laRegione
16.02.21 - 15:24
Aggiornamento: 21:30

In Svizzera incertezza su variante inglese, ma la strada è giusta

La task-force federale mostra un prudente ottimismo, ma la flessione è meno netta del dovuto. Al momento non c'è il previsto raddoppio dei casi da variante

in-svizzera-incertezza-su-variante-inglese-ma-la-strada-e-giusta
Patrick Mathys (Keystone)

I dati su infezioni, ricoveri e decessi continuano a calare, ma non si può escludere un incremento delle infezioni nelle prossime settimane a causa soprattutto delle varianti del Covid-19.

Lo ha dichiarato oggi ai media Patrick Mathys dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), sostenendo che i dati sulla variante inglese, quella più temuta, sono ancora incompleti. Insomma, è difficile fare previsioni al momento, regna molta "incertezza".

In generale, le cifre comunicate oggi ci inducono a un prudente ottimismo, anche se avremmo voluto una flessione più netta dei casi di nuove infezioni, ha spiegato Mathys. Il tasso riproduzione oscilla tra lo 0,88 e l'1. Si va nella giusta direzione, ma la diminuzione non è abbastanza veloce, secondo Mathys.

Incertezza su variante inglese

In merito alle pressioni che giungono soprattutto dal mondo economico, ma anche dai partiti, affinché il Consiglio federale allenti le misure protettive, Mathys ha diplomaticamente glissato su alcune domande poste a tale proposito. Il Consiglio federale si trova senz'altro di fronte a una "decisione difficile", ha affermato, aggiungendo che gli esperti possono solo esprimere raccomandazioni sulla base delle informazioni a disposizione.

Gli ultimi dati pubblicati dal Politecnico federale di Zurigo, ha spiegato l'alto funzionario dell'UFSP, non indicano chiaramente il raddoppio ogni 10 giorni del numero di infezioni dovuti alla variante inglese come previsto all'inizio.

I dati provenienti da Ginevra, ha asserito, lasciano pensare che di tutti i casi confermati, il 50% potrebbe essere dovuto alla variante britannica. Tuttavia, queste informazioni non possono essere estese a tutto il Paese, ha precisato. Attualmente, le varianti dovrebbero essere il 26-27%, se non superiori, del totale dei casi di infezione da Covid registrati.

Nelle settimane scorse, lo stesso Mathys aveva parlato di un raddoppio dei casi ogni settimana per la variante inglese e del pericolo che essa prenda il sopravvento. Ad ogni modo, Mathys ha precisato che entro la fine di questa settimana, si avranno dati più precisi che dovrebbero portare maggiore chiarezza al riguardo.

Vaccinazioni, prosegue campagna

Sul fronte della vaccinazioni, Virginie Masserey dell'UFSP, dove si occupa del controllo delle epidemia, ha dichiarato che le operazioni proseguono, anche se bisogna tuttavia fare i conti con problemi nelle forniture. Al momento, quasi 550 mila persone sono state vaccinate e 100 mila hanno ricevuto la seconda dose di uno dei due vaccini autorizzati finora, ossia quello di Moderna e di Pfizer/BioNtech.

In un raffronto con gli altri Paesi occidentali, ha aggiunto la funzionaria, con 6,3 dosi ogni 100 mila abitanti la Svizzera occupa una buon posizione, preceduta in Europa solo dalla Gran Bretagna e dalla Danimarca.

Stando a Masserey, nonostante le difficoltà di procurarsi i vaccini, entro la fine di aprile tutte le persone a rischio in Svizzera dovrebbero aver ricevuto almeno una dose di vaccino. Da maggio, il preparato potrà essere inoculato al resto della popolazione. Entro l'estate, come annunciato anche dal Consiglio federale, tutte le persone che lo desiderano dovrebbero essere immunizzate contro il Covid-19.

127'533 dosi vaccino somministrate la scorsa settimana

Sono state 127'533 le dosi del vaccino anti-coronavirus somministrate in Svizzera la settimana scorsa. Secondo i dati dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) pubblicati oggi, che arrivano fino a domenica compresa, il ritmo delle inoculazioni ha subito un'accelerata.

La media parla infatti di 18'219 somministrazioni quotidiane. Rispetto ai sette giorni precedenti, si tratta di un aumento del 29%.

In totale, le punture effettuate dall'inizio della campagna sono 541'231, il che significa 6,26 dosi ogni 100 abitanti. Da ricordare che una persona deve riceverne due per essere protetta al meglio contro il Covid.

I vaccini consegnati globalmente sono invece 782'675, ovvero 9,05 dosi per 100 abitanti. Ciò significa che sono 241'444 i preparati non ancora usati. Inoltre, ulteriori 23'350 dosi sono stoccate dalla Confederazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Cresce il numero di persone con livello d’istruzione terziario
Tra i 25-34enni nell’arco di vent’anni la quota è raddoppiata: nel 2021 uno su due aveva conseguito un diploma corrispondente
Svizzera
3 ore
All’aeroporto di Zurigo-Kloten, la ripresa pare confermata
In settembre i movimenti sono stati 20’355, un 3% in meno rispetto ad agosto ma di quasi un terzo superiore allo stesso mese del 2021
Svizzera
3 ore
Scesi dal bus aggrediscono un uomo e gli danno fuoco
Dodici adolescenti sono stati rilasciati al termine dell’interrogatorio, avvenuto a Winterthur, mentre due si trovano in carcerazione preventiva
Svizzera
4 ore
Svizzera ‘razzista sistemica’, ma Berna respinge le accuse
Per l’ambasciatore elvetico alle Nazioni Unite le considerazioni del Gruppo sono in parte basate su ‘supposizioni’ e ‘malintesi’
Svizzera
8 ore
Malgrado le ombre, le prospettive per l’industria non peggiorano
Il comportamento del parametro rappresenta una sorpresa: gli analisti si aspettavano infatti una contrazione a valori compresi fra 54 e 55,6 punti
Svizzera
9 ore
Suicidi quasi dimezzati negli ultimi quarant’anni
La diminuzione è soprattutto evidente tra gli uomini. Il Ticino ha presentato i tassi di suicidio inferiori per tutto l’ultimo decennio
Svizzera
10 ore
Lieve ma significativo rallentamento dell’inflazione
Si tratta del primo calo dopo venti mesi consecutivi con numeri in crescita o stabili. In settembre il rincaro annuo si è attestato al 3,3%
Svizzera
1 gior
Elezioni cantonali a Zugo: Status quo per il governo cantonale
Il Consiglio di Stato rimane quindi composto da tre rappresentanti dell’Alleanza di Centro, due liberali radicali e due Udc
Svizzera
1 gior
Zurigo, 17enne perde la vita dopo una rissa
Altri tre ragazzi sono rimasti feriti nell’alterco scoppiato ieri notte in un appartamento di Oetwil am See
Svizzera
1 gior
L’inflazione colpisce duramente gli anziani
L’indagine ha evidenziato notevoli differenze regionali: gli anziani sono più colpiti in Ticino, dove il 30% dei pensionati vive in condizioni precarie
© Regiopress, All rights reserved