laRegione
06.04.21 - 13:20

Disordini a San Gallo, ricorsi contro allontanamenti dal centro

Ricorsi inoltrati contro i divieti di accesso ad alcune zone della città pronunciati contro oltre 500 persone dopo i disordini durante le festività pasquali

Ats, a cura de laRegione
disordini-a-san-gallo-ricorsi-contro-allontanamenti-dal-centro

Il canton San Gallo ha ricevuto i primi ricorsi relativi ai divieti di accedere a determinate aree della città pronunciati contro oltre 500 persone dopo i disordini registrati durante le festività pasquali.

Il Venerdì Santo ci sono stati disordini per la seconda volta in una settimana. La domenica di Pasqua, la polizia ha controllato centinaia di persone a seguito di nuovi appelli alla violenza pubblicati sui social media: 60 persone sono state fermate e sono stati emessi oltre 500 divieti di accedere ad alcuni luoghi della città. Gli agenti hanno anche fermato un gruppo che trasportava 2,5 litri di alcool metilico e piccole bottiglie vuote che avrebbero potuto essere utilizzate per confezionare bombe Molotov.

"Gli allontanamenti in questa situazione straordinaria sono stati considerati proporzionati", stando a una valutazione dell'operazione di polizia. Non ci sono stati disordini, nessuno è rimasto ferito e i danni alla proprietà sono stati ampiamente evitati.

Nessun effetto sospensivo

Questa misura implica che la persona interessata non può accedere a una piazza, un parco o un quartiere per un massimo di un mese. La polizia di San Gallo ha sfruttato questo margine di manovra: per i prossimi 30 giorni le circa 500 persone colpite dal provvedimento non potranno più entrare nel perimetro designato.

"Abbiamo ricevuto i primi ricorsi contro i divieti", ha detto all'agenzia di stampa Keystone-ATS Hans-Rudolf Arta, segretario generale del dipartimento cantonale di sicurezza e giustizia. Le persone interessate hanno 14 giorni di tempo per opporsi.

Il cantone deve verificare se gli allontanamenti soddisfano i requisiti legali, sono proporzionati nel caso specifico e non rappresentano una grave violazione dei diritti fondamentali. L'interesse pubblico a scongiurare il pericolo deve prevalere sull'interesse privato degli esclusi dall'uso dello spazio pubblico.

"I ricorsi non hanno effetto sospensivo", ha spiegato Arta. Le persone respinte non possono entrare nel perimetro in questione fino a quando il cantone prenderà una decisione, a meno che non debbano recarsi in città per lavoro o studio. Se il ricorso viene respinto, è ancora possibile appellarsi al tribunale amministrativo.

Un ulteriore appello alla violenza

"Volevamo fermare la spirale di violenza", ha detto Roman Kohler, portavoce della polizia cittadina di San Gallo. "Ci sono già appelli alla violenza per venerdì prossimo", ha aggiunto precisando che dei 33 espulsi Venerdì Santo, 25 hanno ignorato l'ordine e dovranno ora subirne le conseguenze.

Il portavoce della polizia è consapevole che i molti divieti ad accedere al perimetro sollevano anche interrogativi. Gli interessati che possono spiegare in modo credibile di essere stati ingiustamente respinti possono contattare la polizia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
22 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
2 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
2 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved