laRegione
08.04.21 - 15:36

Gli studenti alzano la voce, 'ci servono prospettive'

Insegnamento a distanza, finanze, salute mentale, borse di studio, situazione di esami e aule al centro di un appello dell'Unione svizzera degli universitari

Ats, a cura de laRegione
gli-studenti-alzano-la-voce-ci-servono-prospettive
(TI-Press)

Dopo un anno di restrizioni dovute alla pandemia, gli studenti chiedono il sostegno di Confederazione e Cantoni. In assenza di segnali relativi a un allentamento della situazione, l'associazione che li rappresenta esige prospettive per impedire che in molti abbandonino la propria formazione.

Sono molti gli aspetti che preoccupano l'Unione svizzera degli universitari (USU) in tempi di coronavirus. Fra questi vi sono l'insegnamento a distanza, le finanze, la salute mentale e la situazione delle borse di studio, degli esami e delle aule, si legge in una nota odierna.

Un appello con rivendicazioni concrete è stato dunque lanciato alle autorità federali, cantonali e alle alte scuole. L'organizzazione domanda che gli studenti siano associati a tutte le prossime tappe di riapertura. L'insegnamento ibrido, che combina lezioni in presenza a lezioni online, deve riprendere il più rapidamente possibile, afferma l'USU.

Biblioteche e luoghi di lavoro devono inoltre rimanere aperti. La durata delle borse di studio va prolungata e va istituito un fondo nazionale d'urgenza con un aiuto economico di 5000 franchi per universitario.

In totale, le richieste contenute nel catalogo sono 29. Per l'USU, l'obiettivo è chiaro: si tratta di evitare che un gran numero di giovani molli il proprio percorso formativo per ragioni da far risalire all'epidemia di Covid-19.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
3 ore
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
4 ore
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
5 ore
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
1 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
1 gior
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
1 gior
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
1 gior
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
1 gior
Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050
Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
1 gior
Il parlamento apre il paracadute per Axpo
Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
© Regiopress, All rights reserved