laRegione
covid-in-svizzera-il-56-degli-adulti-vuole-il-vaccino
13.03.21 - 10:48

Covid, in Svizzera il 56% degli adulti vuole il vaccino

Secondo un'indagine dell'istituto Link, i giovani sarebbero più critici, mentre un eventuale obbligo verrebbe visto in generale in maniera negativa

Il 56% della popolazione adulta in Svizzera è "sicuramente" o "piuttosto" favorevole all'idea di farsi vaccinare contro il Covid. I più critici sono i romandi e i giovani.

Nella fascia di età fra i 18 e i 34 anni è il 48% a volersi fare vaccinare, secondo un'indagine svolta dall'istituto Link e pubblicata oggi dal "Blick". Per la ricerca sono state sentite a inizio marzo 1'172 persone.

Fra i 35 e i 50 anni la quota di favorevoli sale al 55%, fino ad arrivare al 73% fra i 51 e i 79 anni. Tra i romandi solamente il 23% vuole farsi vaccinare "sicuramente", dato che sale al 41% in Ticino e al 43% nella Svizzera tedesca.

Un eventuale obbligo di vaccinazione viene visto in generale in maniera critica: il 48% non ne vuole sapere, mentre il 38% è "sicuramente" o "piuttosto" favorevole.

I giovani, pur essendo più critici nei confronti del vaccino, si sono fatti testare più frequentemente: nella fascia di età fra i 18 e i 34 anni, il 45% ha già effettuato il test almeno una volta, dato che scende al 40% fra i 35 e i 50 anni e al 30% fra i 51 e i 79 anni.

La metà degli intervistati ha espresso dubbi sull'eventualità di un ritorno alla vita normale entro l'autunno.
 
 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
sondaggio svizzera vaccino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Negazionista multirecidivo condannato a sei mesi di carcere
L’uomo aveva definito la Shoah una frode e postato varie tesi razziste sui social. Nessuna sospensione condizionale concessa: dovrà scontare la pena
Svizzera
5 ore
Vittime di violenza, servono centri di prima assistenza
Lo indica una mozione della ticinese Marina Carobbio Guscetti, e che il Consiglio federale si dice pronto ad accogliere
Svizzera
6 ore
Per Smood un Ccl con migliori condizioni di lavoro. Unia critica
Il Ccl negoziato prevede un salario minimo di 23 fr./ora e un minimo di 4 ore di lavoro settimanali garantite. Dovrà ora essere accettato dal personale
Svizzera
6 ore
Più mezzi ai servizi segreti contro l’estremismo violento
Fra le novità poste in consultazione l’accresciuta sorveglianza dell’estremismo violento, anche con metodi di controllo intrusivi, e dei flussi finanziari
Svizzera
8 ore
Ciclista ubriaco dà in escandescenze alla centrale di polizia
Movimentato fermo di un uomo in sella alla sua bici in stato di ebbrezza ieri sera a Weinfelden
Svizzera
8 ore
Passo del Furka, riapertura anticipata al 25 maggio
Inizialmente previsto per il 10 giugno, il via libera è stato anticipato poiché i lavori di sgombero della neve e di ripristino sono a buon punto
Svizzera
8 ore
Servizio universale, statu quo della ComCom fino a fine 2023
Complice la revisione dell’ordinanza sui servizi di telecomunicazione, la concessione a Swisscom sarà prolungata d’ufficio di un anno
Svizzera
10 ore
Caro-carburanti, da Berna niente sgravi sui dazi
Per ora non sussiste alcuna necessità immediata di adottare misure compensatorie: così il governo risponde a diversi interventi parlamentari
Svizzera
11 ore
Fondi russi bloccati: ‘Sanzioni di ampiezza e peso mai visti’
Parole di elogio dall’ambasciatore americano nella Confederazione per gli sforzi di Berna nella ricerca dei capitali da congelare: ‘Sforzi immensi’
Svizzera
11 ore
Sostegno secolare a favore di 3’000 progetti e associazioni
Rosso semi-trasparente: è il centesimo distintivo del 1° agosto di Pro Patria. Dalla sua creazione, stanziati quasi 500 milioni di franchi
© Regiopress, All rights reserved