laRegione
19.01.21 - 18:35

Curaviva: priorità vaccini a case anziani, testare personale

L'associazione delle case di cura chiede che la Confederazione assuma i costi dei test preventivi al personale degli istituti, richiesta condivisa da Unia

curaviva-priorita-vaccini-a-case-anziani-testare-personale
(Keystone)

Nella strategia di vaccinazione la priorità deve essere data alle case per anziani e il personale deve essere regolarmente testato a titolo preventivo, chiede l'associazione delle case di cura Curaviva. Il costo di questi test deve essere assunto dalla Confederazione. Il sindacato Unia insiste sullo stesso punto.

La situazione negli istituti medico-sociali resta tesa a causa della pandemia di coronavirus, scrive oggi Curaviva. Chiede pertanto ai Cantoni di dare sistematicamente la priorità per i vaccini a queste strutture.

Curaviva ricorda che, a suo avviso, la disposizione a essere vaccinati si basa su due condizioni essenziali: un'informazione esaustiva e il rispetto del principio della libertà di decisione.

L'associazione chiede inoltre informazioni statistiche complementari sulle prestazioni fornite negli istituti medico-sociali. I tassi di mortalità possono essere interpretati correttamente solo se si tiene conto dei cambiamenti nei ricoveri ospedalieri e negli istituti medico-sociali.

Per esempio, molti ospiti delle case per anziani affetti da Covid-19 rinunciano al ricovero ospedaliero e vengono assistiti nella loro struttura. Inoltre, gli istituti medico-sociali ricevono anche pazienti con coronavirus dagli ospedali. Ciò sgrava gli ospedali, ma si traduce in un aumento del numero di morti nelle case per anziani.

Curaviva si chiede anche in che misura i dati forniti permettono di distinguere i decessi legati direttamente al Covid-19 da quelli dovuti in primo luogo a un'altra patologia, malgrado un test positivo al coronavirus. Infine occorre anche sapere che la maggior parte delle persone affette da coronavirus negli istituti medico-sociali vi sopravvivono. Sarebbe anche importante avere i dati statistici di queste situazioni.

Non lasciare istituti medico-sociali soli

Il sindacato batte sullo stesso punto. Oltre a test esaustivi nelle case per anziani, chiede che il personale possa realmente mettersi in isolamento qualora risulti infettato. Per questo occorre urgentemente un maggiore effettivo, che provenga dal pool di personale, dalla protezione o dal servizio civile o dall'esercito.

Secondo Unia, dall'inizio della pandemia, oltre 4.000 persone che vivono in case di cura sono morte in Svizzera a causa del Covid-19. Il personale è sotto pressione da mesi. I politici e le autorità sanitarie hanno per troppo tempo delegato la responsabilità agli istituti medico-sociali. Si tratta ora di sostenere le strutture e assumere i costi dei test, precisa il sindacato.

La riduzione delle ammissioni nelle case di cura e l'aumento dei decessi comporta una riduzione del tasso di occupazione dei letti, aggiunge Unia. Il finanziamento delle case di cura e gli impieghi dipendono da questa occupazione. Si temono soppressioni di posti di lavoro, avverte il sindacato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
7 ore
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
7 ore
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
9 ore
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
11 ore
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
14 ore
Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti
Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
1 gior
In aumento i casi di maltrattamento di minori
Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
Svizzera
1 gior
Berset ribadisce: non sapevo nulla delle indiscrezioni
Il portavoce del Governo Simonazzi chiarisce che dopo la discussione il ‘Consiglio federale ha ritrovato la fiducia e andrà avanti a lavorare come sempre’
Svizzera
1 gior
Infermieri, verso più formazione e condizioni di lavoro migliori
Il Consiglio federale intende rafforzare il settore: fra le proposte, anche più personale formato e fatturazione diretta di alcune prestazioni
Svizzera
1 gior
Il tennis in banca? ‘No e ancora no’: condanne confermate
Il Tribunale federale conferma la sanzione per i dodici attivisti che nel 2018 avevano occupato la sede losannese di una banca travestiti da Federer
Svizzera
1 gior
Mancano i medici? Governo favorevole a deroghe
Ma solo a precise condizioni e unicamente per medicina generale, pediatria, psichiatria nonché psicoterapia dell’infanzia e dell’adolescenza
© Regiopress, All rights reserved