laRegione
18.01.21 - 13:13
Aggiornamento: 16:01

Scuola reclute a distanza, si inizia con un problema tecnico

Impossibile per molti connettersi al sistema per un problema tecnico. Lo conferma Stefan Hofer, portavoce dell'esercito

scuola-reclute-a-distanza-si-inizia-con-un-problema-tecnico
(Keystone)

 

Non è cominciata nel migliore dei modi la scuola reclute per quelle giovani truppe che, a causa del coronavirus, oggi hanno iniziato la loro istruzione da casa. Molti non sono riusciti a connettersi al sistema per colpa di un problema tecnico.

Un inconveniente è sorto nell'e-learning, ha confermato a Keystone-ATS Stefan Hofer, portavoce dell'esercito. Il disguido è stato risolto soltanto all'inizio del pomeriggio. Il programma funziona, ma non è ancora stabile al 100%, ha precisato. L'origine della panne rimane sconosciuta.

Eppure l'esercito si era ben preparato a questa istruzione online, aumentando in anticipo la potenza di trasmissione in rete. I corsi saltati dovranno ora essere recuperati. L'Esercito ha previsto sei ore di formazione al giorno. Paragonato a una giornata "normale" di scuola reclute di 12 ore o più, tale recupero è giudicato sufficiente, ha aggiunto Hofer, tanto più che gli interessati possono organizzare la loro giornata come vogliono.

Circostanze particolari

La prima scuola reclute del 2021 ha preso il via oggi in circostanze un po' particolari, dovute alla pandemia. Su 12'000 reclute, 7'200 hanno dovuto presentarsi normalmente in caserma, mentre per 4'800 l'avventura in grigioverde è iniziata davanti al computer di casa.

Questo secondo gruppo dovrà aspettare l'8 febbraio per entrare fisicamente in servizio, ma nel frattempo si sottoporrà a una sorta di insegnamento a distanza, che rappresenterà una prima infarinatura di conoscenze teoriche e della vita quotidiana militare. Inoltre, dovrà assolvere un allenamento sportivo. Lo scaglionamento è stato pensato per ridurre i rischi di contagi da Covid-19.

Test obbligatori

Nel quadro della visita sanitaria d'entrata obbligatoria, si legge in un comunicato odierno, a ognuna delle reclute e a ognuno dei circa 2'800 quadri verrà eseguito un test del SARS-CoV-2 entro le prime 48 ore. Tutti i militari dovranno trascorrere le prime settimane, inclusi i week-end, nelle caserme.

Per ora è impossibile dire quanti siano gli infettati, afferma Hofer. Ma tutto è pronto per garantire loro assistenza medica. Dei locali sono stati preparati in tutta la Svizzera per accogliere chi dovrà svolgere un periodo di isolamento o di quarantena: "Nessuno sarà rispedito a casa", sottolinea Hofer.

Più donne

Le regole sanitarie in vigore sono le stesse introdotte già nel 2020. La mascherina - le disponibilità sono garantite - è obbligatoria ovunque e sempre, il numero di militi per camera è stato ridotto e gli effettivi saranno divisi in gruppi per i pasti, così da non sovraffollare le mense.

Tra le quasi 12'000 reclute vi sono 190 donne, un numero che ancora una volta è in aumento, dato che nel 2020 erano 171 e nel 2019 120. La percentuale sul totale continua a essere di poco inferiore all'1%. Durante la scuola reclute, 47 comandanti d'unità, 427 capisezione, 206 sottufficiali superiori e 2'177 sottufficiali svolgeranno il loro servizio per il conseguimento del grado.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
8 ore
Il centro di cybersicurezza diventa un ufficio federale del Ddps
Lo ha deciso oggi il Consiglio federale incaricando il Dipartimento di predisporre le strutture del nuovo ufficio entro fine marzo 2023
Svizzera
9 ore
Gestione sostenibile delle imprese, stabilite le prossime tappe
Nel rapporto approvato oggi il Consiglio federale ha ribadito la grande importanza attribuita al rispetto dei diritti umani e alla protezione ambientale
Svizzera
10 ore
Spazio economico europeo, tre svizzeri su quattro favorevoli
Secondo lo studio condotto da gfs.bern, la maggioranza vede di buon occhio il mercato europeo e una partecipazione ai programmi europei di cooperazione
Svizzera
11 ore
Urs Loher al vertice di armasuisse da agosto
Colonnello dell’esercito, 56enne, rimpiazzerà come capo dell’Ufficio federale dell’armamento Martin Sonderegger che andrà in pensione
Svizzera
13 ore
L’imposizione individuale è stata messa in consultazione
Il Consiglio federale ha avviato oggi la procedura: in futuro, anche i coniugi dovranno compilare separatamente la dichiarazione delle imposte
Svizzera
14 ore
Il Black Friday ha mosso 7,1 milioni di pacchi in Svizzera
Non è stato comunque raggiunto il record del 2021 di oltre 7,4 milioni di invii
Svizzera
16 ore
Un seggio in governo spinge più persone alle urne? Non in Ticino
Uno studio smentisce la relazione fra rappresentanza in Consiglio federale di un cantone e aumento di interesse per la politica fra la popolazione
Svizzera
18 ore
‘Qui a Palazzo le persone mi conoscono, ed è questo che conta’
È stato definito ‘principe del lobbismo’, ‘petro-lobbista’, ‘cacciatore di mandati’. Albert Rösti spiega perché non fa nulla di strano, o di male
Svizzera
1 gior
‘Brilla’ un bancomat a Füllinsdorf, malviventi in fuga
Altro botto nella notte in Svizzera. Stavolta è toccato a un impianto di erogazione di contante di Basilea Campagna
Svizzera
1 gior
Sì del Nazionale all’imposta minima delle grandi multinazionali
Restano solo da appianare alcune divergenze relative alla ripartizione tra Confederazione e Cantoni del gettito supplementare
© Regiopress, All rights reserved