laRegione
21.02.21 - 13:23

Sempre più ricchi cercano rifugio in Svizzera

Nei loro Paesi d'origine temono agitazioni politiche, criminalità e conseguenze negative generate dalla crisi pandemica mondiale

Ats, a cura de laRegione
sempre-piu-ricchi-cercano-rifugio-in-svizzera
Lugano, un must (Ti-Press)

Agitazioni politiche, criminalità e conseguenze della crisi del coronavirus nonché incertezze nei loro Paesi d'origine spingono sempre più ricche famiglie in provenienza da tutto il mondo verso la Svizzera. «Si tratta di una fuga verso la sicurezza», spiega Alex Koch de Gooreynd dell'agenzia immobiliare Knight Frank. Accanto al tradizionale rifugio costituito dalla Confederazione, i milionari ricercano anche la qualità di vita e la disponibilità delle autorità elvetiche, sebbene il denaro sporco sia diventato un tabù. Tuttavia anche tra i nuovi flussi migratori le imposte svolgono un ruolo importante. I milionari, che nonostante la crisi hanno accumulato una vasta fortuna, temono di dover essere chiamati alla cassa nel loro Paese d'origine. In Svizzera per contro, grazie al basso indebitamento, aumenti delle tasse sono per il momento improbabili.

Il 25% dei patrimoni offshore (una volta era il 50%)

Quasi 2'500 miliardi di dollari di beni esteri sono custoditi in Svizzera. Con una quota di circa un quarto dei patrimoni offshore globali, la Confederazione è sempre leader sul mercato mondiale, anche se prima della crociata internazionale contro il segreto bancario tale proporzione si situava quasi al 50%. Gli afflussi e deflussi di denaro hanno seguito le ondate, rileva Peppi Schnieper della società di consulenza Bain. Circa due anni fa è iniziato l'afflusso verso centri offshore come la Svizzera, tra le altre cose a causa delle turbolenze politiche quali la Brexit. Da circa nove mesi questa tendenza si è accelerata. Elemento chiave di tali afflussi sono state le tensioni geopolitiche e le possibili ripercussioni economiche della crisi del coronavirus. «Poiché la Svizzera continua a essere considerata come un porto sicuro, anche una parte dei soldi viene tuttora trasferita qui», rimarca Schnieper.

Attratti da regole alleggerite

Inoltre, il bilancio seppur mitigato della lotta contro il coronavirus non nuoce all'attrattiva della Svizzera, al contrario: poiché il Governo ha limitato la libertà di movimento meno drasticamente rispetto ad altri Paesi, ciò costituisce un vantaggio agli occhi dei milionari. La Confederazione ha attuato un lockdown meno duro, ricorda Florian Dürselen, responsabile per l'Europa del gestore del fondo Lgt Svizzera. Durante la seconda ondata della pandemia scuole e impianti sciistici sono infatti rimasti aperti: «Tali decisioni pragmatiche sono viste di buon occhio ad esempio dai tedeschi».

La sicurezza nelle cose semplici

Oltre a ciò vi sono i tradizionali vantaggi della Confederazione, ossia un sistema politico stabile, un buon sistema sanitario e la sicurezza. «Uno dei miei clienti mi ha detto che in Svizzera suo figlio può prendere tranquillamente il bus per recarsi a scuola, mentre nel suo Paese d'origine questo non è possibile», ha aggiunto Koch de Gooreynd.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
13 ore
‘Brilla’ un bancomat a Füllinsdorf, malviventi in fuga
Altro botto nella notte in Svizzera. Stavolta è toccato a un impianto di erogazione di contante di Basilea Campagna
Svizzera
13 ore
Sì del Nazionale all’imposta minima delle grandi multinazionali
Restano solo da appianare alcune divergenze relative alla ripartizione tra Confederazione e Cantoni del gettito supplementare
Svizzera
13 ore
‘L’affitto pesa in modo sproporzionato sul reddito’
Grido d’allarme dell’Associazione Svizzera Inquilini. Sommaruga: ‘Per le famiglie a basso reddito raggiunti i limiti della sopportazione’
Svizzera
14 ore
In dogana con un ghepardo imbalsamato
Benché debitamente dichiarato, l’animale è stato sequestrato in quanto mancava l’autorizzazione basata sulla convenzione di Washington
Svizzera
14 ore
Duecentomila voci per la responsabilità delle multinazionali
A due anni dalla bocciatura alle urne dell’iniziativa, depositata alla Cancelleria federale una petizione che chiede una legge efficace
Svizzera
14 ore
Dodici milioni di... anelli per la Catena della solidarietà
È l’importo delle donazioni raccolte a favore delle vittime della carestia nell’Africa orientale
Svizzera
16 ore
Operaio travolto dal treno nella notte a Rickenbach
Nonostante i tentativi di rianimazione, l’uomo, un 34enne serbo, è deceduto sul posto. Ancora da chiarire le cause esatte dell’incidente
Svizzera
16 ore
Cure ambulatoriali e ospedaliere finanziate su base unitaria
Il Consiglio degli Stati approva la riforma di legge sull’assicurazione malattie. Sulla quale ora dovrà esprimersi il Nazionale
Svizzera
17 ore
I rapporti con l’Unione europea vanno rilanciati
È l’appello sottoscritto da duecento personalità svizzere. Che chiedono al Consiglio federale di chiarire quanto prima le sue intenzioni
Svizzera
17 ore
Si schianta contro un albero: morto un 21enne
Grave incidente della circolazione ieri sera a Uster. A seguito della violenza dell’impatto, il giovane è deceduto sul posto
© Regiopress, All rights reserved