laRegione
legge-covid-con-il-no-a-rischio-aiuti-a-imprese-e-lavoratori
(Keystone)
12.04.21 - 15:47
Ats, a cura de laRegione

Legge Covid, con il No a rischio aiuti a imprese e lavoratori

Se la legge Covid-19 venisse bocciata il 13 giugno, sarebbero a rischio le misure di sostegno all'economia a cui la legge fornisce la base legale

La legge COVID-19, in votazione il prossimo 13 giugno, permette di sostenere finanziariamente le persone e le imprese colpite dalla crisi. Se venisse bocciata gli aiuti della Confederazione, di cui hanno assoluto bisogno più di 100'000 imprese e oltre un milione di persone, sarebbero a rischio, sottolineano Consiglio federale e Cantoni lanciando la campagna a sostegno del testo.

La legge COVID-19, votata dal Parlamento federale il 25 settembre 2020, è il nostro strumento principale per attenuare le conseguenze sociali e economiche della pandemia, ha detto il presidente della Confederazione Guy Parmelin in conferenza stampa. Moltissime persone e aziende subiscono le ripercussioni negative del virus e delle misure restrittive. Ne siamo ben coscienti e per questo abbiamo adottato una serie di aiuti per un ammontare totale di 35 miliardi di franchi, ha aggiunto il ministro dell'economia.

La legge è la "chiave di volta" che ci permette di mantenere imprese e impieghi anche in questa situazione. Costituisce la base legale per il versamento delle indennità per lavoro ridotto, delle indennità di perdita di guadagno agli indipendenti e gli aiuti per i casi di rigore a ristoranti, alberghi, imprese che organizzano eventi, agenzie di viaggi e altri settori come la cultura, lo sport e i media, ha proseguito Parmelin.

Misure restrittive possibili anche con bocciatura

Le misure restrittive invece non figurano nella Legge Covid-19, ma in quella sulle epidemie, accettata in votazione nel 2013 con circa il 60% di consensi. Una bocciatura alla urne il 13 giugno quindi non impedirebbe al Consiglio federale di continuare a combattere la diffusione della pandemia con provvedimenti come la chiusura di negozi e ristoranti o il divieto di manifestazioni.

Un "no" porrebbe fine alle misure di sostegno dal 25 settembre e creerebbe un vuoto giuridico che richiederebbe mesi per esser colmato. La situazione attuale suscita rabbia a impazienza, ed è comprensibile, ma non è una ragione "per buttare il bambino con l'acqua sporca", ha concluso il presidente della Confederazione.

Alain Berset ha ricordato che all'inizio della crisi il Consiglio federale ha avuto la possibilità di agire rapidamente grazie alla Legge sulle epidemie. Il testo però non contempla una base legale per il sostegno finanziario ai settori e alle persone in difficoltà a causa della crisi. È la Legge Covid-19 che ha permesso di aiutare finanziariamente ristoranti, club sportivi, associazioni culturali, indipendenti e lavoratori ed ha quindi permesso di evitare fallimenti e la perdita di posti di lavoro, ha detto.

Test gratuiti e certificato vaccinale grazie alla Legge-Covid

Le legge in votazione il 13 giugno costituisce anche la base legale per garantire l'assistenza sanitaria durante la pandemia, ad esempio tramite acquisti di materiale medico o deroghe per l'omologazione di medicamenti per malati gravi. È grazie a questo testo che la Confederazione ha potuto assumere i costi dei test e potrà creare un certificato vaccinale coordinato a livello internazionale, essenziale per il ritorno alla normalità, ha precisato ancora il ministro della sanità. La vaccinazione invece non è contemplata nel testo. Un sì in votazione permette quindi di proseguire il sostegno all'economia e ai lavoratori, di avere test gratuiti e un certificato vaccinale, ma non influenza in nessun modo le misure e le chiusure, ha concluso Berset.

Cantoni in difficoltà in caso di "no"

Il consigliere di Stato grigionese Christian Rathgeb, presidente della Conferenza dei governi cantonali, ha sottolineato che la Legge Covid fissa pure una ripartizione chiara dei costi fra Confederazione e Cantoni. È illusorio pensare che i Cantoni possano in qualche modo compensare un'eventuale mancanza di aiuti federali, ha aggiunto sottolineando che le conseguenze negative della crisi si vedranno soprattutto quest'anno. "Ne abbiamo tutti abbastanza di questo virus, ma bocciando la legge colpiamo il bersaglio sbagliato", ha detto.

Il 13 giugno rappresenta un votazione cruciale sia per la Confederazione che per i Cantoni, ha aggiunto il vicepresidente della Conferenza dei governi cantonali, il neocastellano Alain Ribaux. Le misure di sostegno federali e cantonali si completano e il sistema funziona abbastanza bene. "Non ci guadagneremmo niente a ricominciare tutto da capo". Un no non farebbe che penalizzare persone già messe a dura prova dalla crisi, come i disoccupati, che perderebbero le indennità supplementari, o gli indipendenti che non potrebbero ricevere sostegni. Il rischio è che sempre più persone diventino precarie e che si assista ad un'esplosione dei beneficiari di assistenza sociale, ha aggiunto Ribaux.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale imprese legge covid
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
I due centauri morti sul Bernina erano sposati da un mese
Stavano scendendo dal passo con un maxi scooter quando sono stati travolti da due auto
Svizzera
2 ore
Boom dei costi, i contadini: alzare i prezzi di pane e latte
I produttori di cereali e latte chiedono aumenti di pochi centesimi dei prezzi al dettaglio per compensare il boom milionario dei costi di produzione
Svizzera
3 ore
Svizzeri e viaggi: Edelweiss fa il record di passeggeri
La compagnia svizzera specializzata in voli per vacanzieri ha fatto registrare il più alto numero di passeggeri trasportati in un mese nella sua storia
Svizzera
3 ore
Lieto evento allo zoo di Basilea: nascono tre procavie
Si tratta di un roditore tipico dell’Africa subsahriana. Il parto è stato possibile nonostante due operazioni agli occhi per la madre dei cuccioli
Svizzera
6 ore
Il lupo che doveva essere abbattuto a Uri si è dato alla macchia
Per l’animale era stato autorizzato l’abbattimento dopo oltre dieci predazioni. Verosimilmente non è più nel territorio del cantone
Svizzera
7 ore
Caduta fatale per un escursionista 77enne nel Klöntal
È successo ieri nel canton Glarona. Il corpo è stato trovato a 1’512 metri d’altitudine.
Votazioni federali
7 ore
Avs: modifiche apprezzate soprattutto dagli uomini
Secondo il sondaggio di Tamedia e 20 Minuten si prospetta un ‘sì’ anche per l’iniziativa sull’allevamento. ‘No’ invece per l’imposta preventiva.
Svizzera
8 ore
Vallese, alpinista 64enne muore sul Täschhorn
L’uomo, un olandese, si trovava in compagnia di un altro scalatore. Si trovava a circa 3’910 metri d’altitudine quando è caduto dalla parete rocciosa.
Svizzera
10 ore
Ancora nessun bambino ucraino arrivato per assistenza medica
Il Paese aveva chiesto alla Svizzera di accogliere 155 bimbi malati. Prima dell’arrivo sono necessari però dei chiarimenti.
Svizzera
1 gior
Sommaruga in viaggio per festeggiare i 175 anni delle Ffs
La consigliera federale è partita da Baden su un treno a vapore storico. Cerimonia ufficiale in corso alla stazione principale di Zurigo
© Regiopress, All rights reserved