laRegione
swiss-disdice-il-contratto-collettivo-di-lavoro-con-i-piloti
06.02.21 - 17:16

Swiss disdice il contratto collettivo di lavoro con i piloti

L'associazione Aeropers: "segnale preoccupante". La compagnia replica: "concessioni dei piloti insufficienti"

Ats, a cura de laRegione

La compagnia aerea Swiss disdice il contratto collettivo di lavoro (Ccl) con i suoi piloti. Ha inoltre interrotto ieri i negoziati sulle modalità per affrontare la crisi del Covid-19 che duravano da mesi, come indica oggi l'associazione dei piloti Aeropers. Il Ccl, in vigore dal 2018, continuerà a valere per altri tredici mesi. I piloti hanno mostrato comprensione per la difficile situazione nel settore dell'aviazione, tuttavia, è proprio per questo che sono necessarie soluzioni da trovare in comune, si legge in una nota. Per Aeropers la rottura dei negoziati e la disdetta del Ccl rappresentano "il livello più basso e triste nel partenariato sociale e un segnale preoccupante da parte della società verso i piloti". Sotto l'attuale Contratto collettivo di lavoro, Swiss ha generato i più grandi profitti nella storia della società, aggiunge il sindacato dei piloti. Nei negoziati su come affrontare la crisi del coronavirus, Aeropers aveva dichiarato la sua disponibilità a prendere misure immediate a favore della compagnia aerea.
Nello scorso mese di maggio, nonostante i grandi sacrifici, un accordo sul lavoro ad orario ridotto era stato accettato dalla stragrande maggioranza dei membri di Aeropers. Nei negoziati su un nuovo pacchetto temporaneo di misure lanciato a settembre, l'associazione aveva proposto tagli fino al 20% di salario. In totale, questo avrebbe permesso un risparmio di 130 milioni di franchi per il personale di bordo, si legge nella nota. Ora la compagnia aerea ha invece rifiutato di ricorrere a un mediatore. Aeropers sottolinea che Swiss, negli accordi con la Confederazione in merito ai prestiti nell'ambito della crisi del Covid-19, si è impegnata a trovare soluzioni conformi al partenariato sociale. Berna ha concesso un prestito di 1,5 miliardi di franchi per Swiss e la sua consorella Edelweiss. Con quest'ultima un Ccl è stato raggiunto in gennaio.

Swiss: "concessioni dei piloti insufficienti"

In un comunicato, diramato anch'esso oggi, Swiss ha giustificato la propria mossa affermando che l'associazione dei piloti non ha fatto sufficienti concessioni. Assicura inoltre di essere impegnata nel partenariato sociale e offre di negoziare un nuovo Ccl. Come il resto dell'aviazione civile, Swiss è stata colpita duramente dalla pandemia: la perdita operativa nei primi nove mesi del 2020 ammonta a più di 400 milioni di franchi, secondo la società. Nello stesso periodo, il traffico passeggeri è diminuito del 70%. L'azienda indica inoltre di voler rimborsare il prestito della Confederazione il più presto possibile. Tutto ciò, si legge nella nota, rende necessari tagli in tutti i dipartimenti. A tal fine sono stati conclusi accordi di crisi pluriennali con il personale di cabina e di terra. La compagnia aerea ha iniziato i negoziati con Aeropers nello scorso agosto. A causa del numero ridotto di voli, nei prossimi anni ci sarà una grande eccedenza di piloti. L'obiettivo dei negoziati era di raggiungere un Ccl che tenesse conto della crisi e che fosse sostenibile per il futuro, poiché il contratto in vigore dal 2018 in questo senso è "insoddisfacente". Aeropers ha invece voluto negoziare solo misure temporanee di crisi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
contratto collettivo crisi lavoro swiss
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
13 ore
‘I cambiamenti climatici alla base di incidenti come questo’
Il glaciologo Jacopo Gabrielli torna sulla tragedia consumatasi stamane sul Grand Combin e costata la vita a due persone
Svizzera
13 ore
Le lingue dei segni vanno riconosciute giuridicamente
Il governo riprende l’idea della Commissione della scienza, dell’educazione e della cultura del Nazionale. Ma non con una legge separata
Svizzera
14 ore
C’è un volto e un nome dietro ai misteriosi incendi
È un 33enne svizzero il presunto piromane che da aprile teneva col fiato sospeso gli abitanti del canton Soletta. Oltre una dozzina i roghi
Svizzera
15 ore
Base jumper si schianta con la tuta alare nel canton San Gallo
L’incidente si è verificato in mattinata nella località di Walenstadtberg, tra l’Alp Tschingla e l’Alp Büls
Svizzera
16 ore
Task force per individuare i beni russi? Non ce n’è bisogno
Pur riconoscendo che ‘l’attuazione delle sanzioni pone sfide in parte nuove’, il Consiglio federale non ritiene necessaria la sua istituzione
Svizzera
17 ore
Ferito cadendo da un muretto con la sedia a rotelle elettrica
L’incidente si è verificato ieri poco dopo le 17.45 a Fanas, nel canton Grigioni. L’uomo, un 89enne, è stato elitrasportato a Coira
Svizzera
17 ore
Lauree in psicologia in Italia, si può esercitare senza stage
Il Governo risponde a un’interrogazione di Lorenzo Quadri: i ticinesi laureati in Italia fra il 2018 e il 2020 non dovranno svolgere lo stage post laurea
Svizzera
17 ore
Due vittime sul Grand Combin, travolte da seracchi
Il crollo dei blocchi di ghiaccio sull’‘Himalaya della Svizzera’ ha travolto una quindicina di persone; nove quelle rimaste ferite
Svizzera
22 ore
Iniziativa contro gli F-35: raccolte 100’000 firme
L’alleanza ‘STOP F-35’ afferma di aver raccolto le firme necessarie per l’iniziativa che chiede di vietare l’acquisto dei jet da combattimento
Svizzera
1 gior
‘Ammettiamo gli studenti degli Stati terzi fuggiti dall’Ucraina’
La petizione inviata al Consiglio federale chiede di aprire le porte delle università anche a loro
© Regiopress, All rights reserved