laRegione
auto-test-covid-venduti-online-ma-non-sono-approvati
Per ora il tampone resto uno dei pochi metodi certi (Ti-Press)
21.03.21 - 08:39
Aggiornamento : 09:58

Auto-test Covid venduti online, ma non sono approvati

Alcuni portali li propongono nonostante i pareri contrari di Swissmedic e dell'Ufficio della sanità pubblica. Si teme la terza ondata con i non vaccinati

Ats, a cura de laRegione

Gli autotest per il coronavirus non sono ancora approvati in Svizzera. Ciononostante, scrive oggi la SonntagsZeitung, diversi negozi online li stanno già vendendo. Cleanswiss, fornitore di prodotti di pulizia e disinfezione, per esempio, pubblicizza la vendita di test rapidi sulla sua homepage. L'autorità di vigilanza Swissmedic è contraria alla vendita al grande pubblico non essendo (ancora) stati approvati dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). E anche se un produttore ha il via libera dell'UFSP per il suo test rapido, tali test possono essere venduti solo attraverso le farmacie.

Test di massa? Berset spinge, non i Cantoni

Sempre secondo lo stesso domenicale, il ministro della sanità Alain Berset vuole che il 40% della popolazione svizzera sia testato preventivamente per il coronavirus ogni settimana il più presto possibile. Offensiva che tuttavia è in stallo. Cantoni come Vaud, Vallese, Lucerna e Zurigo non decideranno fino alle prossime settimane se possono o vogliono espandere i loro test pilota per test di massa nelle scuole e nelle aziende. Zurigo, i cantoni della Svizzera orientale, ma anche Basilea vogliono fare a meno dei test di massa nelle scuole, preferendo azioni laddove se ne senta il reale bisogno. Anche i grandi distributori Migros e Coop, così come le aziende federali come Posta e Ffs, frenano sulla questione se e come permetteranno i test di massa per il personale.

Terza ondata con i non vaccinati

Gli ospedali svizzeri rischiano di dover affrontare una nuova ondata dopo l'estate. Secondo gli esperti, dopo la fine dell'attuale campagna di vaccinazione, potrebbero esserci nuovi focolai tra coloro che non sono stati vaccinati, come scrive la "Nzz am Sonntag". Il consigliere federale Alain Berset ha dichiarato venerdì scorso che i divieti non potranno più essere giustificati una volta che tutti coloro che desiderano essere vaccinati lo saranno. Tuttavia l'Ufficio federale della sanità pubblica avverte: un rilassamento completo dopo la copertura vaccinale sarebbe associato a un numero sostanziale di casi aggiuntivi di malattia e morte. Motivo: la quota dei non vaccinati. Secondo un sondaggio della Sst infatti il 20% della popolazione non vuole essere vaccinata, il 28% è indeciso. E il tasso di rifiuto è più alto tra i giovani.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
autotest online sanità pubblica swissmedic
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
9 ore
La legge più inutile? Vietare le campane al collo delle mucche
Lo ha stabilito l’associazione ‘IG Freiheit’, che ha conferito l’annuale riconoscimento a una norma fatta valere a Berikon, nel canton Argovia
Svizzera
15 ore
Negazionista multirecidivo condannato a sei mesi di carcere
L’uomo aveva definito la Shoah una frode e postato varie tesi razziste sui social. Nessuna sospensione condizionale concessa: dovrà scontare la pena
Svizzera
15 ore
Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza
Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere
Svizzera
16 ore
Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro. Unia critica
Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
Svizzera
16 ore
Più mezzi ai servizi segreti contro l’estremismo violento
Fra le novità poste in consultazione l’accresciuta sorveglianza dell’estremismo violento, anche con metodi di controllo intrusivi, e dei flussi finanziari
Svizzera
18 ore
Ciclista ubriaco dà in escandescenze alla centrale di polizia
Movimentato fermo di un uomo in sella alla sua bici in stato di ebbrezza ieri sera a Weinfelden
Svizzera
18 ore
Passo del Furka, riapertura anticipata al 25 maggio
Inizialmente previsto per il 10 giugno, il via libera è stato anticipato poiché i lavori di sgombero della neve e di ripristino sono a buon punto
Svizzera
19 ore
Servizio universale, statu quo della ComCom fino a fine 2023
Complice la revisione dell’ordinanza sui servizi di telecomunicazione, la concessione a Swisscom sarà prolungata d’ufficio di un anno
Svizzera
20 ore
Caro-carburanti, da Berna niente sgravi sui dazi
Per ora non sussiste alcuna necessità immediata di adottare misure compensatorie: così il governo risponde a diversi interventi parlamentari
Svizzera
21 ore
Fondi russi bloccati: ‘Sanzioni di ampiezza e peso mai visti’
Parole di elogio dall’ambasciatore americano nella Confederazione per gli sforzi di Berna nella ricerca dei capitali da congelare: ‘Sforzi immensi’
© Regiopress, All rights reserved