laRegione
chiese-e-imprese-responsabili-ricorsi-privi-di-oggetto
Keystone
Le chiese erano state molto attive a favore dell’iniziativa
Svizzera
08.04.21 - 20:250

Chiese e imprese responsabili, ricorsi privi di oggetto

Il Tribunale federale: casomai ce ne occuperemo in futuro. I giudici losannesi non si sono pronunciati su altri due ricorsi post-voto.

Losanna – Il Tribunale federale (Tf) ha dichiarato privi di oggetto i cinque ricorsi contro la partecipazione delle Chiese alla campagna per l'iniziativa "Per imprese responsabili - a tutela dell'essere umano e dell'ambiente". Le istanze sono dunque state tolte dal ruolo. Inoltre il Tf non si è pronunciato su due ricorsi presentati dopo il voto.

I cinque ricorsi erano stati inoltrati alla suprema corte di Losanna prima della votazione, tenuta lo scorso 29 novembre. I loro autori denunciavano l'intervento di alcune Chiese cantonali e circa 700 parrocchie nella campagna. Chiedevano che fosse immediatamente impedita questa presunta interferenza e, in via sussidiaria, l'annullamento del risultato e la constatazione di una violazione della libertà di voto.

Dopo il 29 novembre, sono stati presentati altri due ricorsi. Questi, di orientamento opposto, facevano notare che l'iniziativa era stata respinta dalla sola maggioranza dei Cantoni - il popolo l'aveva accettata con il 50,73% dei consensi secondo le cifre ufficiali provvisorie. Stando ai ricorrenti, i principi fondamentali della democrazia e il principio di uguaglianza formale dei voti sono dunque stati violati.

Se la questione si ripresentasse...

In un comunicato diramato oggi, il Tf indica che i ricorsi riguardanti l'intervento delle Chiese sono diventati privi di oggetto visto che l'iniziativa non ha superato lo scoglio della votazione. Li ha tolti dal ruolo perché non c'è più interesse attuale a trattarli. Se la questione si ripresentasse, la corte suprema se ne occuperebbe qualora l'intervento delle Chiese dovesse avere un'influenza sul voto.

Per quanto riguarda gli altri due ricorsi, la prima Corte di diritto pubblico del Tf ritiene che, secondo il principio della buona fede, ci si debba aspettare che i cittadini contestino le norme procedurali che considerano contrarie alla Costituzione prima del voto. Non possono rimanere inattivi e mettere in discussione il risultato del voto a posteriori, quando il risultato non li aggrada.

I giudici di Losanna hanno inoltre indicato che sul fondo il ricorso dei ricorrenti è manifestamente infondato. La violazione dell'uguaglianza dei voti derivante dalla regola della doppia maggioranza di Cantoni e popolo è prevista dalla Costituzione ed è vincolante per il Tribunale federale. Il Tf ha anche dichiarato irricevibili gli argomenti relativi a carenze nelle informazioni fornite e a varie irregolarità citate nei due ricorsi.

Giovani Plr: un avvertimento alle Chiese

I Giovani liberali radicali, che hanno presentato i ricorsi contro l'intervento delle Chiese nei cantoni di Berna, Argovia, San Gallo e Turgovia, deplorano la decisione del Tf. In un comunicato affermano che il ruolo delle Chiese nella campagna ha sollevato molte questioni politiche che avrebbero giustificato una sentenza di principio.

La decisione dei giudici supremi non rappresenta però un via libera alle Chiese per la partecipazione a future campagne, sostengono. A loro avviso la decisione del Tf dovrebbe essere intesa come un avvertimento. Secondo i Giovani del Plr, il Tribunale federale è stato limpido: se in futuro le Chiese dovessero influenzare l'esito di una votazione, il Tf chiarirà se potranno partecipare alla campagna.

Chiese: partecipazione a dibattito pubblico è ovvia

La piattaforma Kirche für Konzernverantwortung (Chiese per imprese responsabili), che ha coordinato la campagna, accoglie invece con favore la decisione dei giudici di Losanna. L'impegno per la conservazione del Creato e la protezione dei più deboli fa parte della missione della Chiesa, si legge in un comunicato.

In una democrazia viva e diversificata, è ovvio che anche la Chiesa si esprima su questioni politiche e partecipi ai dibattiti pubblici. Il tentativo di impedirlo è rivelatore di mancanza di fiducia nella democrazia e nei cittadini.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
6 ore
Scovato a Berna dalla polizia un locale con bisca clandestina
Si giocava d'azzardo illegalmente, quasi nessuno indossava una mascherina e il numero massimo di avventori era stato superato
Svizzera
10 ore
Zurigo, ‘turista’ olandese arrestato con 6 chili di cocaina
Nella sua automobile rinvenuta droga per mezzo milione di franchi
Svizzera
12 ore
Alla Confederazione restano 740'000 test Pcr scaduti
Nel marzo di un anno fa ne erano stati acquistati oltre 1 milione, per un costo complessivo di 16,7 milioni di franchi
VALLESE
12 ore
Randa, trent'anni dopo la grande frana
Il Vallese ricorda i tre scoscendimenti dell'aprile 1991. Oggi il villaggio e i suoi abitanti sono protetti dalla tecnologia
Svizzera
13 ore
Coronavirus, pressing dell'Udc sul Plr per le riaperture
Marco Chiesa su Twitter: se le richieste di allentamento dell'Udc non saranno sostenute, potrebbero esserci conseguenze alle Federali del 2023
Svizzera
14 ore
Tra i ragazzini raddoppio di tentati suicidi: c'entra la pandemia
Più del doppio dei tentativi di suicidio tra bimbi e adolescenti rispetto al 2019 registrati dal Kinderspital di Zurigo: la maggior parte ha meno di 12 anni.
Svizzera
15 ore
Accordo quadro: anche Cassis a Bruxelles con Parmelin
'Nessun altro consigliere federale conosce il dossier così bene come me", sostiene il ticinese in un'intervista pubblicata dal 'SonntagsBlick'.
Svizzera
1 gior
Guy Parmelin andrà a Bruxelles il 23 aprile
La Commissione europea conferma la data del vertice tra Ursula von der Leyen e il presidente della Confederazione. Missione: salvare l’accordo quadro.
Svizzera
1 gior
Covid, Fässler: "Occorre dialogo con i giovani"
Il direttore delle polizie cantonali auspica un coinvolgimento degli adolescenti nelle decisioni future relative alle restrizioni dovute al coronavirus
Svizzera
1 gior
Vallese, morti due alpinisti al Finsteraarhorn
L'incidente è avvenuto ieri. Le vittime sono precipitate per circa 200 metri tra i dirupi rocciosi a oltre 4'000 metri di quota
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile