laRegione
14.01.21 - 12:24
Aggiornamento: 18:07

Legge antiterrorismo, riuscito il referendum

I promotori hanno depositato alla Cancelleria federale 142'800 firme contro la legge che, a loro dire, limita diritti fondamentali e libertà individuali

legge-antiterrorismo-riuscito-il-referendum
(Keystone)

I Giovani Verdi, i Giovani Socialisti, i Giovani Verdi Liberali e il Partito Pirata hanno depositato giovedì alla Cancelleria federale circa 142'800 firme contro la legge sul terrorismo, più delle 50.000 richieste per un referendum, che quindi avrà successo.

Nelle ultime settimane sono arrivate più di 87'800 firme. "È un sollievo", ha detto Oleg Gafner, copresidente dei Giovani Verdi svizzeri, alla presentazione delle firme. Si è rallegrato del "grande salto" della popolazione.

Il comitato referendario "No alla detenzione arbitraria" ritiene che la legge limiti i diritti fondamentali e le libertà individuali. "È preoccupante che, in uno Stato di diritto, la polizia possa trattenere le persone in modo arbitrario", ha detto Gafner. Ha anche sottolineato i diritti dei bambini: "Sono inutili se non c'è differenza tra loro e gli adulti dai 12 anni in su".

"Coloro che sono disposti a sacrificare i diritti umani sull'altare della cosiddetta sicurezza non stanno combattendo per la libertà, ma stanno facendo il contrario", ha detto Ronja Jansen, presidente della Gioventù socialista. "È quindi un'ottima cosa che il popolo svizzero possa esprimere la sua opinione  sul merito di questa legge", ha detto Virginie Cavalli, copresidente dei Giovani Verdi svizzeri.

Misure proporzionate

Reagendo giovedì alla presentazione delle firme, i rappresentanti dell'Udc, del Plr e del Ppd hanno dichiarato che il progetto di legge è "importante per la sicurezza della Svizzera", soprattutto alla luce dei recenti avvenimenti a Morges (VD) e all'estero, come a Vienna e a Nizza.

Viene confutata l'accusa di arbitrarietà, poiché le decisioni dell'Ufficio federale di polizia (Fedpol) possono essere impugnate dinanzi al Tribunale amministrativo federale. I contrari ritengono inoltre che le misure di polizia previste siano proporzionate, limitate nel tempo e mirate.

Fedpol coinvolta

Alla fine di settembre l'Assemblea federale ha adottato misure contro la minaccia del terrorismo e della criminalità organizzata. La riforma introduce una disposizione che punisce il reclutamento, l'addestramento e i viaggi in vista di un atto terroristico, nonché le attività di finanziamento. Coloro che sostengono organizzazioni criminali o terroristiche saranno puniti con una pena detentiva fino a dieci anni di reclusione.

La seconda componente delle misure antiterrorismo prende di mira le persone che costituiscono una minaccia ma che non possono essere oggetto di un procedimento penale. A titolo precauzionale, possono essere obbligate a presentarsi in determinati orari a una stazione di polizia, a non lasciare la Svizzera, ad essere confinate in una determinata zona o a non recarsi in determinati luoghi.

Le misure si applicano anche ai giovani a partire dai 12 anni. Gli arresti domiciliari si applicano a partire dai 15 anni di età. Sarà possibile mettere agli arresti domiciliari persone potenzialmente pericolose. Le misure saranno limitate a sei mesi, rinnovabili una sola volta. Essi saranno decise e autorizzate da Fedpol.

Critiche dagli esperti dell'ONU

Diversi esperti indipendenti dell'ONU, tra cui Nils Melzer di Zurigo, hanno ripetutamente criticato il progetto di legge antiterrorismo del Consiglio federale mettendo in guardia contro questo testo che, a loro avviso, apre la porta alla privazione arbitraria della libertà.

Questi funzionari, che sono incaricati dall'ONU ma non parlano a suo nome, hanno deplorato il fatto di non essere stati ascoltati. Per loro, questa legge antiterrorismo stabilisce un pericoloso precedente per la soppressione dell'opposizione politica nel mondo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Impennata di casi di coronavirus
Sono 25’134 nell’ultima settimana, con 13 morti e 290 ricoverati. Una settimana fa erano il 50 per cento in meno
le mosse nell’udc
6 ore
Stamm Hurter apre a una candidatura per il dopo-Maurer
È consigliera di Stato nel Canton Sciaffusa. Gregor Rutz, interpellato sullo stesso argomento, invece si tira indietro: era considerato tra i favoriti
Svizzera
9 ore
Negli impianti di risalita... saliranno anche i prezzi
Previsti aumenti ‘moderati’. Resta anche la sfida del reclutamento del personale
Svizzera
10 ore
Riuscita l’iniziativa per l’imposizione individuale dei coniugi
I promotori chiedono una tassazione separata allo stesso modo dei conviventi. Ma è già allo studio il progetto del Consiglio federale
Svizzera
10 ore
A sciare in elicottero: e scatta il ‘Sasso del Diavolo’
Il premio per il trasporto più insensato va all’offerta ‘Heliski’ di Swiss Helicopter. I più virtuosi? Un’azienda che produce case sostenibili in legno
Svizzera
11 ore
La distrazione al volante fa 60 morti e 1’100 feriti ogni anno
L’uso del telefono è la principale causa di disattenzione alla guida fra i giovani. L’Ufficio prevenzione infortuni lancia una campagna
Svizzera
11 ore
Fornitura di gas, se la solidarietà fra vicini (forse) non c’è
La Svizzera non sarebbe un partner interessante per la Germania, poiché non dispone di riserve sul proprio territorio
Svizzera
12 ore
Se la coda in autostrada fa perdere tempo e... soldi
Ammontano a tre miliardi di franchi i costi causati dai ritardi dovuti al traffico; a dirlo l’Ufficio federale dello sviluppo territoriale
Svizzera
1 gior
Traffico sulla A13 e la A28, niente ‘bacchetta magica’
Il problema del traffico turistico di aggiramento sulle due arterie grigionesi impone una strategia sovracantonale
Svizzera
1 gior
Tentata rapina a mano armata a Crans Montana
Preso di mira, poco prima delle 6, un negozio del centro. È caccia ai malviventi (due) in Vallese
© Regiopress, All rights reserved