laRegione
22.01.21 - 17:37
Aggiornamento: 19:18

Coronavirus, ecco le multe per chi viola l’ordinanza

Cento franchi a chi non indossa la mascherina all’interno, 300 per le infrazioni nelle stazioni sciistiche. La Confederazione finanzierà test per asintomatici.

coronavirus-ecco-le-multe-per-chi-viola-l-ordinanza
Keystone
Modifiche allordinanza Covid in consultazione tra i cantoni

Berna – Cento franchi per chi non indossa la mascherina dove è obbligatoria; altrettanti per chiunque si incontri in privato con più delle cinque persone consentite e per il mancato rispetto dell'obbligo di sedersi nelle mense aziendali e nei ristoranti degli alberghi; l'organizzazione di eventi privati vietati costerà 200 franchi; e le infrazioni minori alle regole d'igiene e di sicurezza nelle stazioni sciistiche saranno punite con ammende di al massimo 300 franchi.

Sono queste le sanzioni proposte dal Dipartimento federale dell'interno (Dfi) in caso di violazioni delle misure dell'ordinanza Covid-19. Le modifiche sono in consultazione tra i cantoni. 

‘Senso della misura’

Per quanto riguarda l’obbligo di indossare la mascherina, non saranno punite le violazioni in spazi aperti. Il Consiglio nazionale aveva deciso all'inizio di dicembre, nel contesto della discussione della legge Covid 19, che quando l'obbligo non è chiaramente riconoscibile, si può rinunciare ad una multa. È il caso ad esempio delle zone pedonali. Più in generale, l'ordinanza richiede "senso della misura" da parte delle autorità.

Il Consiglio federale propone anche che i cantoni effettuino test preventivi nelle cerchie di persone particolarmente a rischio allo scopo di individuare focolai in fase iniziale o di prevenirli. In futuro, la Confederazione intende sostenere i costi di questi test e al contempo propone un'estensione del numero di persone e istituzioni autorizzate ad effettuare i tamponi. Oltre agli studi medici, alle farmacie, agli ospedali e agli istituti cantonali di analisi, anche le case di riposo e di cura, le istituzioni socio-sanitarie, le organizzazioni di assistenza e l'assistenza domiciliare potranno ora effettuare test antigenici rapidi.

Più test sugli sintomatici 

I cantoni avranno la possibilità di ordinare analisi su gruppi specifici di persone se la situazione indica un aumento del rischio di trasmissione del virus, ad esempio nelle scuole, nei centri di formazione e nelle aziende, o quando si riscontra un focolaio di infezione. Circa la metà delle infezioni da coronavirus avvengono attraverso persone che non mostrano sintomi, ma sono infette. Finora, però, solo alcuni cantoni e case di riposo hanno iniziato i test regolari.

Il Dfi spera che questa misura crei una maggiore propensione ad praticare tamponi e l'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) si aspetta un piano da parte dei cantoni.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
8 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
10 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
12 ore
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
14 ore
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
1 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved