laRegione
31.03.21 - 19:05
Aggiornamento: 22:35

‘Violati i diritti umani nelle carceri svizzere’

Il duro rapporto della Ong Humanrights.ch: ‘Situazione al di sotto degli standard minimi richiesti dall'Onu’

Ats, a cura de laRegione
violati-i-diritti-umani-nelle-carceri-svizzere
Le sbarre di un carcere svizzero (Keystone)

Le condizioni di detenzione in Svizzera violano i diritti umani, in particolare per quanto riguarda la detenzione preventiva, la segregazione in cella, l'assistenza medica e il trattamento di detenuti con malattie psichiche. Lo afferma la Ong Humanrights.ch.

Stando a un rapporto del Centro svizzero di competenza per i diritti umani (Csdu), in questi ambiti la Svizzera viola gli standard minimi dell'Onu per il trattamento di persone detenute, noti anche come "Nelson Mandela Rules" (Nmr), scrive la Ong in una nota.

Benché non siano giuridicamente vincolanti, le norme Nmr costituiscono una linea guida politicamente significativa per le autorità, il potere giudiziario e il legislatore, sottolinea Humanrights.ch.

Il rapporto del Csdu critica in particolare il fatto che la cosiddetta "segregazione cellulare" (Art. 78 del Codice penale) sia utilizzata in Svizzera come standard nella detenzione preventiva e spesso come punizione disciplinare nell'esecuzione di sentenze e misure. Questo avviene nonostante il fatto che il corpo medico sia concorde nell'affermare che la segregazione ha effetti negativi sulla salute dei detenuti.

‘Punizioni degradanti’

I detenuti considerati pericolosi vengono inoltre spesso isolati a tempo indeterminato nelle unità speciali di alta sicurezza. Secondo il Csdu, "la segregazione cellulare per una durata indeterminata costituisce in ogni caso una violazione al divieto della tortura e delle punizioni disumane o degradanti". Secondo Humanrights.ch, le varie forme di segregazione devono essere esaminate a fondo. I politici e le autorità devono garantire che questa pratica, ritenuta dannosa per la salute, sia usata solo come ultima ratio e per un periodo il più breve possibile.

Il Csdu critica peraltro la mancanza d'indipendenza del personale sanitario che si occupa dei detenuti. Il servizio sanitario è infatti integrato nell'organizzazione gerarchica degli istituti penitenziari, piuttosto che nel sistema della sanità pubblica. Si chiede inoltre alle autorità di intensificare gli sforzi per garantire che i problemi di salute mentale siano trattati in modo appropriato quando i prigionieri sono privati della loro libertà. Questo soprattutto in riferimento alle misure terapeutiche stazionarie previste dall'articolo 59 del Codice penale svizzero. Le misure stazionarie, previste per le persone che soffrono di gravi turbe mentali, interessano attualmente quasi una persona su cinque detenuta in un penitenziario svizzero, scrive Humanrights.ch.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
21 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
23 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
2 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
2 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved