laRegione
15.04.21 - 11:52
Aggiornamento: 14:14

La Posta chiede agli hacker di trovare buchi nel suo sistema

Gli interessati possono tentare di hackerare, a fin di bene, la rete dell'azienda: in palio ci sono premi dai 50 fino ai 10'000 franchi

Ats, a cura de laRegione
la-posta-chiede-agli-hacker-di-trovare-buchi-nel-suo-sistema
(Keystone)

La Posta vuole migliorare la propria sicurezza informatica e per farlo invita tutti a mettersi a caccia di bug del suo sistema. Gli interessati possono quindi tentare di hackerare, a fin di bene, la rete dell'azienda: in palio ci sono premi dai 50 fino ai 10'000 franchi.

Il gigante giallo, viene ricordato in una nota odierna, è stata una delle prime società svizzere ad avviare un programma permanente di cosiddetto "bug bounty" a maggio 2020. Si tratta di un'iniziativa che invita gli hacker a verificare le vulnerabilità dei sistemi informatici, con lo scopo di perfezionare la sicurezza dei servizi digitali. Per ogni problema individuato viene poi elargita una ricompensa.

I "cybercriminali" vengono dunque sguinzagliati per scovare eventuali falle. Nel momento in cui una di esse viene segnalata, la Posta avvia apposite misure per risolverla e incarica i propri esperti di verificare se il bug in questione può avere un impatto su altre applicazioni. Dal lancio del programma sono state trovate 500 vulnerabilità e versati circa 250'000 franchi in indennizzi, afferma, citato nel comunicato, Marcel Zumbühl, che ricopre la carica di Chief information security officer.

Ma l'azienda vuole spingersi oltre. Finora, il tutto avveniva in forma privata: gli hacker potevano scatenarsi alla ricerca di lacune solo se invitati a farlo, con tanto di autorizzazione ad accedere al programma. Da questo momento in poi viene invece offerta la possibilità di cercare falle a ogni pirata informatico registrato, attraverso la piattaforma bug bounty di YesWeHack.

L'ammontare delle ricompense varia a seconda delle criticità individuate. Inizialmente, la "caccia" riguarderà servizi come il login clienti della Posta, il Postshop, la Post-App, il servizio di bike sharing PubliBike, ma anche altre prestazioni online come WebStamp, I miei invii, la gestione degli indirizzi, i servizi per i destinatari e la soluzione di pagamento BillingOnline.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri
Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini
Svizzera
18 ore
Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini
Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
19 ore
Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa
Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
1 gior
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
1 gior
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
1 gior
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
1 gior
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
1 gior
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
1 gior
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
2 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
© Regiopress, All rights reserved