laRegione
tra-i-ragazzini-raddoppio-di-tentati-suicidi-c-entra-la-pandemia
Più della metà sono femmine. Il problema riguarda tutte le classi sociali
Svizzera
11.04.21 - 09:310
Aggiornamento : 17:38

Tra i ragazzini raddoppio di tentati suicidi: c'entra la pandemia

Più del doppio dei tentativi di suicidio tra bimbi e adolescenti rispetto al 2019 registrati dal Kinderspital di Zurigo: la maggior parte ha meno di 12 anni.

Al pronto soccorso del "Kinderspital" di Zurigo l'anno scorso sono giunti più del doppio di bambini e adolescenti che hanno tentato il suicidio rispetto al 2019. Secondo il responsabile degli psicologi della clinica pediatrica la causa è principalmente la pandemia di coronavirus. Non ci sono ancora dati scientifici che lo dimostrino, precisa lo psicologo Markus Landolt in un'intervista pubblicata oggi dalla Nzz am Sonntag. Ma la connessione è altamente probabile.

Nel 2020, 49 bambini o adolescenti sono stati ricoverati al pronto soccorso dopo tentativi di suicidio, rispetto ai 22 dell'anno precedente. E per l'anno in corso le cose non sembrano andare meglio. Secondo Landolt, 21 tra adolescenti e bambini sono già stati ricoverati dopo tentativi di suicidio, quasi quanti in tutto il 2019. “Si sta arrivando a un punto critico“, dichiara il medico zurighese. La maggior parte di coloro che giungono al pronto soccorso ha almeno 12 anni, secondo Landolt, e più della metà sono femmine. Le ragazze interiorizzano i problemi molto più dei ragazzi, spiega lo psicologo: questi ultimi sono più propensi a reagire all'esterno, per esempio con l'aggressività. I ragazzini che tentano il suicidio provengono da tutte le classi sociali.

Situazioni famigliari difficili

È deprimente quello che i bambini raccontano, riferisce Landolt. “Molti descrivono situazioni familiari assai difficili, raccontano di gravi conflitti e violenze. Ma ci sono anche quelli che hanno paura di perdere il contatto con la scuola o di non essere in grado di soddisfare le alte aspettative dei loro genitori. Per i più grandi si tratta anche di paure per il futuro, per esempio di non trovare un apprendistato. Altri ancora sono socialmente esclusi e vittime di bullismo“.

“La pandemia intensifica i fattori che potrebbero portare a tentativi di suicidio”, afferma Landolt: per esempio la solitudine, la tristezza e le paure per il futuro. Le persone colpite non vedono altra via d'uscita.

Molte malattie psicosomatiche

Secondo il medico, anche il numero di ricoveri di bambini e adolescenti con disturbi psicosomatici è aumentato significativamente all'ospedale pediatrico di Zurigo durante la seconda ondata della pandemia. I casi nel periodo dallo scorso novembre a questo marzo sono stati quasi tre volte superiori a quelli dello stesso periodo dell'anno precedente. Si tratta di sintomi per i quali non si possono trovare cause fisiche. “Alcuni hanno dolori così forti che non possono più andare a scuola e sono fortemente limitati. Altri sviluppano disturbi dissociativi, cioè improvvisamente non sentono più il loro corpo correttamente o in alcuni casi non possono più muovere singole parti del corpo", riferisce Landolt.

Sono saliti pure i casi di ragazzini affetti da disordini alimentari: il numero di ricoveri nella seconda metà del 2020 è più che raddoppiato rispetto all'anno precedente, da 21 a 45. Alcuni di questi disturbi alimentari potrebbero avere esito letale.

Landolt si preoccupa anche della cura dei bambini e degli adolescenti dopo la dimissione dall'ospedale. “È praticamente impossibile trovare posti per un trattamento psicoterapeutico di follow-up. La situazione è catastrofica”, conclude.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
15 ore
Vranckx, Ceo di Swiss: 'Di nuovo redditizi dall'estate'
La compagnia aerea a inizio mese aveva annunciato il taglio della propria flotta e una riduzione di 650 impieghi a tempo pieno
Svizzera
15 ore
Positivi dopo il vaccino: in Svizzera sono 129 su 1,2 milioni
Secondo la Nzz am Sonntag entro la fine di giugno Swissmedic potrebbe autorizzare i vaccini contro il Covid-19 per gli adolescenti
Svizzera
16 ore
Il Ps svizzero: più importanza alla base del partito
I due copresidenti Mattea Meyer e Cédric Wermuth vogliono creare un consiglio di partito di circa 80 membri responsabile della direzione strategica
Svizzera
1 gior
Nuove dosi Moderna in Svizzera
Dopo un inizio in sordina, ora il ritmo delle vaccinazioni sta aumentando. Lunedì arriverà anche Pfizer
Svizzera
1 gior
Ginevra, manifestazione di solidarietà verso la Palestina
Trecento persone si sono riunite per esprimere il proprio sostegno al popolo palestinese. Anche a Basilea si è svolto un ritrovo
Svizzera
1 gior
Vallese, caduta fatale sul ghiacciaio del Grenz. Morto 31enne
A circa 3'600 metri di quota, un ponte di neve ha ceduto, facendo precipitare la vittima
Svizzera
1 gior
Manifestazione non autorizzata in Appenzello Esterno
Diverse centinaia di persone si sono riunite per protestare, in maniera pacifica, contro le misure anti-covid
Svizzera
1 gior
"Un comitato direttivo paritetico per misure anti-pandemia"
È ciò che auspicano i Cantoni, la cui proposta è quella di creare un organo di gestione che valuti la situazione e reagisca rapidamente a livello nazionale
Svizzera
1 gior
Neuchâtel, positivo al covid il 23% degli allievi di una scuola
Si tratta, in totale, di 37 scolari e cinque insegnanti. Tutte le classi sono state messe in quarantena
Svizzera
1 gior
Terrorismo, nuova legge: le ragioni del ‘sì’ e del ‘no’
Le vodesi Jacqueline de Quattro (Plr) e Virginie Cavalli (Verdi liberali) si confrontano in un faccia a faccia sulle norme sottoposte a referendum il 13 giugno
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile