laRegione
misure-d-accompagnamento-unia-dall-ambasciatore-ue-a-berna
Keystone
Pollice verso dell’Udc
12.02.21 - 18:31

Misure d’accompagnamento, Unia dall’ambasciatore Ue a Berna

Petros Mavromichalis le ha definite ‘sproporzionate’ e ‘incompatibili’ con i Bilaterali. La presidente del sindacato gli consegna una lettera.

Berna – In risposta alle considerazioni dell'ambasciatore dell'Ue in Svizzera, Petros Mavromichalis, secondo cui le misure a tutela del lavoro in Svizzera sono "sproporzionate", oggi il sindacato Unia ha consegnato una lettera al diplomatico in cui si sottolinea l'importanza delle misure di accompagnamento nei negoziati tra Bruxelles e Berna sull'accordo istituzionale.

Nell'edizione del 7 febbraio del "SonntagsBlick", Mavromichalis ha giudicato queste misure "incompatibili" con gli accordi bilaterali, nonché "sproporzionate", indica Unia in un comunicato odierno.

‘Esperienza positiva’ rimessa in discussione

Per Unia, secondo cui la protezione dei salari non è negoziabile, il diplomatico ha messo in discussione "l'esperienza positiva che la Svizzera e l'Ue hanno avuto dal 2002" con i bilaterali.

La presidente di Unia Vania Alleva ha consegnato di persona la lettera all'ambasciatore. Stando al comunicato di Unia, Vania Alleva si è anche intrattenuta col diplomatico greco esortandolo ad "aprire gli occhi sull'intensa attività di lobbying svolta per anni dalle associazioni dei datori di lavoro del Baden-Württemberg (D) presso la Commissione europea per lo smantellamento della protezione dei salari in Svizzera".

"Sono spesso queste stesse imprese che vengono sanzionate perché non hanno rispettato i salari minimi" previsti dai contratti collettivi di lavoro, specifica Unia nella missiva, che Keystone-ATS ha potuto consultare. Invece di ascoltare "alcune cerchie che difendono i loro interessi particolari, l'Ue farebbe bene a prestare attenzione ai lavoratori e ai sindacati", ha insistito Unia.

Da otto a quattro giorni

Nel domenicale, l'ambasciatore ha sostenuto che l'Ue è pronta a dare garanzie sulla protezione dei salari, ma che non intende tornare sulla regola degli otto giorni, attualmente in vigore, che obbliga ogni impresa europea che vuole lavorare in Svizzera ad annunciarsi su Internet con otto giorni d'anticipo affinché sia possibile svolgere un controllo sul rispetto delle condizioni di lavoro e dei salari. La ragione fornita dall'Ue è che i compromessi sono già stati raggiunti. "Accettiamo un periodo di preavviso di quattro giorni", ha precisato il diplomatico.

 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe
In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
6 ore
Incidente mortale ieri sera a Schlatt
Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
Svizzera
7 ore
Ventisettenne annega nel lago di Zurigo
È accaduto attorno alle 13.30, mentre nella città iniziava la Streetparade: ancora da chiarire se il fatto sia collegato all’evento
Svizzera
8 ore
HotellerieSuisse, competitività intatta malgrado il franco forte
Lo sosteniene il presidente Andreas Züllig, secondo cui la competitività della Svizzera ‘è cresciuta globalmente’
Svizzera
9 ore
Un morto e tre feriti in un incidente sulla A9
A seguito del sinistro, avvenuto ieri attorno alle 17.30 nel tunnel di Chauderon, l’autostrada è rimasta chiusa per una decina di ore
Svizzera
10 ore
Riflessione e tolleranza. È l’inno della 29esima Streetparade
Iniziato nel pomeriggio sulle rive della Limmat il mega raduno a ritmo di musica elettronica dalle ‘love mobile’
Svizzera
12 ore
Derubato di telefono e portafoglio da ignoti
Aggressione a scopo di furto ieri sera a nel canton Basilea. La polizia è alla ricerca di quattro uomini calvi
Svizzera
12 ore
Smart contro un camion: una 22enne ferita in modo grave
L’incidente stradale si è verificato ieri pomeriggio a Hunzenschwil (Ag). I due veicoli si sono scontrati frontalmente
Svizzera
14 ore
Crisi energetica: la legna per riscaldarsi non è la soluzione
Lo afferma il meteorologo Jörg Kachelmann, secondo cui il pellet è dannoso per il clima tanto quanto il carbone, il gas o il petrolio
Svizzera
14 ore
Ritrovato il corpo dell’87enne sparito nelle acque del Lemano
L’uomo, un tedesco, era scomparso martedì pomeriggio nei pressi di Montreux. È stato rinvenuto a 100 m di profondità
© Regiopress, All rights reserved