laRegione
23.03.21 - 19:32

Vaccinazioni, Mister dati intima il blocco di un sito

Avviata una procedura contro il gestore della piattaforma che propone un libretto elettronico. Critiche all’Ufficio federale della sanità pubblica.

vaccinazioni-mister-dati-intima-il-blocco-di-un-sito
Interruzione delle trasmissioni

Berna – L'incaricato federale della protezione dei dati e della trasparenza (Ifpdt) ha aperto un procedimento formale contro il gestore della piattaforma www.mievaccinazioni.ch, che propone un libretto delle vaccinazioni elettronico. Mister dati considera plausibili le violazioni dei dati segnalate dalla rivista online svizzerotedesca "Republik" e ha intimato alla fondazione che gestisce il sito di disattivarlo fino a nuovo avviso.

L'Ifpdt è stato informato due giorni fa dalla testata. Ha provveduto a esaminare sommariamente le accuse sollevate, le informazioni che gli sono state rivelate e ha consultato il Centro nazionale per la cibersicurezza, precisa in una nota odierna. Ieri, 22 marzo, ha avviato nei confronti della Fondazione mievaccinazioni con sede a Gümligen (Be) un accertamento dei fatti secondo l'articolo 29 della legge federale sulla protezione dei dati.

‘Elevato numero di persone’ interessate

Si è inoltre adoperato affinché il trattamento di dati considerati lacunosi fosse immediatamente interrotto, rileva, aggiungendo che quanto proposto dalla piattaforma potrebbe violare i diritti della personalità di un elevato numero di persone, tanto più che nella fattispecie entrano in considerazione dati personali degni di particolare protezione concernenti la salute.

È stato inoltre intimato ai responsabili della fondazione di prendere posizione molto rapidamente nei confronti dell'Ifpdt sulle accuse sollevate e su quanto rivelato da "Republik". Inoltre, Mister dati attende indicazioni su eventuali perdite di dati. Visto che il procedimento è in corso, l'Incaricato non può al momento rilasciare ulteriori dichiarazioni, conclude la nota.

L’Ufsp: disattivato myCOVIDvac.ch

Contattato dall'agenzia Keystone-Ats, l'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) spiega di aver appreso da informazioni esterne che la piattaforma myCOVIDvac.ch potrebbe presentare gravi lacune in materia di sicurezza.

Il sito è gestito dalla Fondazione mievaccinazioni per conto dell'Ufsp e documenta le vaccinazioni contro il coronavirus nel libretto elettronico mievaccinazioni.ch. Questa documentazione è volontaria.

L'Ufsp dichiara di aver chiesto immediatamente alla fondazione di esaminare le informazioni e di colmare le lacune. Nel frattempo, la piattaforma myCOVIDvac.ch è stata disattivata. Secondo l'Ufsp, la fondazione ha già preso le prime misure.

Critiche da Fondazione consumatori

Critiche sono state mosse anche dalla Fondazione per la protezione dei consumatori della Svizzera tedesca (Stiftung für Konsumentenschutz). In una nota quest'ultima afferma che l'attività della piattaforma mievaccinazioni.ch deve essere fermata subito e in modo permanente.

Dopo questa fuga di dati, l'Ufsp deve finalmente assumersi le sue responsabilità e garantire un libretto delle vaccinazioni sicuro e affidabile che sia anche compatibile con i viaggi internazionali, aggiunge la fondazione, chiedendo che le persone già registrate siano informate se i loro dati sono stati usati in modo improprio.

Lacune già segnalate in gennaio

Intervistato questa sera durante il programma d'informazione Forum della radio romanda Rts, il preposto cantonale vallesano alla protezione dei dati e alla trasparenza, Sébastien Fanti, ha dichiarato che le lacune nella sicurezza del sito mievaccinazioni.ch erano già state segnalate in gennaio. Ciò nonostante, la piattaforma, che conserva tra l'altro i dati personali su cancro, malattie croniche e infezioni dal virus dell'immunodeficienza umana (Hiv), ha potuto proseguire le proprie attività fino a marzo, ha detto Fanti, esprimendo sorpresa.

A suo avviso, sarà difficile ripristinare la fiducia in un sito che potrebbe giocare un ruolo nella questione di un possibile certificato di vaccinazione contro il Covid-19.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
10 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
12 ore
In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico
Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
13 ore
Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati
Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
14 ore
Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese
Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
14 ore
Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche
La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
15 ore
La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico
Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
Svizzera
16 ore
Sostegno e aiuti dalla Svizzera alle vittime del terremoto
Mano tesa del nostro Paese verso Turchia e Siria. Lo indica il presidente della Confederazione Alain Berset con un ‘cinguettio’
Svizzera
17 ore
Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look
Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
Svizzera
1 gior
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
© Regiopress, All rights reserved