laRegione
15.03.21 - 17:27

Rifugiati, il Nazionale boccia giro di vite chiesto dall'Udc

Respinta la mozione che chiedeva di non accogliere rifugiati da regioni a rischio terrorismo e di rinchiudere i richiedenti asilo di identità non accertata

Ats, a cura de laRegione
rifugiati-il-nazionale-boccia-giro-di-vite-chiesto-dall-udc
(Keystone)

La Svizzera deve continuare ad accogliere rifugiati provenienti da regioni a rischio terrorismo, e non deve alloggiarli in centri chiusi. Il Consiglio nazionale ha bocciato oggi - con 139 voti a 53 - due mozioni dell'UDC che chiedevano un giro di vite nel settore dell'asilo invocando ragioni di sicurezza.

Il dibattito, che non ha riservato sorprese, si è tenuto nel quadro di una sessione straordinaria sul tema della migrazione e dell'asilo. Le due proposte democentriste, di tenore analogo, volevano in un caso scongiurare l'arrivo in Svizzera di persone potenzialmente pericolose provenienti da regioni con forte presenza di gruppi terroristici e, nell'altro, alloggiare in centri chiusi o controllare in maniera permanente coloro la cui identità non è accertata, nell'attesa di un chiarimento completo.

Nel 2020 e il 2021 il Consiglio federale ha deciso di accogliere fino a 1600 rifugiati bisognosi di protezione, ha ricordato Michaël Buffat (UDC/VD), facendo notare che almeno l'80% di questo contingente è destinato a persone provenienti dalle regioni di crisi del Medio Oriente. "Non possiamo correre il rischio di fare entrare richiedenti pericolosi per la nostra sicurezza, che poi non possiamo allontanare."

"La domanda non è se ma quando la Svizzera sarà colpita da attacchi", gli ha fatto eco la collega di partito Martina Bircher (AG) , elencando una serie di recenti attacchi avvenuti in Europa e Svizzera - Parigi, Berlino, Morges - e pure quelli scongiurati di Basilea, dove un giovane voleva fare esplodere dei serbatoi di carburante, e di Winterthur, dove un Imam aveva proferito minacce nei confronti dei fedeli di altre religioni.

Non si sono fatte attendere le repliche dal resto dell'emiciclo. La socialista Ada Marra (VD) ha snocciolato una serie di cifre, concludendo che in otto anni sono 6342 le persone in fuga dalla guerra in Siria accolte in Svizzera. Le mozioni vogliono porre fine a questa "accoglienza lillipuziana", ha aggiunto, invocando la tradizione umanitaria elvetica e parlando di proposte disumane. La maggior parte degli attacchi sono commessi da persone che vivono qui, ha ricordato.

Sulla stessa lunghezza d'onda Marco Romano (Centro/TI), che ha bollato i due interventi UDC come "non necessari e fuori luogo", e sottolineato che non sono certo queste mozioni a poter risolvere il problema del terrorismo. Serve, ha aggiunto, "rigore e controlli", facendo notare come gli attacchi di Morges e Lugano non riguardino richiedenti. Chi non comunica la propria identità non ha diritto, per legge, all'asilo, ha poi ricordato.

Per Aline Trede (Verdi/BE) si è trattato di "un dibattito sui valori che distinguono la Svizzera e contraddistinguono la nostra società, valori che sono a rischio perché da parecchio tempo nel mirino dell'UDC". La sicurezza è un criterio fondamentale, ha da parte sua aggiunto Damien Cottier (PLR/NE), ma il sistema di screening permette un livello di controllo elevato. "Escludere tutte le persone che provengono dalle zone a rischio sarebbe una grande ipocrisia, perché i rifugiati non provengono dalla Svezia o dal Canada".

La ministra di giustizia e polizia Karin Keller-Sutter ha rammentando che il programma di reinsediamento deve aiutare chi scappa dalla guerra e riguarda persone definite rifugiati dall'UNHCR. Alla Svizzera viene proposta l'accoglienza di persone analizzate sotto vari aspetti, ha aggiunto, elencando controlli di identità, interrogatori, impronte digitali e verifica dei documenti.

"Se l'identità non è certa non vengono accolti", ha sottolineato, facendo notare ai ranghi dell'UDC come si tratti di persone vulnerabili, donne, bambini, anziani, malati. "Naturalmente sappiamo che ci sono anche gruppi radicalizzati, ma è proprio da loro che scappano queste persone." Per quanto riguarda la seconda mozione, Keller-Sutter ha semplicemente precisato che rinchiudere richiedenti non è conforme alla Costituzione federale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Impennata di casi di coronavirus
Sono 25’134 nell’ultima settimana, con 13 morti e 290 ricoverati. Una settimana fa erano il 50 per cento in meno
le mosse nell’udc
6 ore
Stamm Hurter apre a una candidatura per il dopo-Maurer
È consigliera di Stato nel Canton Sciaffusa. Gregor Rutz, interpellato sullo stesso argomento, invece si tira indietro: era considerato tra i favoriti
Svizzera
9 ore
Negli impianti di risalita... saliranno anche i prezzi
Previsti aumenti ‘moderati’. Resta anche la sfida del reclutamento del personale
Svizzera
10 ore
Riuscita l’iniziativa per l’imposizione individuale dei coniugi
I promotori chiedono una tassazione separata allo stesso modo dei conviventi. Ma è già allo studio il progetto del Consiglio federale
Svizzera
10 ore
A sciare in elicottero: e scatta il ‘Sasso del Diavolo’
Il premio per il trasporto più insensato va all’offerta ‘Heliski’ di Swiss Helicopter. I più virtuosi? Un’azienda che produce case sostenibili in legno
Svizzera
10 ore
La distrazione al volante fa 60 morti e 1’100 feriti ogni anno
L’uso del telefono è la principale causa di disattenzione alla guida fra i giovani. L’Ufficio prevenzione infortuni lancia una campagna
Svizzera
10 ore
Fornitura di gas, se la solidarietà fra vicini (forse) non c’è
La Svizzera non sarebbe un partner interessante per la Germania, poiché non dispone di riserve sul proprio territorio
Svizzera
12 ore
Se la coda in autostrada fa perdere tempo e... soldi
Ammontano a tre miliardi di franchi i costi causati dai ritardi dovuti al traffico; a dirlo l’Ufficio federale dello sviluppo territoriale
Svizzera
1 gior
Traffico sulla A13 e la A28, niente ‘bacchetta magica’
Il problema del traffico turistico di aggiramento sulle due arterie grigionesi impone una strategia sovracantonale
Svizzera
1 gior
Tentata rapina a mano armata a Crans Montana
Preso di mira, poco prima delle 6, un negozio del centro. È caccia ai malviventi (due) in Vallese
© Regiopress, All rights reserved