laRegione
quarantena-breve-e-test-ai-viaggiatori-cosa-cambia
(Ti-Press)
27.01.21 - 16:29

Quarantena breve e test ai viaggiatori, cosa cambia?

Un test negativo (a proprie spese) permetterà di uscire dalla quarantena dopo 7 giorni. Chi entra in Svizzera con mezzi pubblici dovrà registrare i propri dati

Test e rilascio. Questa la nuova strategia introdotta dal Consiglio federale per la gestione delle quarantene conseguenti al contatto con una persona contagiata. Se in base alle regole vigenti occorre porsi in quarantena per dieci giorni dopo l'ultimo contatto con una persona positiva al coronavirus, a partire dall'8 febbraio sarà possibile effettuare un tampone Pcr o un test rapido negativo dopo sette giorni, a proprie spese, e nel caso di esito negativo si potrà porre fine alla quarantena. Ma attenzione, bisognerà comunque continuare a indossare la mascherina e mantenersi a 1,5 metri di distanza dalle altre persone fino allo scadere dei dieci giorni della quarantena, tranne che ci si trovi nella propria abitazione o nel proprio alloggio (p. es. casa di vacanza, albergo). Se il tampone o il test rapido effettuato darà esito positivo, invece, occorrerà mettersi immediatamente in isolamento.

Entrata in Svizzera da Paesi o regioni a rischio

Per chi entra in Svizzera in provenienza da uno Stato o una regione segnalata come a rischio nell'elenco aggiornato costantemente dal Consiglio federale (qui la lista aggiornata), i passaggi da effettuare saranno i seguenti:

  • registrare i propri dati  elettronicamente tramite la piattaforma per la registrazione dei dati di contatto delle persone in entrata messa a disposizione dall’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) oppure su carta tramite le schede di contatto messe a disposizione dall’UFSP
  • presentare un tampone Pcr o un test rapido eseguito non più di 72 ore prima al momento dell'ingresso in Svizzera o, nel caso ciò non sia possibile, sottoporsi immediatamente, in accordo con l'autorità cantonale, a un test rapido o un tampone a proprie spese
  • mettersi subito in quarantena con la modalità del "test e rilascio" sopra esposta. 

N.B. se chi arriva da un Paese a rischio è passato per un Paese o regione che non presenta invece un rischio di contagio, l'autorità cantonale competente potrà "scontare" dal periodo di quarantena i giorni trascorsi in tale Paese. Per fare un esempio concreto, se una persona arriva in Ticino dall'Emilia-Romagna (zona a rischio) e si ferma per due giorni a Milano (in Lombardia, zona non inclusa fra quelle a rischio in quanto regione di confine), l'autorità cantonale potrà includere i due giorni nel conto totale del periodo di quarantena e quindi ordinare una quarantena di 8 giorni anzichè 10 come previsto dalla legge.

Entrata in Svizzera da Paesi o regioni non a rischio

Per chi arriva da un Paese o regione non considerato a rischio, le regole cambiano a seconda del mezzo di trasporto usato

  • Chi arriva in Svizzera con i mezzi di trasporto pubblico (aerei, treni, bus, battello) dovrà registrare i propri dati personali
  • SOLO chi arriva in aereo in Svizzera, dovrà presentare all'imbarco del volo un'attestazione di un tampone Pcr negativo, altrimenti non sarà consentito imbarcarsi sul volo.

Dall'obbligo di registrazione sono esentate le persone che entrano in Svizzera da regioni confinanti, quindi non solo i frontalieri ma tutti gli abitanti delle regioni di confine (per il Ticino, ad esempio, tutti i lombardi e i piemontesi).

Ricordiamo sempre che alle norme di ingresso in Svizzera vanno affiancate le norme di ingresso nei singoli Paesi: ad esempio, per quanto riguarda la vicina Italia, bisogna sempre e comunque tenere presente che fino al 15 febbraio vige sia l'obbligo generale di presentare un tampone effettuato 48 ore prima, sia il divieto di spostamento fra le regioni in uscita e in entrata (quindi anche verso Lombardia e Piemonte) salvo motivi di lavoro, salute o urgenza, ed è tuttora in vigore il meccanismo delle zone "a colori". Idem per quanto riguarda gli obblighi di tampone e/o quarantena imposti recentemente, fra gli altri da Germania e Francia.

 

Leggi anche:

Paesi a rischio, di nuovo in lista Emilia-Romagna e Friuli

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
paesi a rischio quarantena breve svizzera test rapido
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
13 ore
Statuto S: per gli aiuti si terrà conto di salario e patrimonio
Le raccomandazioni sono state adeguate dalla Conferenza dei direttori cantonali delle opere sociali
Svizzera
14 ore
Furti con scasso a Silvaplana e Müstair
La Polizia cantonale grigionese chiede alla popolazione di segnalare eventuali persone sospette
Svizzera
15 ore
Genitori multati per aver fatto saltare la scuola alla figlia
È successo nel Canton Zurigo. La famiglia ha fatto iniziare le vacanze estive della bambina tre settimane in anticipo
Svizzera
15 ore
Impianti di risalita: la stagione estiva si conferma molto buona
In Ticino, però, si registra una diminuzione dell’affluenza rispetto all’anno scorso
Svizzera
15 ore
Ubriaco rimane bloccato con l’auto su un ponticello pedonale
Ha dichiarato di aver preso una scorciatoia per rincasare. Gli è stata rilevata un’alcolemia dell’1,4 per mille
Svizzera
15 ore
Il clima obbliga la viticoltura vallesana a ripensarsi
Siccità e temperature elevate, oppure gelo e piogge abbondanti: gli eventi estremi mettono a dura prova il settore. Studi in corso, il Cantone investe
Svizzera
16 ore
Stelle cadenti, venerdì notte il clou dello spettacolo
A Sud delle Alpi le nuvole potrebbero ostacolare l’osservazione. La luminosità della Luna potrebbe offuscare le Perseidi meno appariscenti
Svizzera
17 ore
Si scioglie il ghiaccio, il passo riaffiora dopo 2’000 anni
Il passo del Tsanfleuron, piccola porzione di terra che collega Vaud e Vallese a quota 2’800 metri, è riemerso dai ghiacci e tornato parzialmente sgombro
Svizzera
17 ore
Le associazioni padronali: tre ‘sì’ e un ‘no’ il 25 settembre
A esprimersi oggi sulle prossime votazioni quattro associazioni economiche. Il ‘no’ riguarda l’iniziativa sull’allevamento intensivo
Svizzera
17 ore
L’aumento dei tassi non sta impattando il mercato degli alloggi
Lo rilevano gli economisti di Raiffeisen. I tassi più alti influenzano invece le scelte delle modalità di finanziamento per acquisti o rinnovi di mutui
© Regiopress, All rights reserved