laRegione
i-simboli-dell-islam-radicale-non-devono-avere-spazio
Keystone
Marco Chiesa
07.03.21 - 16:43

‘I simboli dell’islam radicale non devono avere spazio’

Iniziativa ‘anti-burqa’, il presidente dell’Udc Marco Chiesa soddisfatto per un segnale che ‘serve ad anticipare fenomeni di cui abbiamo già testimonianza’.

Marco Chiesa, consigliere agli Stati e presidente dell’Unione democratica di centro (Udc), i sondaggi indicavano una vittoria più comoda del ‘sì’. È deluso?

Mi aspettavo una votazione appassionante, in tutti i Cantoni. E così è stato: un bell’esercizio democratico.

Perché vietare il velo integrale è così importante in un Paese dove solo una trentina di donne lo indossano?

Perché in gioco ci sono le regole di base della convivenza pacifica e dell’integrazione. In Svizzera ci si guarda negli occhi. E qui determinati simboli dell’islam radicale non devono poter avere spazio. Come d’altronde è stato deciso in altri Paesi europei e anche a maggioranza musulmana. La politica è chiamata ad anticipare, a prevedere. È giusto fare qualcosa prima che il fenomeno diventasse difficilmente gestibile.

A cosa serve, concretamente, questo segnale?

Ad anticipare fenomeni di cui abbiamo già testimonianza. Sappiamo che persone residenti in Svizzera avevano relazioni con chi ha commesso attentati all’estero. In alcune moschee ci sono imam che predicano l’islam radicale. E alcune di queste strutture vengono finanziate dall’estero. Queste derive devono  essere immediatamente fermate e bisogna restare vigili. L’iniziativa però va oltre: vieta non solo il velo integrale, ma la dissimulazione del viso in generale.

D’ora in poi le donne col velo integrale potrebbero rinchiudersi in casa. E un divieto potrebbe anche creare un’atmosfera anti-musulmana nefasta. Cosa ne pensa?

Mi chiedo se queste donne che indossano il niqab – volontariamente o no – sono integrate nella nostra società. Non fa parte della nostra cultura che una donna si annulli dietro un pezzo di stoffa. Ad ogni modo: il nostro Codice penale contempla il reato di coazione per chi è obbligato a indossare questi simboli dell’Islam radicale. E non vedo il rischio di una crescente stigmatizzazione.

Prima i minareti, adesso il velo integrale. La prossima tappa sarà il divieto del velo nelle scuole?

La questione è legittima, dal momento che anche i crocifissi sono stati tolti dalle scuole. La domanda però non è di attualità. In questo momento ciò che deve preoccuparci sono quei fenomeni, che troppo spesso sottovalutiamo, legati alla radicalizzazione. L’ultimo rapporto del 2019 dei Servizi informativi lo conferma: anche il nostro Paese è confrontato con una crescente minaccia in quest’ambito e nel mese di giugno saremo d’altro canto chiamati ad esprimerci sulla legge che prevede misure di polizia per la lotta al terrorismo che la sinistra ha ritenuto di attaccare con un referendum.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
divieto iniziativa anti-burqa islam marco chiesa
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 ore
Sommaruga in viaggio per festeggiare i 175 anni delle Ffs
La consigliera federale è partita da Baden su un treno a vapore storico. Cerimonia ufficiale in corso alla stazione principale di Zurigo
Svizzera
5 ore
Al Ps dell’Inselspital il dolore si calma con la realtà virtuale
Un’équipe dell’ospedale bernese ha testato degli occhiali che portano virtualmente il paziente in ambienti rilassanti. I risultati sono incoraggianti
Svizzera
6 ore
Le Ffs si preparano alla Street Parade con vari treni aggiuntivi
Un orario speciale verrà inoltre adottato sulla rete notturna della Comunità dei trasporti di Zurigo
Svizzera
6 ore
Pollini, il 2022 anno eccezionale per precocità e abbondanza
In Ticino quelli del nocciolo sono presenti dalla fine di dicembre 2021. Vari i record in tutta la Svizzera
Svizzera
8 ore
Dopo l’incendio, il Kunsthaus abbassa il prezzo d’ingresso
Questo per compensare l’offerta ridotta durante i lavori, che dureranno alcuni mesi. La causa del rogo: l’autocombustione di un dispositivo a batteria
Svizzera
12 ore
Due morti in un incidente stradale sul Bernina
Durante un sorpasso un’auto si è scontrata con una moto. La polizia cerca testimoni
Svizzera
1 gior
Zurigo, viaggiatori infastiditi dalla puzza in stazione centrale
Gli odori sono causati dai bioreattori delle toilette dei nuovi treni Dosto, oltre che dal gran caldo. Le Ffs assicurano che il problema verrà risolto
Svizzera
1 gior
Tra cinque anni l’area alpina europea troppo piccola per il lupo
Dopodiché ci sarà un’autoregolazione. Secondo il Gruppo lupo svizzero una maggiore regolamentazione della specie non riuscirà a bloccarne la crescita
Svizzera
1 gior
Scoperto un altro scheletro su un ghiacciaio in Vallese
I resti sono stati ritrovati nei giorni scorsi nella regione di Saas Fee. Gli esperti di medicina legale sono al lavoro
Svizzera
1 gior
Engadina, presenza quasi certa di tre orsi
Sono stati osservati tramite le fototrappole. In assenza di test del Dna, non è possibile certificare con sicurezza che si tratti di esemplari differenti.
© Regiopress, All rights reserved