laRegione
28.02.21 - 09:32
Aggiornamento: 10:10

Il Covid getta in una crisi profonda gli alberghi

Occupazione ai minimi storici e perdite di fatturato in febbraio per il settore a livello nazionale. E l'estate non promette una ripresa

Ats, a cura de laRegione
il-covid-getta-in-una-crisi-profonda-gli-alberghi
Ascona (Ti-Press)

Continua a peggiorare la situazione nel settore alberghiero elvetico a causa del semiconfinamento decretato per combattere la pandemia da coronavirus. Nel mese di febbraio, le strutture segnalano forti perdite a livello di fatturato e tassi di occupazione ai minimi storici. Nelle aree urbane, i tassi di occupazione in febbraio hanno raggiunto il 15 per cento, contro il 55 per cento dello stesso mese del 2019, prima della pandemia. È quanto emerge da un sondaggio pubblicato oggi da HotellerieSuisse. Le strutture alberghiere nelle regioni di montagna mostrano cifre migliori (occupazione del 50 per cento, rispetto al 57 per cento nel 2019) grazie alle buone condizioni meteorologiche e all'apertura di stazioni sciistiche.

Tuttavia, più di un terzo degli stabilimenti (36 per cento) lamenta un tasso di occupazione inferiore alla metà. "Questo dimostra che la clientela svizzera non è sufficiente a compensare l'assenza di turisti stranieri", sottolinea l'organizzazione alberghiera. Inoltre, il fatturato degli hotel riflette maggiormente la situazione rispetto al dato del tasso di occupazione: gli alberghi accusano infatti anche un forte calo degli introiti dei ristoranti, che possono ormai solo servire i clienti che dormono nella struttura.

Le perdite sono ingenti

Nonostante una buona settimana bianca, tutte le regioni prevedono perdite significative per febbraio. Circa il 66 per cento delle strutture alberghiere ha subito perdite di fatturato fino a 250'000 franchi, e l'11 per cento delle aziende ha addirittura perso tra 250'000 e 500'000 franchi. Nelle zone urbane, invece, l'11 per cento ha registrato perdite di 750'000 franchi o più in febbraio. Per tutta la stagione invernale, gli alberghi svizzeri si aspettano perdite medie superiori al milione di franchi. Questa cifra potrebbe anche superare 1,5 milioni di franchi nelle città.

In termini di fatturato, due terzi degli stabilimenti hanno registrato un calo superiore al 40 per cento e per quasi il 10 per cento degli hotel, il calo è compreso tra il 30 e il 40 per cento. Circa la metà delle aziende ha abbassato i prezzi per la stagione invernale (69 per cento nelle città, 30 per cento nelle zone rurali e nelle regioni alpine).

Prospettive pessime

Le prospettive non sono migliori per la stagione estiva, avverte HotellerieSuisse: i tassi di occupazione previsti da giugno ad agosto non dovrebbero superare il 20-30 per cento. Il tasso medio di occupazione per lo stesso periodo tra gli anni 2017 e 2019 è stato del 51 per cento. Nelle città, la situazione delle prenotazioni sarà addirittura "catastrofica" (meno del 20 per cento, contro una media del 73 per cento tra il 2017 e il 2019).

La pandemia di coronavirus sta anche mettendo a dura prova la formazione professionale del settore, rileva lo studio. Circa un quinto delle strutture formerà meno apprendisti quest'anno rispetto al 2019. Inoltre, quasi il 30 per cento delle aziende nelle aree urbane non sono in grado di formare i giovani a causa della crisi.

"Il sondaggio mostra che un rapido versamento degli aiuti di austerità sotto forma di sovvenzioni a fondo perduto è essenziale per la sopravvivenza di molte strutture", commenta Andreas Züllig, presidente di HotellerieSuisse, citato nel documento.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
friburgo
7 ore
Tribunale cantonale assolve in appello 27 attivisti per clima
Avevano bloccato l’entrata di un centro commerciale il 29 novembre 2019 in occasione della giornata del Black Friday.
Svizzera
13 ore
Mattarella auspica Berna in programmi europei di ricerca
Per il presidente italiano ‘una collaborazione che si inserisce nel più ampio contesto europeo e contribuisce allo sviluppo del nostro continente’
Svizzera
18 ore
Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro
La Confederazione è all’ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ‘Smeraldo’
Svizzera
19 ore
Tetto massimo ai premi di cassa malati, non se ne parla
Il Consiglio degli Stati ha respinto l’entrata in materia sulla proposta socialista di limitare i premi al 10% del reddito disponibile
Svizzera
20 ore
Cercasi mangiatori di plastica nei suoli alpini
L’Istituto federale di ricerca sulla foresta, la neve e il paesaggio ne ha analizzato la possibilità: scoperti organismi sensibili
Successione Sommaruga-Maurer
1 gior
I partiti mantengono un profilo basso
A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
1 gior
Sergio Mattarella accolto con gli onori militari
Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
1 gior
Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone
La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
1 gior
Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’
La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
1 gior
Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo
L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
© Regiopress, All rights reserved