laRegione
22.03.21 - 15:16
Aggiornamento: 19:23

Una commissione di vigilanza per le chiamate delle casse malati

Le chiamate indesiderate degli assicuratori malattia potrebbero venir sanzionate con multe fino a mezzo milione di franchi. Lo prevede un accordo del 2020

Ats, a cura de laRegione
una-commissione-di-vigilanza-per-le-chiamate-delle-casse-malati
(Keystone)

Le chiamate indesiderate a freddo, ossia da parte di assicuratori malattia a caccia di nuovi clienti, potrebbero venir sanzionate con multe fino a mezzo milione di franchi. Lo prevede un accordo concluso all'inizio del 2020 da 48 casse, concretizzatosi ora con l'istituzione di una Commissione di sorveglianza. Stando alle due associazioni di categoria Curafutura e Santésuisse, anche le indennità per gli intermediari verranno limitate.

La Commissione di sorveglianza comprende otto membri, tutti con esperienza nel ramo, spiega una nota congiunta, in cui sono rappresentati anche i consumatori. Tra i membri figura anche l'ex consigliera di stato ticinese Patrizia Pesenti (PS), dal 1999 al 2011 alla testa del Dipartimento della sanità e della socialità.

La nuova struttura deve controllare il rispetto delle regole dell'intesa riguardanti gli intermediari in vigore dall'inizio di quest'anno, cui hanno aderito finora 48 assicuratori, pari al 90% del totale.

Le sanzioni per il mancato rispetto delle prescrizioni possono andare fino a 100 mila franchi al massimo per l'assicurazione di base e addirittura 500 mila per le complementari. Se la sanzione è contestata da un assicuratore, spetterà a un tribunale arbitrale pronunciarsi. La denuncia, in caso di sospetto, può essere inoltrata sia da un assicurato che da una cassa malattia, come anche dalle associazioni dei consumatori o degli assicuratori.

L'accordo prevede da parte degli affiliati la rinuncia a ricorrere alle telefonate a freddo, ossia quelle telefonate con potenziali clienti con i quali non c'è stato ancora alcun contatto, e contempla anche standard di qualità per gli intermediari. L'obiettivo? Evitare chiamate indesiderate. Per gli intermediari sono previsti 70 franchi per l'assicurazione di base e l'equivalente di un premio annuale per le complementari.

L'accordo dovrebbe consentire di selezionare gli intermediari coscienziosi da quelli che non rispettano gli standard di qualità, si legge nella nota.

L'anno scorso, il Consiglio federale aveva inviato in consultazione un progetto di legge volto a vietare le chiamate a freddo e indennizzare i "bonus" per gli intermediari. Al momento è atteso il messaggio governativo al parlamento. Lucius Dürr, presidente della neonata commissione ha dichiarato a Keystone-ATS di essere favorevole a una futura normativa federale in materia che potrebbe essere estesa all'intero settore.
Nota:

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Un velo indossato male e la morte: il grido degli svizzeri
Più di mille persone hanno manifestato in varie città a sostegno delle della protesta in corso in Iran dopo la morte della 22enne curda Mahsa Amini
Svizzera
8 ore
Infertilità e calo delle nascite: ma non è colpa dei vaccini
Lo rivela uno studio. Altre ricerche parlano di questa possibilità, temporanea, per quanto riguarda la fertilità degli uomini
Svizzera
9 ore
Una svizzera, prima donna, a capo della Croce Rossa
Mirjana Spoljaric Egger guiderà un’organizzazione di 20’000 dipendenti per un budget di due miliardi di franchi all’anno
Svizzera
1 gior
Il ‘dopo Maurer’ non vedrà scendere in campo Martullo-Blocher
La consigliera nazionale e vicepresidente dell’Udc svizzera ha fatto sapere di non essere interessata a candidarsi per il Consiglio federale
Svizzera
1 gior
Uno Stato maggiore ad hoc gestirà l’eventuale penuria energetica
Verrà attivato non appena il mercato non sarà più in grado di funzionare da solo e saranno necessari divieti e limitazioni d’utilizzo
Svizzera
1 gior
Maurer, 14 anni fra collegialità e fedeltà di partito
Ritratto del consigliere federale Udc al passo d’addio a fine anno. Bene alle Finanze interne, non eccelso sulla scena internazionale
Svizzera
1 gior
Ueli Maurer si dimette dal Consiglio federale
Il capo del Dipartimento delle finanze ed ex presidente Udc lascia il governo dopo 14 anni
Svizzera
1 gior
Il Nazionale vuole una tassa sul ‘Pronto soccorso facile’
La Camera del popolo ha respinto l’archiviazione della proposta di una tassa di 50 franchi per chi si reca al Ps per problemi di salute lievi
Svizzera
1 gior
Pietra tombale sull’autonomia del governo sulle sanzioni
Il Nazionale boccia la revisione della legge sugli embarghi. Insolita saldatura fra l’Udc contraria in toto e la sinistra che voleva una portata più ampia
Svizzera
2 gior
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
© Regiopress, All rights reserved