laRegione
aperture-prudenti-udc-e-plr-delusi-gli-altri-partiti-no
(Ti-Press)
24.02.21 - 18:34
Ats, a cura de laRegione

Aperture prudenti, UDC e PLR delusi, gli altri partiti no

Marco Chiesa, presidente Udc, definisce 'un affronto' le prudenti aperture decise dal Consiglio federale. Critico anche il Plr, la sinistra sostiene le misure

L'Unione democratica di centro è delusa dalle prime prudenti aperture decise oggi dal Consiglio federale. Per il partito di Marco Chiesa si tratta di "un affronto" e la popolazione e le aziende sono le principali vittime. Critico, soprattutto nei confronti della lunga chiusura dei ristoranti, si mostra anche il PLR. Dal canto loro, gli altri partiti, in special modo quelli di sinistra, sostengono la strategia decisa dal governo.

"Il Consiglio federale continua ad essere ostinato e ignora la volontà dei Cantoni e delle commissioni parlamentari", scrive l'UDC in una nota odierna. Secondo i democentristi, la maggioranza dei Cantoni ha chiesto chiaramente ulteriori e più celeri aperture.

Sia la Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio nazionale sia quella dell'economia e dei tributi degli Stati avevano proposto un'apertura delle terrazze e dei ristoranti con effetto già dal 22 marzo. Si tratta di una mera dimostrazione di forza e di vessazione del Consiglio federale. Questa decisione non si fonda su alcun dato scientifico, secondo l'UDC.

PLR: "incomprensibile" non riapertura ristoranti

Il Partito liberale radicale se la prende con la non riapertura, neppure parziale, del settore della gastronomia già a partire dal primo marzo, sebbene una maggioranza dei Cantoni l'avesse chiesta.

Il PLR esige ora un sistema di coordinamento chiaro per le prossime settimane. Chiede inoltre che i giovani di meno di 18 anni non vengano più presi in considerazione nel fissare il limite massimo di partecipanti per i raduni privati e che ogni due settimane il governo faccia un riesame delle misure. Infine è imperativo, secondo i liberali radicali, che la campagna di vaccinazione venga accelerata e che si aumenti la cadenza dei test.

Alleanza del Centro: "contenti ma..."

Reazione in chiaroscuro da parte dell'Alleanza del Centro. L'ex Partito popolare-democratico approva, da un lato, la strategia del Consiglio federale che consente i primi allentamenti dal primo marzo. Dall'altro, la formazione di Gerhard Pfister deplora il fatto che il Governo mantenga la regola di un massimo di cinque persone riunite in un luogo chiuso, a suo dire, non praticabile per le famiglie.

"Abbiamo bisogno con urgenza di maggiore coesione e di solidarietà anziché di polarizzazione e di divisione del nostro Paese, aggiunge l'Alleanza del Centro, per la quale soltanto rimanendo uniti si supererà la crisi.

PS: linea di condotta "ragionevole"

Dal canto suo, il Partito socialista si è congratulato con il Consiglio federale per essersi attenuto alla sua linea di condotta, che viene definita "ragionevole". A suo avviso, le aperture a tappe si basano su criteri scientifici.

Assieme alla campagna di vaccinazione, tale strategia di distensione offre alla popolazione una prospettiva per questa primavera e quest'estate. Le aziende beneficiano di una maggiore certezza in materia di pianificazione. Un allentamento troppo rapido metterebbe in pericolo i progressi sanitari realizzati durante le ultime settimane. Ma gli aiuti economici, aggiunge il PS, rimangono ancora insoddisfacenti.

Verdi: bene aperture "con prudenza"

I Verdi ricordano come la situazione rimanga incerta. È quindi importante che il Consiglio federale proceda ad aperture "con prudenza" e graduali.

Non deve esserci un'apertura "alla cieca" il 22 marzo e resta essenziale il fatto di aumentare il sostegno economico e di vigilare affinché l'aiuto alle persone in difficoltà giunga rapidamente in ogni cantone, sottolineano gli ecologisti.

Anche i Verdi liberali sostengono le prime caute aperture decise oggi dal Consiglio federale. Per il presidente del PVL Jürg Grossen, la strategia governativa è "sensata e ragionevole". L'esecutivo non si è lasciato influenzare da coloro che non sanno più se sono un partito al governo o all'opposizione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alleanza del centro consiglio federale marco chiesa partito socialista plr udc verdi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
16 ore
Buon compleanno ferrovie svizzere: oggi sono 175 anni
Il 7 agosto 1847 la prima linea ferroviaria interamente su suolo svizzero fu aperta al traffico tra Zurigo e Baden. Le Ffs nacquero a inizio del XX secolo
Svizzera
16 ore
Batosta in vista sui premi di cassa malati nel 2023
Secondo uno studio di Accenture, per coprire l’aumento dei costi della salute, in Ticino si prevede un balzo in avanti di circa il 10%
Svizzera
17 ore
Con la procedura agevolata centinaia di domande di cambio sesso
Con la riforma entrata in vigore a inizio anno per il cambiamento di sesso nel registro di stato civile non è più necessario passare da un giudice
Svizzera
18 ore
Dopo i problemi iniziali, i bipiano Ffs ora molto affidabili
All’inizio i convogli Alstom-Bombardier, il più grande appalto di sempre delle Ffs, avevano problemi di accessibilità e tecnici, in gran parte risolti
Svizzera
18 ore
Il presidente di ElCom ribadisce: possibili blackout in inverno
Werner Luginbühl, che presiede la Commissione federale dell’energia elettrica, accusa i politici di non aver ‘preso sul serio’ gli avvertimenti
Svizzera
19 ore
Maillard (Uss): disordini sociopolitici senza aumento dei salari
Il presidente dell’Unione sindacale svizzera paventa conseguenze disastrose per il mercato del lavoro e i consumi senza aumenti salariali
Svizzera
21 ore
Energia, in Svizzera aiuti economici ‘né necessari né utili’
Secondo Eric Scheidegger, capo della Direzione politica economica della Segreteria di Stato dell’economia, la Confederazione è meno colpita dal problema
Svizzera
1 gior
Povertà, in Svizzera poca differenza tra campagna e città
Sono colpite principalmente donne, famiglie monoparentali e persone con un basso livello d’istruzione
Svizzera
1 gior
Barbabietola da zucchero, previsto raccolto superiore alla media
Ha beneficiato di una primavera calda e secca. La coltura potrebbe però ridursi se nelle prossime non ci sarà sufficiente pioggia.
Svizzera
1 gior
Caldo, alluvioni... ecco come funziona il sistema di allerta
Nel caso degli avvisi meteorologici non tutti i livelli di pericolosità sono definiti per ogni fenomeno.
© Regiopress, All rights reserved