laRegione
coronavirus-in-svizzera-4-8-infezioni-nell-ultima-settimana
(Keystone)
11.03.21 - 12:05
Ats, a cura de laRegione

Coronavirus, in Svizzera +4,8% infezioni nell'ultima settimana

Resta stabile la situazione dei ricoveri, mentre è in costante calo la curva dei decessi. Aumentano i casi fra gli under 30 e lepersone fra i 50 e i 60 anni

Le infezioni da coronavirus sono aumentate del 4,8% nella settimana dal primo al 7 marzo. Nella nona settimana del 2021, l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha registrato 7588 casi confermati in laboratorio, contro 7243 della settimana precedente.

Nel rapporto settimanale pubblicato oggi, ma che si riferisce allo stato delle conoscenze di ieri alle 8.00 per la Svizzera e il Liechtenstein, l'UFSP qualifica l'evoluzione come "leggero aumento". L'ufficio ricorda anche che le cifre delle ultime settimane non sono ancora complete.

Ceppo "inglese" molto diffuso

Sull'insieme delle infezioni registrate, per 3290 campioni è stata verificata la natura del SARS-CoV-2: nel 72,2% dei casi si trattava di una cosiddetta variante rilevante del virus (VOC), scrive l'UFSP. Il ceppo B.1.1.7 (scoperto per la prima volta in Inghilterra) è di gran lunga il più frequente. Finora in Svizzera sono state identificate due altre VOC: B.1.351 (identificata in Sudafrica) e P.1 (descritta per la prima volta in Giappone e Brasile).

Sensibili differenze regionali

Tra il primo e il 7 marzo sono state censite 87,8 infezioni ogni 100'000 abitanti, contro una frequenza di 83,8 nei sette giorni precedenti. Il dato varia molto da cantone a cantone, con un minimo in Appenzello Interno (43) e un massimo a Ginevra (137). In Ticino erano 100 e nei Grigioni 72.

L'età mediana di tutti i casi di malattia si è attestata a 40 anni. Rispetto alla settimana precedente, nelle fasce d'età 0-9, 20-29 e 50-59 anni i casi sono aumentati di più del 10%. Per contro i casi di persone di oltre 80 anni sono diminuiti del 26%, nonostante il numero di test eseguiti sia rimasto pressoché costante. Poiché i dati sono incompleti, al momento non è ancora possibile confermare che questa diminuzione sia già dovuta all'effetto delle vaccinazioni, precisa però l'UFSP.

Stabili i ricoveri ospedalieri

Per la prima settimana di marzo sono stati dichiarati 226 ricoveri per Covid-19, contro 210 tra il 22 e il 28 febbraio. Per l'UFSP si tratta di "una stagnazione del numero di ricoveri, sebbene siano ancora attese dichiarazioni tardive". Il numero medio di pazienti ricoverati in un reparto di cure intense (176) è diminuito rispetto alla settimana precedente. L'occupazione di tali reparti si è attestata al 69% delle capacità.

L'età mediana (il 50% era più giovane, l'altro 50% più anziano) delle persone ricoverate in ospedale era di 67 anni. Il dato finora più elevato si è registrato nella settimana 42 del 2020 con 77 anni. L'età mediana è nuovamente scesa sotto i 70 anni per la prima volta dalla settimana 35 dello scorso anno.

Nella prima settimana di marzo il 78% delle persone ricoverate aveva 50 anni o più. Le persone di età compresa tra i 70 e i 79 anni sono state quelle ricoverate più frequentemente in ospedale (25% dei ricoveri). Nella fascia d'età dagli 80 anni in su l'UFSP continua a registrare un calo notevole dei ricoveri ospedalieri, dal 32% dei ricoveri complessivi nell'ultima settimana di febbraio al 21% nella in quella in esame. Anche in questo caso l'ufficio non fa un legame con la campagna vaccinale. Vengono ricoverati più uomini che donne.

Lieve calo dei decessi

Per la settimana in esame, l'UFSP ha registrato 44 decessi in relazione al coronavirus (48 negli ultimi sete giorni di febbraio). Nonostante le dichiarazioni tardive ancora attese, questo dato è probabilmente diminuito ed è quindi in costante calo dal picco massimo nella penultima settimana del 2020. Tra il primo e il 7 marzo il tasso di decessi nei cantoni e nel Liechtenstein ha oscillato tra 0 e 2,6 ogni 100'000 abitanti.

Positività dei test: stabilità

Nel periodo considerato sono stati eseguiti 174'845 test (74,2% dei quali erano PCR e il 25,8% antigenici rapidi), un numero in progressione del 3,8% rispetto alla settimana precedente. La percentuale di test PCR positivi (4,6%) nella nona settimana del 2021 è leggermente diminuita rispetto alla settimana precedente (4,8%), quella dei test antigenici rapidi è leggermente aumentata dal 4,7% al 5,0%.

Secondo le dichiarazioni di 23 Cantoni e del Principato, il 9 marzo vi erano complessivamente 10'384 persone in isolamento e 18'218 in quarantena. Inoltre, erano in quarantena 4653 persone giunte in Svizzera da un Paese con un elevato rischio di contagio. Queste cifre sono nuovamente superiori a quelle della settimana precedente, con una variazione però soltanto modesta del numero di persone in isolamento.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus svizzera ufsp
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
7 ore
Covid, 3 svizzeri su 5 soddisfatti delle comunicazioni ufficiali
Secondo uno studio, in Ticino le persone che immaginano ci sia ‘un piano più grande dietro gli avvenimenti mondiali’ sono presenti in minor misura
Svizzera
7 ore
Fa sapere di aver donato un ovulo a una coppia, condannata
L’accordo scritto fra le parti prevedeva la non divulgazione della questione. Confermata la sentenza della giustizia zurighese.
Svizzera
8 ore
Crisi energetica, abbassare il termostato per risparmiare
La Confederazione potrebbe raccomandare alle famiglie che dipendono da questa energia di diminuire la temperatura in casa durante la stagione fredda.
Svizzera
8 ore
Giovane elefante muore allo zoo di Zurigo
L’animale era affetto da un herpes virus molto diffuso tra i pachidermi e particolarmente pericoloso per gli esemplari più piccoli
Svizzera
8 ore
Travolto e ucciso da un’auto mentre si trovava sul marciapiede
È successo a Baar, nel canton Zugo. Una donna avrebbe perso il controllo della vettura uscendo di strada e schiantandosi contro una fermata del bus.
Svizzera
8 ore
La Svizzera riprende il sesto pacchetto di sanzioni
Le nuove misure contro la Russia prevedono in particolare un embargo sul petrolio greggio e su alcuni prodotti petroliferi provenienti dal Paese
Svizzera
9 ore
La Confederazione si prepara a una penuria di gas
Si sta pure studiando un piano per un eventuale razionamento. Negli ultimi mesi i flussi di gas dalla Russia all’Ue sono diminuiti costantemente
Svizzera
9 ore
Identità elettronica, avviata la consultazione
Il Consiglio federale ci riprova: dopo il secco ‘no’ alle urne, propone un nuovo Id-e emesso che ‘garantirà la massima protezione dei dati’
Svizzera
11 ore
Preventivo 2023: eccedenza di 0,3 miliardi ma nubi all’orizzonte
Dal 2024 in poi le direttive del freno all’indebitamento non potranno essere rispettate e sarà quindi necessario adottare contromisure.
Svizzera
12 ore
Materie prime: ‘Serve maggiore trasparenza’
Il Consiglio federale ha deciso di voler raccogliere maggiori dati statistici su un settore sul quale aleggia una certa opacità
© Regiopress, All rights reserved