laRegione
19.02.21 - 15:56
Aggiornamento: 18:26

Svizzera Turismo: "Il 2020 è stato un anno da dimenticare"

Colpiti soprattutto gli alberghi di città, che hanno perso complessivamente circa due terzi del loro fatturato

Ats, a cura de laRegione
svizzera-turismo-il-2020-e-stato-un-anno-da-dimenticare

"Il 2020 per il turismo elvetico è stato un anno da dimenticare". Non utilizza giri di parole Martin Nydegger, direttore di Svizzera Turismo, commentando i numeri presentati oggi dall'Ufficio federale di statistica (Ust). Dopo un pessimo 2020, anche l'anno in corso si prospetta difficile per l'industria del turismo elvetico. A partire dalla stagione invernale poiché, secondo Nydegger, nonostante l'ottima neve e le condizioni meteorologiche fantastiche, c'è ancora molto da fare: "la gente non vuole mangiare il bratwurst sulla neve, ma a tavola", afferma il direttore di Svizzera Turismo nel corso di una conferenza stampa organizzata con l'Ust e l'associazione di categoria Hotelleriesuisse. La chiusura dei ristoranti, anche nelle stazioni sciistiche, rappresenta un problema e sono dunque da attendersi nuove perdite. Attualmente alcuni cantoni - tra cui Ticino e Grigioni - hanno almeno concesso l'apertura e l'utilizzo delle terrazze sulle piste da sci. Secondo Nydegger, se la situazione pandemica dovesse svilupparsi positivamente, i turisti provenienti dai paesi limitrofi dovrebbero tornare ad aumentare all'inizio della stagione estiva. In seguito, tra la metà dell'estate e l'autunno, si potrà prevedere il ritorno di viaggiatori provenienti dall'Asia e da altre regioni più lontane. Il prerequisito è che "le condizioni quadro siano giuste: sosteniamo tutto ciò che va nella direzione di certificati sanitari o attestato di vaccinazione", sottolinea il numero uno dell'organizzazione di marketing che promuove, su mandato federale, la domanda turistica interna ed estera per la Svizzera.

Ospiti svizzeri e stranieri

Tornando sulle cifre dei pernottamenti, Nydegger ritiene che gli svizzeri abbiano prenotato così tante notti d'albergo nel loro Paese anche grazie ai grandi sforzi di marketing compiuti da Svizzera Turismo. Ad esempio, spiega, ci sono stati romandi che sono stati attratti dalle vacanze nella Svizzera tedesca - in particolare la Svizzera orientale e i Grigioni - e viceversa. Tuttavia, aggiunge, il piccolo mercato elvetico non ha potuto compensare "l'assenza di ospiti stranieri" nel 2020. "Ci siamo concentrati soprattutto sull'informazione e quindi abbiamo raggiunto anche gli ospiti nazionali che non sono ancora così familiari con la Confederazione come destinazione di vacanza", sostiene il direttore di Svizzera Turismo, secondo cui molti pernottamenti di cittadini elvetici sono avvenuti anche nel corso dell'autunno, che solitamente rappresenta un periodo poco popolare tra i viaggiatori interni. A farne maggiormente le spese sono stati gli hotel delle aree urbane, ad esempio Zurigo, Ginevra e Basilea, che in periodi normali godono della presenza di turisti provenienti principalmente dall'estero. Secondo Andreas Züllig, presidente di Hotelleriesuisse, gli alberghi di città hanno perso complessivamente circa due terzi del loro fatturato. Una quota decisamente superiore alle altre aree, nelle quali le entrate perse sono poco meno di un quarto. Tuttavia, precisa Züllig, "ci sono anche molte altre regioni alpine, come Zermatt (VS), che dipendono molto dagli ospiti stranieri" e che hanno sofferto molto della mancanza di domanda estera. Per gli hotel delle zone urbane, che dipendono dalla domanda internazionale, la ripresa sarà collegata alla riapertura delle frontiere: "contiamo sui visitatori europei quest'estate", si augura Züllig, secondo cui giocherà un ruolo chiave anche un certo "ritorno alla normalità", con la riapertura di musei, negozi e ristoranti, per poter rendere nuovamente attraenti i centri città.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
12 ore
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
12 ore
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
14 ore
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
17 ore
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
19 ore
Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti
Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
1 gior
In aumento i casi di maltrattamento di minori
Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
Svizzera
1 gior
Berset ribadisce: non sapevo nulla delle indiscrezioni
Il portavoce del Governo Simonazzi chiarisce che dopo la discussione il ‘Consiglio federale ha ritrovato la fiducia e andrà avanti a lavorare come sempre’
Svizzera
1 gior
Infermieri, verso più formazione e condizioni di lavoro migliori
Il Consiglio federale intende rafforzare il settore: fra le proposte, anche più personale formato e fatturazione diretta di alcune prestazioni
Svizzera
1 gior
Il tennis in banca? ‘No e ancora no’: condanne confermate
Il Tribunale federale conferma la sanzione per i dodici attivisti che nel 2018 avevano occupato la sede losannese di una banca travestiti da Federer
Svizzera
1 gior
Mancano i medici? Governo favorevole a deroghe
Ma solo a precise condizioni e unicamente per medicina generale, pediatria, psichiatria nonché psicoterapia dell’infanzia e dell’adolescenza
© Regiopress, All rights reserved