laRegione
auto-test-covid-venduti-online-ma-non-sono-approvati
Per ora il tampone resto uno dei pochi metodi certi (Ti-Press)
Svizzera
21.03.21 - 08:390
Aggiornamento : 09:58

Auto-test Covid venduti online, ma non sono approvati

Alcuni portali li propongono nonostante i pareri contrari di Swissmedic e dell'Ufficio della sanità pubblica. Si teme la terza ondata con i non vaccinati

Gli autotest per il coronavirus non sono ancora approvati in Svizzera. Ciononostante, scrive oggi la SonntagsZeitung, diversi negozi online li stanno già vendendo. Cleanswiss, fornitore di prodotti di pulizia e disinfezione, per esempio, pubblicizza la vendita di test rapidi sulla sua homepage. L'autorità di vigilanza Swissmedic è contraria alla vendita al grande pubblico non essendo (ancora) stati approvati dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). E anche se un produttore ha il via libera dell'UFSP per il suo test rapido, tali test possono essere venduti solo attraverso le farmacie.

Test di massa? Berset spinge, non i Cantoni

Sempre secondo lo stesso domenicale, il ministro della sanità Alain Berset vuole che il 40% della popolazione svizzera sia testato preventivamente per il coronavirus ogni settimana il più presto possibile. Offensiva che tuttavia è in stallo. Cantoni come Vaud, Vallese, Lucerna e Zurigo non decideranno fino alle prossime settimane se possono o vogliono espandere i loro test pilota per test di massa nelle scuole e nelle aziende. Zurigo, i cantoni della Svizzera orientale, ma anche Basilea vogliono fare a meno dei test di massa nelle scuole, preferendo azioni laddove se ne senta il reale bisogno. Anche i grandi distributori Migros e Coop, così come le aziende federali come Posta e Ffs, frenano sulla questione se e come permetteranno i test di massa per il personale.

Terza ondata con i non vaccinati

Gli ospedali svizzeri rischiano di dover affrontare una nuova ondata dopo l'estate. Secondo gli esperti, dopo la fine dell'attuale campagna di vaccinazione, potrebbero esserci nuovi focolai tra coloro che non sono stati vaccinati, come scrive la "Nzz am Sonntag". Il consigliere federale Alain Berset ha dichiarato venerdì scorso che i divieti non potranno più essere giustificati una volta che tutti coloro che desiderano essere vaccinati lo saranno. Tuttavia l'Ufficio federale della sanità pubblica avverte: un rilassamento completo dopo la copertura vaccinale sarebbe associato a un numero sostanziale di casi aggiuntivi di malattia e morte. Motivo: la quota dei non vaccinati. Secondo un sondaggio della Sst infatti il 20% della popolazione non vuole essere vaccinata, il 28% è indeciso. E il tasso di rifiuto è più alto tra i giovani.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
15 ore
Vranckx, Ceo di Swiss: 'Di nuovo redditizi dall'estate'
La compagnia aerea a inizio mese aveva annunciato il taglio della propria flotta e una riduzione di 650 impieghi a tempo pieno
Svizzera
15 ore
Positivi dopo il vaccino: in Svizzera sono 129 su 1,2 milioni
Secondo la Nzz am Sonntag entro la fine di giugno Swissmedic potrebbe autorizzare i vaccini contro il Covid-19 per gli adolescenti
Svizzera
17 ore
Il Ps svizzero: più importanza alla base del partito
I due copresidenti Mattea Meyer e Cédric Wermuth vogliono creare un consiglio di partito di circa 80 membri responsabile della direzione strategica
Svizzera
1 gior
Nuove dosi Moderna in Svizzera
Dopo un inizio in sordina, ora il ritmo delle vaccinazioni sta aumentando. Lunedì arriverà anche Pfizer
Svizzera
1 gior
Ginevra, manifestazione di solidarietà verso la Palestina
Trecento persone si sono riunite per esprimere il proprio sostegno al popolo palestinese. Anche a Basilea si è svolto un ritrovo
Svizzera
1 gior
Vallese, caduta fatale sul ghiacciaio del Grenz. Morto 31enne
A circa 3'600 metri di quota, un ponte di neve ha ceduto, facendo precipitare la vittima
Svizzera
1 gior
Manifestazione non autorizzata in Appenzello Esterno
Diverse centinaia di persone si sono riunite per protestare, in maniera pacifica, contro le misure anti-covid
Svizzera
1 gior
"Un comitato direttivo paritetico per misure anti-pandemia"
È ciò che auspicano i Cantoni, la cui proposta è quella di creare un organo di gestione che valuti la situazione e reagisca rapidamente a livello nazionale
Svizzera
1 gior
Neuchâtel, positivo al covid il 23% degli allievi di una scuola
Si tratta, in totale, di 37 scolari e cinque insegnanti. Tutte le classi sono state messe in quarantena
Svizzera
1 gior
Terrorismo, nuova legge: le ragioni del ‘sì’ e del ‘no’
Le vodesi Jacqueline de Quattro (Plr) e Virginie Cavalli (Verdi liberali) si confrontano in un faccia a faccia sulle norme sottoposte a referendum il 13 giugno
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile