laRegione
12.04.21 - 12:08
Aggiornamento: 19:39

Nel 2019 lieve calo di emissioni CO2, obiettivi non raggiunti

Emesse 46,2 milioni di tonnellate di CO2, pari a 0,3 milioni di tonnellate in meno rispetto al 2018, secondo i dati dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM)

Ats, a cura de laRegione
nel-2019-lieve-calo-di-emissioni-co2-obiettivi-non-raggiunti
(Keystone)

Le emissioni di gas ad effetto serra in Svizzera sono calate solo leggermente nel 2019: 46,2 milioni di tonnellate di CO2, pari a 0,3 milioni di tonnellate in meno rispetto all'anno prima, stando all'Inventario dei gas serra dell'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) inoltrato oggi al Segretariato dell'ONU sui cambiamenti climatici . Secondo le stime attuali, la Confederazione non raggiungerà quindi l'obiettivo climatico che prevede una riduzione entro il 2020 delle emissioni di gas serra del 20% rispetto al 1990. Critiche le organizzazioni ambientaliste.

Nel 2019 le emissioni sono state inferiori del 14% all'anno di riferimento. Nel settore degli edifici, sono rimaste invariate rispetto al 2018. Anche nell'industria non si registrano miglioramenti rispetto all'anno prima, mentre nel settore dei trasporti sono ancora al di sopra del livello del 1990. Una lieve diminuzione si è registrata invece nell'agricoltura e per i gas serra sintetici. "Per abbattere significativamente le emissioni, è indispensabile rafforzare le misure come previsto dalla revisione della legge sul CO2", afferma l'UFAM.

Per quanto riguarda gli edifici, le emissioni sono state pari a 11,2 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti (CO2-eq), inferiori del 34% rispetto al 1990. L'efficienza energetica e la sostituzione di sistemi di riscaldamento a olio e a gas con pompe di calore e fonti di energia rinnovabili ha permesso di mantenere il livello invariato rispetto al 2018 malgrado un inverno più freddo. Escludendo l'impatto della meteo, risulta un calo delle emissioni di circa 0,3 milioni di tonnellate all'anno, non abbastanza per raggiungere l'obiettivo di riduzione del 40% entro il 2020.

Le emissioni dell'industria nell'anno in rassegna hanno totalizzato 11,2 milioni di tonnellate di CO2-eq, circa il 14% in meno rispetto al 1990. Negli ultimi anni sono rimaste a un livello relativamente stabile e, continuando di questo passo, l'obiettivo di riduzione del 15% sarà mancato, scrive l'UFAM.

Nel settore dei trasporti le emissioni superano dell'1% il livello del 1990. Negli ultimi anni l'uso di biocarburanti è aumentato e i veicoli più efficienti hanno ridotto le emissioni di CO2, ma l'aumento dei chilometri percorsi annulla questi effetti positivi. L'obiettivo di ridurre del 10% le emissioni entro il 2020 appare dunque lontano.

Grazie all'attuazione del Protocollo di Montreal, che regola 18 importanti gas serra sintetici, si registrerà probabilmente a una significativa diminuzione di questi gas. È improbabile però che la Svizzera raggiunga la prevista riduzione di circa il 10%, precisa ancora la nota.

Critiche da ong

In una nota, l'organizzazione Sciopero per il Clima Svizzera si è detta "scioccata" dal "calo marginale" delle emissioni. A questo ritmo, la Svizzera raggiungerà l'obiettivo di zero emissioni nette di gas a effetto fra 154 anni, afferma un'attivista citata nel comunicato, aggiungendo che politici e aziende stanno chiaramente ignorando i requisiti dell'accordo di Parigi. Lo sciopero del clima indice pertanto un'altra giornata di mobilitazione il 21 maggio.

Sulla stessa linea il WWF, secondo il quale non si può andare avanti così. Nessun altro paese in Europa continua a usare così tanto petrolio per il riscaldamento e a mettere in circolazione, anno dopo anno, una flotta di nuove auto a così alto consumo di carburante, sottolinea l'ong in una nota. Inoltre, gli svizzeri continuano a volare di più dei cittadini dei paesi vicini.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
35 min
Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’
Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
55 min
La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro
Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
Svizzera
3 ore
Il prezzo del carburante è in calo. Ma per quanto ancora?
A incidere su altri possibili ribassi diversi fattori: oltre al costo del petrolio, anche i costi di navigazione sul Reno e il tasso di cambio del dollaro
Svizzera
5 ore
Il burro non basta mai: altre 1’000 tonnellate da importare
Quinto aumento nel giro di un anno della quantità extra necessaria per soddisfare la domanda interna
Svizzera
7 ore
‘Shock prevedibile, poteva essere evitato’
L’esperto di Comparis Felix Schneuwly sul pesante aumento dei premi di cassa malati per il 2023
Svizzera
1 gior
In autostrada al massimo a 100 all’ora
È la proposta lanciata dall’Associazione traffico e ambiente per diminuire i consumi energetici
Svizzera
1 gior
Il Parlamento converge... sul solare
Da sabato sarà obbligatorio installare pannelli fotovoltaici sui grandi edifici di nuova costruzione
Svizzera
1 gior
Aborto: 20 anni di regime dei termini
Due decenni fa veniva concessa, in tutti i cantoni, l’interruzione di gravidanza. Presente ai festeggiamenti anche Karin Keller-Sutter.
Svizzera
1 gior
Premi di cassa malati, in Ticino l’aumento sarà del 9,2%
A livello nazionale invece il rincaro sarà pari allo 6,6%.
Svizzera
1 gior
Per i piloti di Swiss mediazione ‘inutile’. Verso lo sciopero.
Nella discussione per il nuovo contratto collettivo di lavoro le maestranze chiedono un incontro con i vertici
© Regiopress, All rights reserved