laRegione
04.04.21 - 12:39
Aggiornamento: 13:18

Covid, i centri fitness vogliono ottenere rimborso dallo Stato

L'obiettivo dell'azione legale è quello di obbligare il governo a risarcire i danni per i passivi accusati

Ats, a cura de laRegione
covid-i-centri-fitness-vogliono-ottenere-rimborso-dallo-stato
Keystone

La Federazione svizzera dei centri fitness e di salute (Fscfs) ha avviato un'azione di responsabilità dello Stato contro la Confederazione. A causa delle restrizioni in vigore per contenere il coronavirus, essi sono infatti costretti a rimanere chiusi, un provvedimento che porta a grandi perdite di fatturato e che ritengono "sproporzionato".

"Le chiusure forzate sono arbitrarie", ha affermato il presidente dell'associazione Claude Ammann sull'edizione odierna del "SonntagsBlick". Con l'azione legale, depositata al Dipartimento federale delle finanze (Dff), l'obiettivo è quello di obbligare il governo a risarcire i danni per i passivi accusati.

Contattato dall'agenzia Keystone-Ats, il Dff ha confermato di aver ricevuto qualche richiesta di rimborso a carico dello Stato. Il dipartimento non ha però voluto entrare nei dettagli ed esprimersi più approfonditamente sull'argomento, a causa dei procedimenti in corso.

L'organizzazione sta coordinando e finanziando una causa contro la Confederazione, indica la Fscfs in un comunicato. L'azione legale è stata presentata da Urs Saxer, professore di diritto costituzionale all'Università di Zurigo. Questo caso modello, che dovrebbe spianare la strada ad altri, è quello di un centro fitness di Berna, il quale ha chiesto un risarcimento di 259'000 franchi.

Saxer, raggiunto da Keystone-Ats, ha spiegato che un'azione di responsabilità dello Stato è l'unico modo per cercare di far valere i propri diritti in materia di compensazione dei danni. Secondo l'esperto, il Consiglio federale ha esercitato i suoi poteri discrezionali "in modo chiaramente non obiettivo e illegale". La valutazione dell'esecutivo è stata frettolosa, sbagliata e non ha tenuto contro delle evidenze scientifiche.

La situazione attuale fa sì che l'esistenza dei centri fitness sia sempre più minacciata, avverte l'associazione che li rappresenta. I fondi nell'ambito dei casi di rigore non sono proporzionati ai buchi nelle entrate che durano da mesi. Inoltre, lamenta la Fscfs, non ci sono prove che vi siano più persone infettate dal Covid-19 nelle palestre rispetto che sui mezzi pubblici o nei negozi.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 min
Tra le pagine dei libri francesi c’è aria di bufera
La Comco apre un’inchiesta contro il gruppo editoriale Madrigall per valutarne la sua eventuale posizione dominante relativa al mercato
Svizzera
13 ore
Buste paga meno pesanti per le donne? ‘Non è discriminazione’
Per Conny Wunsch, professoressa di economia del lavoro a Basilea, le ragioni delle disparità salariali sono molteplici
Svizzera
14 ore
Consegnati all’esercito i primi due droni israeliani
Gli apparecchi israeliani sarebbero dovuti arrivare a partire dal 2019. Gli altri quattro saranno consegnati entro la fine dell’anno
Svizzera
14 ore
Netto balzo in avanti dei pernottamenti in dicembre
Secondo una prima stima, la progressione è stata del 28% rispetto allo stesso periodo del 2021. Grazie in particolare ai turisti (+67%)
Svizzera
15 ore
Medicina di genere, nuova cattedra all’Università di Zurigo
Si tratta di una prima in Svizzera. Obiettivo: mettere l’accento sulle donne nella ricerca medica
Svizzera
16 ore
Sospeso il processo d’Appello a Blatter e Platini
La causa dello stop al procedimento per truffa è una richiesta di ricusazione dell’insieme del tribunale
Svizzera
17 ore
Aviaria, dopo il Ticino e Zurigo ora c’è un caso pure a Lucerna
Il virus H5N1 è stato riscontrato in un gabbiano reale zampegialle a Sursee rinvenuto nei pressi della città vecchia
Svizzera
19 ore
Dopo partita ‘caldo’ alla stazione di Altstetten
Scontri fra tifosi del San Gallo e polizia (che fa ricorso ai proiettili di gomma) a margine della partita con lo Zurigo
Svizzera
20 ore
‘Salta’ un bancomat a Neuendorf, ladri in fuga
Preso di mira un distributore di denaro all’interno di un negozio. Per motivi di sicurezza la zona attorno è stata isolata per diverse ore
Svizzera
20 ore
Sunrise, massa salariale ritoccata al rialzo
L’incremento globale sarà del 2,6%, del 2,8% per i dipendenti soggetti al contratto collettivo di lavoro
© Regiopress, All rights reserved