laRegione
03.03.21 - 14:18
Aggiornamento: 19:29

Nazionale, Sì a finanziamento della politica più trasparente

La Camera del popolo ha riesumato il controprogetto all'iniziativa popolare per rendere pubbliche donazioni di oltre 10'000 franchi annui a partiti politici

Ats, a cura de laRegione
nazionale-si-a-finanziamento-della-politica-piu-trasparente
(Keystone)

Il finanziamento della politica sarà più trasparente. Il Consiglio nazionale ha riesumato oggi - con 113 voti contro 78 e 3 astenuti - il controprogetto indiretto all'iniziativa popolare "Più trasparenza nel finanziamento della politica" affossato lo scorso autunno dal plenum. Il dossier torna agli Stati per l'esame delle divergenze.

Come detto, in prima lettura la modifica della legge federale sui diritti politici era stata bocciata dalla Camera del popolo dopo che questa aveva annacquato il progetto rifiutando in particolare di rendere pubbliche le donazioni versate ai partiti. Senza questa disposizione, la legge era stata definita un "involucro vuoto" da molti consiglieri nazionali.

Il Consiglio degli Stati aveva invece - per due volte - approvato la riforma, rendendola anche più severa rispetto al progetto iniziale della sua Commissione delle istituzioni politiche. Oggi anche il Nazionale ha infine ritenuto che al pari di diversi Cantoni e Comuni, anche a livello federale è necessaria maggiore trasparenza circa il finanziamento della politica.

Solo l'UDC e la maggioranza del gruppo del Centro si è opposto. "Il testo serve solo per darsi una coscienza pulita", ha sostenuto Michaël Buffat (UDC/VD). "Non migliorerà in alcun modo la trasparenza per la popolazione".

La trasparenza è impossibile da raggiungere, perché ci sono molti modi per aggirarla. Il progetto imporrà invece una "enorme burocrazia" all'amministrazione e ai partiti, i cui rappresentanti hanno anche un lavoro oltre al loro mandato politico. "Il nostro sistema di milizia sarebbe in pericolo", ha sostenuto Martina Bircher (UDC/AG).

"Il regno dell'opacità è durato abbastanza a lungo", ha replicato Ada Marra (PS/VD). "È un diritto dei cittadini avere queste informazioni", ha aggiunto Greta Gysin (Verdi/TI). Il popolo vuole sapere come vengono finanziate le campagne elettorali e referendarie.

Corina Gredig (PVL/ZH), a nome della commissione, ha parlato di credibilità: "dobbiamo impegnarci affinché la politica, il nostro lavoro, riacquisti più credibilità". Il controprogetto riprende le preoccupazioni della popolazione e le attua a livello legislativo invece che costituzionale.

Oggi, durante l'esame della legge, il Nazionale ha deciso che i partiti dovranno comunicare ogni anno bilancio e conti. Con 118 voti contro 76 ha inoltre abbassato da 25 mila franchi a 15 mila la soglia a partire dalla quale va pubblicata l'origine delle donazioni (per le campagne elettorali e di voto tale limite è di 50 mila franchi).

Questo aspetto è al centro del controprogetto. La soglia di 15'000 franchi è un compromesso proposto da Andri Silberschmidt (PLR/ZH) tra i 10'000 chiesti dalla sinistra (e dall'iniziativa) e i 25'000 proposti dagli Stati. In questo modo si spera che il comitato d'iniziativa ritiri la sua proposta di modifica costituzionale.

La Camera del popolo si è poi espressa a favore di alcune aggiunte al progetto della Camera dei cantoni: con 117 voti contro 77 voti ha deciso che i partiti devono rendere pubblici anche i contributi ricevuti dai loro rappresentanti eletti a un mandato pubblico. Con 139 voti contro 55 ha inoltre stabilito che i membri del Consiglio degli Stati sono tenuti a rendere pubblico il budget della loro campagna elettorale.

L'iniziativa

L'iniziativa popolare "Per più trasparenza nel finanziamento della politica (Iniziativa sulla trasparenza)" - sostenuta da un comitato nel quale figurano fra gli altri esponenti di PS, Verdi, PBD e PEV - esige che i partiti politici rendano pubbliche tutte le donazioni del valore superiore a 10'000 franchi all'anno. Le formazioni rappresentate all'Assemblea federale dovrebbero inoltre pubblicare la lista dei "regali" ricevuti da persone fisiche o giuridiche.

Anche i conti annuali vanno resi noti, pubblicando il bilancio e indicando gli utili o le perdite realizzate. I partiti e i candidati che spendono più di 100'000 franchi per una campagna elettorale o di votazione dovrebbero poi presentare il loro budget prima dello scrutinio precisando la provenienza dei fondi superiori ai 10'000 franchi.

L'iniziativa vieta inoltre l'accettazione di donazioni anonime in denaro o in natura, prevedendo comunque delle eccezioni.

Il Consiglio degli Stati ha già bocciato la proposta di modifica costituzionale. Il Nazionale non ha invece ancora espresso la sua raccomandazione di voto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale
I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
4 ore
Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira
Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
7 ore
Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere
Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
Svizzera
7 ore
Prodotti bio troppo cari: bocciata la proposta di Mister prezzi
Stefan Meierhans ha proposto ai rivenditori una ‘soluzione amichevole’, subito però rispedita al mittente
Svizzera
10 ore
Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna
Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
11 ore
Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita
Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
1 gior
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
1 gior
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
1 gior
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
1 gior
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
© Regiopress, All rights reserved