidemiologica lo permette, anche la riapertura dei locali interni dei ristoranti.

Ulteriori possibili allentamenti graduali in questa fase riguardano i luoghi ad alto rischio di trasmissione, come grandi manifestazioni, bar o discoteche. Se la copertura vaccinale ha raggiunto il 40-50 per cento circa, deve essere introdotto un accesso selettivo per le persone vaccinate, con test negativo e guarite. Quale documento giustificativo si sta attualmente sviluppando un certificato unico, non falsificabile e facilmente verificabile (certificato COVID- 19).

Fase di normalizzazione: abrogazione dei provvedimenti

La fase di normalizzazione inizia quando sono state vaccinate completamente tutte le persone adulte che lo desiderano. Secondo il Consiglio federale, le forti restrizioni sociali ed economiche non sono più giustificate. I provvedimenti restanti (limitazioni di accesso e della capienza) devono essere abrogati gradualmente. Bisogna perseguire questa strategia anche se la volontà di farsi vaccinare della popolazione resta più bassa di quanto previsto.

Anche dopo aver vaccinato tutte le persone che lo desiderano, il virus continuerà a circolare. Si presume che per lungo tempo si verificheranno contagi tra le persone non vaccinate e non guarite. Più grande sarà il numero di queste persone, maggiori saranno la probabilità di potenziali focolai e il numero di decorsi gravi e decessi. La vaccinazione gratuita costituisce uno strumento altamente efficace per proteggersi individualmente dal contagio e dalla
malattia. Il Consiglio federale terrà conto di questo aspetto in occasione delle sue decisioni future e nel contempo rispetterà la scelta personale di farsi vaccinare o meno di ogni singolo cittadino. Per impedire una nuova ondata della malattia e il sovraccarico del sistema sanitario, è tuttavia fondamentale che il maggior numero possibile di abitanti della Svizzera si faccia vaccinare.

Se, malgrado tutto, il quadro epidemiologico dovesse peggiorare e fare temere un sovraccarico del sistema sanitario, il Consiglio federale si riserva di reintrodurre o mantenere per un certo tempo alcuni provvedimenti, come l’obbligo della mascherina, i piani di protezione, le regole di distanziamento o le limitazioni della capienza. Questi provvedimenti devono tuttavia valere soltanto per le persone che non possono esibire un certificato COVID- 19.

Allegati
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Successione Sommaruga-Maurer
6 ore
I partiti mantengono un profilo basso
A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
7 ore
Sergio Mattarella accolto con gli onori militari
Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
8 ore
Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone
La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
8 ore
Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’
La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
9 ore
Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo
L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
Svizzera
9 ore
Se il Gigante giallo non resta al passo coi tempi
A rivelarlo Roberto Cirillo, Ceo della Posta: ‘Non ci stiamo muovendo abbastanza velocemente nell’attuazione della nostra strategia di ammodernamento’
Svizzera
12 ore
Al via la riforma del Secondo pilastro
Passano la riduzione del tasso di conversione dal 6,8 al 6% e l’abbassamento della soglia d’entrata nel sistema
Svizzera
14 ore
In Svizzera c’è una grave carenza di personale specializzato
In difficoltà soprattutto i settori della sanità, dell’informatica e delle scienze ingegneristiche. A rilevarlo il relativo indice di Adecco
Svizzera
16 ore
A Berna inizia il dibattito sul preventivo 2023
Pandemia e salvataggio del settore energetico pesano sul budget della Confederazione, previsto in deficit per 4,8 miliardi di franchi
Svizzera
17 ore
Al via la visita in Svizzera del presidente italiano Mattarella
Il presidente della Repubblica incontrerà il presidente della Confederazione Cassis e i consiglieri federali Sommaruga, Amherd e Parmelin
© Regiopress, All rights reserved