laRegione
si-fanno-desiderare-gli-aiuti-per-i-casi-di-rigore
Ti-Press
Gli aiuti faticano ad arrivare
21.03.21 - 15:47
Aggiornamento: 17:04

Si fanno desiderare gli aiuti per i casi di rigore

I Cantoni fino alla fine di febbraio avevano versato poco più di mezzo miliardo di franchi. Solo 9 milioni in Ticino, nel frattempo saliti a oltre 25..

Berna – Fino alla fine di febbraio, in relazione alla crisi dovuta al coronavirus i Cantoni hanno versato alle imprese solo 544 milioni di franchi di aiuti per i casi di rigore. Lo ha riferito per primo il "SonntagsBlick". Nella sessione primaverile le Camere federali hanno portato a dieci miliardi i fondi a disposizione a questo scopo. E nel frattempo sia gli importi che il numero di aziende aiutate hanno fatto un balzo avanti: in Ticino in poche settimane si è passati da 9 milioni a oltre 25 milioni, versati a 450 aziende circa .

Stando al sito del Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (Defr) e a quello del Dipartimento federale delle finanze (Dff), tra il 26 settembre 2020 e il 28 febbraio 2021 i Cantoni hanno pagato complessivamente circa 492 milioni di franchi di contributi a fondo perso a 7'207 aziende. Inoltre 332 ditte hanno ottenuto prestiti per circa 52 milioni. I complessivi 544 milioni versati comprendono contribuiti della Confederazione e dei Cantoni.

Da 2,5 a 10 miliardi

I Cantoni sono responsabili dell'esame delle richieste di aiuti per i casi di rigore, della concessione dei prestiti e del versamento degli importi. Dall'autunno ricevono un sostegno statale le imprese che hanno subito perdite a causa dell'emergenza coronavirus.

Nella sessione primaverile appena conclusa il parlamento ha aumentato gli aiuti da 2,5 a dieci miliardi di franchi. Un'azienda è considerata un caso di rigore qualora il fatturato è sceso di almeno il 40% o se è stata costretta a chiudere i battenti per oltre quaranta giorni. Le Camere hanno inoltre deciso di tenere conto anche delle società create prima dell'ottobre scorso; in precedenza la scadenza era fissata al marzo 2020.

I criteri posti per le ditte interessate e la rapidità dei versamenti variano da Cantone a Cantone. Stando al Defr e al Dff, sino a fine febbraio Zurigo e Ginevra (circa 75 milioni ciascuno) sono quelli che hanno pagato più contributi a fondo perso, seguiti da Vallese (70 milioni) e Vaud (51 milioni). Berna ne ha erogati quasi 35 milioni, Svitto 25, Basilea Città 24 e Argovia 23. I Grigioni alla fine del mese scorso avevano distribuito 10,71 milioni (a 123 aziende). Turgovia, Nidvaldo e Obvaldo non hanno ancora attribuito fondi e da parte di Zugo non erano disponibili informazioni.  Con circa 205 milioni di franchi la maggioranza dei contributi a fondo perso sono stati concessi ad imprese del settore della ristorazione, seguita da quello alberghiero (76 milioni) e da quello dei viaggi (55 milioni).

Oltre 25 milioni in Ticino

Il Ticino a fine febbraio aveva versato 9,05 milioni (a 164 aziende). Nel frattempo la cifra è quasi triplicata. La scorsa settimana erano stati superati i 25 milioni (si tratta quasi esclusivamente di contributi a fondo perso); 450-500 le aziende che fino a pochi giorni fa avevano ricevuto gli aiuti. «La ‘macchina’ sta viaggiando, i soldi vengono versati: di settimana in settimana, l’importo complessivo aumenta abbastanza velocemente», dice a ‘laRegione’ il consigliere di Stato Christian Vitta, responsabile del Dipartimento finanze ed economia. Il Cantone per il momento ha previsto di destinare 75 milioni di franchi ai casi di rigore. Nel frattempo però i fondi messi a disposizione da Berna sono aumentati. Il credito ‘cantonale’ verrà pertanto corretto verso l’alto. 

Stando alla Segreteria di stato dell'economia (Seco), diversi Cantoni hanno potuto iniziare con i versamenti soltanto in marzo. Tuttavia questi sono avanzati rapidamente, ha indicato la Seco all'agenzia Keystone-Ats. La Segreteria ritiene che i dati relativi alla situazione a fine marzo, che verranno pubblicati a metà aprile, saranno sensibilmente superiori.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aiuti cantoni casi di rigore coronavirus
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Un dipendente su tre non vuole più andare in ufficio
Il sondaggio del portale finews.ch riguarda gli impiegati del settore finanziario
gallery
Svizzera
2 ore
A Zurigo una nuvola artificiale contro la canicola
Un grande anello in alluminio diffonde goccioline talmente piccole da non bagnare i passanti, ma che permettono di far calare la temperatura di vari gradi
Svizzera
2 ore
Salgono i casi di coronavirus, 46’025 nell’ultima settimana
Nell’arco di sette giorni il numero di nuove infezioni è salito del 39%, quello delle ospedalizzazioni del 51,7%
Svizzera
3 ore
Nuovamente percorribile la strada del Susten
Riaperto il valico tra i cantoni Uri e Berna, dopo che ieri una frana ne aveva provocato la momentanea chiusura
Svizzera
4 ore
Secondo richiamo raccomandabile, ma non prima dell’autunno
Covid, secondo booster per ora consigliato solo agli ultraottantenni e immunocompromessi. Passata l’estate, lo sarà per le persone ‘a rischio’
Svizzera
6 ore
Ha un nome il corpo ritrovato nell’Aare, a Rubigen
Formalmente identificata la salma rinvenuta il 29 giugno: si tratta di un 76enne bernese dato per disperso dopo che si era tuffato più a monte
Svizzera
6 ore
Donna salvata dalla Rega nelle gole dell’Areuse
La giovane era scivolata finendo in acqua in un luogo molto incassato. Soccorsa con l’ausilio del verricello
Svizzera
8 ore
La formazione continua è la carta vincente. E va incentivata
Ne è convinta Travail.Suisse, che chiede un’offensiva in questo campo. E maggiori aiuti dal settore pubblico sotto forma di borse di studio
Svizzera
9 ore
Nel 2021 ancora l’ombra della pandemia sugli studi medici
Malgrado il miglioramento rispetto a marzo-ottobre 2020, quasi la metà di loro anche l’anno scorso ha registrato un calo delle attività
Svizzera
11 ore
Femsa vuole fare spesa da Valora: sul piatto 1,1 miliardi
L’azienda messicana intenzionata ad acquistare il rivenditore al dettaglio basilese. Offerti 260 franchi per azione
© Regiopress, All rights reserved