laRegione
03.03.21 - 11:15
Aggiornamento: 19:55

Grigioni, col covid meno sciatori ma anche meno perdite

Per il Cantone il turismo ha ovviamente risentito degli effetti della pandemia: -9% in febbraio. Nonostante ciò la perdita di ricavi ha potuto essere ridotta

grigioni-col-covid-meno-sciatori-ma-anche-meno-perdite

Come era nelle previsioni il coronavirus ha portato meno movimento in febbraio sulle piste da sci dei Grigioni: i primi ingressi negli impianti sono diminuiti del 9% rispetto allo stesso mese del 2019, ha indicato l'associazione degli impianti di risalita Bergbahnen Graubünden (BBGR). I ricavi sono pure scesi, ma si sono rivelati più elevati della media pluriennale.

"Date le circostanze, consideriamo il risultato accettabile", affermano i vertici dell'associazione in un comunicato odierno. "Tuttavia c'è mancanza di comprensione e frustrazione per quanto riguarda l'imposizione della chiusura delle terrazze nelle aree sciistiche".

A seconda delle zone, perdite più o meno limitate

Il calo del 9% è da mettere peraltro in relazione con un'annata molto buona: se considerato rispetto alla media degli ultimi cinque o dieci anni la flessione si riduce al 3%. Si osservano anche marcate differenze regionali: nei Grigioni centrali e in Surselva la contrazione nei confronti dell'anno scorso è stata del 3-4%, mentre in Engadina si è attestata al 16%.

Il fatturato del febbraio 2020 è stato del 6% in meno di quello dello stesso mese del 2019, ma del 2% superiore alla media degli ultimi cinque anni e del 4% più elevato della media del decennio. Questo perché sciare diventa sempre più caro: secondo BBGR i dati si spiegano infatti con "l'evoluzione dell'offerta e i relativi adeguamenti dei prezzi, nonché con le strategie di differenziazione dei prezzi".

Estendendo lo sguardo all'intera stagione, sino al 28 febbraio 2021, si ha un calo annuo dell'affluenza pari al 22% - l'equivalente di circa 40 milioni di franchi - che si riduce rispettivamente all'11% e al 13% nel confronto su cinque o dieci anni. A livello di proventi l'arretramento è del 21% (meno 8-9% rispetto alle medie pluriennali).

Per i ristoranti un disastro: incomprensibile la chiusura delle terrazze

BBGR non dispone di cifre precise relative alle perdite per i ristoranti, ma sulla base delle informazioni in suo possesso stima che il calo sia di oltre il 60%. Parecchia incomprensione suscita la chiusura delle terrazze imposta lo scorso fine settimana. "Le aziende non riescono a capire perché non sia stata valutata in modo neutrale una soluzione che era ben attuata da due mesi, che era sostenuta dal cantone dei Grigioni, che teneva conto della situazione epidemiologica e che garantiva la protezione della salute degli appassionati di sport sulla neve".

Bergbahnen Graubünden si chiede se, nel contesto della pandemia, il Consiglio federale sia legittimato a dare maggior peso a ragioni di "politica statale" che a quelle epidemiologiche. Inoltre viene considerato frustrante vedere come l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) autorizzi mense per i dipendenti e per le scuole di sci al chiuso e allo stesso tempo non permetta l'apertura delle terrazze esterne. "Dove sono la proporzionalità e l'uguaglianza dei diritti?", si chiede l'organizzazione.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Due morti a Disentis per una valanga
La slavina ha travolto un gruppo di tre sciatori fuori pista, una sola delle quali è rimasta illesa
Svizzera
3 ore
La meteo fa i capricci: in Ticino quasi 20°C, neve in montagna
Il favonio da nord ha alzato eccezionalmente la colonnina di mercurio nel sud della Svizzera: 19,5°C a Locarno. Rischio valanghe nei Grigi
Svizzera
5 ore
La Brévine festeggia il freddo, pronta una brioche da record
Nella ‘Siberia della Svizzera’ inizia il festival locale: fornai pronti a sfornare una brioche da 4,18 metri, in onore dei -41,8°C toccati nel 1987
Svizzera
7 ore
Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera
Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
Svizzera
8 ore
Secondo il Ceo, i prezzi dei prodotti Nestlé saliranno ancora
Secondo Mark Schneider, però, la multinazionale non è responsabile del rincaro essendo essa stessa vittima dell’aumento dei prezzi
Svizzera
10 ore
L’urto e poi le fiamme: incidente sull’A2, una donna è grave
Il sinistro è avvenuto questa notte fra il tunnel del Seelisberg e Altdorf. La conducente è uscita dal veicolo incendiato con l’aiuto di altre persone
la guerra in ucraina/1
11 ore
Sulla riesportazione delle armi svizzere il vento è cambiato
Commissione degli Stati vuole allentare la legge. Anche per sostenere l’industria bellica svizzera. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
1 gior
Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’
La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
Svizzera
1 gior
Compromesso all’orizzonte sulla riforma della Lpp
Sul modello di compensazione, la commissione del Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Restano in sospeso altri punti
Svizzera
1 gior
Iniziativa sui ghiacciai, al popolo l’ultima parola
Le firme raccolte sono oltre il doppio di quelle necessarie: riuscito il referendum dell’Udc contro la legge per la neutralità carbonica entro il 2050
© Regiopress, All rights reserved