laRegione
14.02.21 - 11:47
Aggiornamento: 14:51

L'esperto: 'La seconda ondata è sfuggita di mano'

Secondo l’epidemiologo di Basilea Jürg Utzinger, la Svizzera si è fatta cogliere impreparata, ma entro l'estate chi vorrà essere viccinato potrà esserlo

Ats, a cura de laRegione
l-esperto-la-seconda-ondata-e-sfuggita-di-mano

«La seconda ondata è sfuggita di mano». Ad affermarlo in un'intervista a Keystone-Ats l’epidemiologo basilese Jürg Utzinger.

Come valuta la gestione della crisi da parte della Svizzera nello scorso anno pandemico?

«La Svizzera ha fatto tante cose molto buone nella lotta contro la pandemia. Soprattutto all’inizio era necessario reagire rapidamente e in modo rigoroso. E ciò era difficile perché la situazione dei dati era estremamente magra. Quello che mi ha stupito, invece, è stata la rapidità con cui la seconda ondata è sfuggita di mano. Questo anche a causa della negligenza della popolazione e della crescente mobilità. La Svizzera e altri paesi europei avrebbero dovuto essere meglio preparati, per esempio con un migliore sistema di sorveglianza per rilevare precocemente piccoli focolai di infezione e arginarli immediatamente. Un buon mezzo sarebbe stato quello di effettuare test rapidi mirati nelle case di riposo, nelle aziende e nelle scuole».

Lei già ha vissuto diverse epidemie nella sua vita professionale. Quale sviluppo l’ha sorpresa di più nella pandemia di Covid-19?

«Nella pandemia di coronavirus, il mondo per una volta tanto si è unito. E in meno di un anno scienza, tecnologia e settore privato hanno sviluppato, testato e portato sul mercato diversi vaccini. In Svizzera sono già stati approvati due preparati e la campagna di vaccinazione è stata lanciata alla fine dello scorso anno. È sensazionale. L’umanità non ha mai vissuto nulla del genere prima d’ora».

Le vaccinazioni sono una parte importante nella lotta contro la pandemia. Come valuta la strategia svizzera in merito, anche nel confronto internazionale?

«Sono ancora ottimista sul fatto che raggiungeremo l’ambizioso obiettivo di vaccinare tutti entro l’estate. Tuttavia, la situazione sarebbe complicata se i farmaci approvati non fossero efficaci contro le nuove mutazioni. È quindi importante che arrivino sul mercato dei preparati basati su diverse tecnologie. I vaccini sono attualmente merce rara a livello globale. Per il successo della lotta contro la pandemia è quindi importante che siano distribuiti in tutto il mondo nel modo più rapido, giusto ed equo possibile, perché: Covid anywhere is Covid everywhere! (Covid da qualche parte significa Covid ovunque, ndr).»

Quale corso si aspetta che la pandemia prenda in Svizzera nelle prossime settimane? Vede la luce in fondo tunnel?

«Sono cautamente ottimista per le prossime settimane, poiché il numero di casi e di ricoveri è in costante diminuzione. Tuttavia, siamo tutti molto preoccupati per la diffusione di mutazioni più infettive. Il coronavirus non sparirà. Dobbiamo continuare a imparare come gestirlo. Le prospettive sono chiaramente migliori di quelle di un anno fa. Presumo che alla fine di febbraio, in qualche maniera, ci sarà un piccolo allentamento per tutti noi. Eventualmente sarà di nuovo preso in considerazione l’insegnamento con presenza nelle università. È però ancora troppo presto per grandi passi verso l’ammorbidimento delle misure di protezione. Il pericolo di un aumento esponenziale di mutazioni pericolose è troppo grande. I modelli matematici indicano che si sta creando una terza ondata, e che essa è ancora nascosta nella seconda ora in declino. Di conseguenza per marzo è richiesta una ulteriore grande cautela. Mantenere la distanza e indossare maschere igieniche è essenziale. Spero molto che la campagna di vaccinazione guadagni slancio. Siamo su una buona strada, ma ci vorrà del tempo».

Ci sono state pandemie simili in passato?

«L’ultima grande pandemia globale comparabile è stata l’influenza spagnola, poco più di cento anni fa. Si stima che 500 milioni di persone furono infettate e la pandemia costò tra i 20 e i 50 milioni di vite. Meno estrema fu la SARS nel 2002/2003, con circa 8000 casi in 25 paesi e 774 morti in tutto il mondo. La MERS (Middle East Respiratory Syndrome o sindrome respiratoria mediorientale da coronavirus, conosciuta anche come influenza cammello) del 2012 e l’Ebola dal 2014 al 2016 erano più limitate geograficamente e si è riusciti a portare queste pandemie sotto controllo in pochi mesi o anni».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita
Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
19 ore
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
19 ore
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
21 ore
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
23 ore
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
1 gior
Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti
Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
1 gior
In aumento i casi di maltrattamento di minori
Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
Svizzera
1 gior
Berset ribadisce: non sapevo nulla delle indiscrezioni
Il portavoce del Governo Simonazzi chiarisce che dopo la discussione il ‘Consiglio federale ha ritrovato la fiducia e andrà avanti a lavorare come sempre’
Svizzera
1 gior
Infermieri, verso più formazione e condizioni di lavoro migliori
Il Consiglio federale intende rafforzare il settore: fra le proposte, anche più personale formato e fatturazione diretta di alcune prestazioni
Svizzera
1 gior
Il tennis in banca? ‘No e ancora no’: condanne confermate
Il Tribunale federale conferma la sanzione per i dodici attivisti che nel 2018 avevano occupato la sede losannese di una banca travestiti da Federer
© Regiopress, All rights reserved