laRegione
07.01.21 - 15:31
Aggiornamento: 18:21

La Svizzera concede l'asilo all'oligarca kazako Khrapunov

Il Tribunale amministrativo federale accoglie la richiesta dell'ex ministro e della moglie. Ribaltata la decisione negativa della Sem.

la-svizzera-concede-l-asilo-all-oligarca-kazako-khrapunov
Keystone
La sede del Taf a San Gallo

San Gallo - L'ex ministro e oligarca kazako Victor Khrapunov e sua moglie Leila hanno ottenuto asilo politico in Svizzera. Lo ha stabilito il Tribunale amministrativo federale (Taf), ribaltando la decisione della Segreteria di Stato della migrazione (Sem).

Secondo quanto si legge nella sentenza sul caso pubblicata oggi, la corte di San Gallo sostiene che la coppia, in caso di ritorno in Kazakistan, sarebbe fortemente esposta. Vi sarebbe un concreto rischio di procedimenti penali non condotti correttamente nei loro confronti, una situazione rilevante per una richiesta di asilo.

Asilo interesse preponderante

Il Taf non esclude che vi siano stati effettivamente atteggiamenti contrari alla legge da parte di Khrapunov e che un processo potrebbe quindi essere giusto. I motivi che portano alla concessione dell'asilo sono però preponderanti rispetto a questi eventuali procedimenti.

Khrapunov, ministro kazako dell'energia e delle misure d'emergenza fino al 2007, si è trasferito in Svizzera dopo aver rotto col regime del presidente Nursultan Nazarbaiev, del quale è diventato un fervente oppositore. Le autorità del paese d'origine dell'oligarca sospettano che questi si sia arricchito in maniera fraudolenta quando era ministro e sindaco della città di Almaty. In Svizzera, un procedimento per riciclaggio di denaro è stato archiviato dalla giustizia ginevrina.

Khrapunov, dal canto suo, ha in passato sostenuto di essere vittima di minacce e di azioni di sorveglianza ordinate dal governo del proprio paese e che colpirebbero anche i suoi familiari. In particolare, ha lamentato la sottrazione illecita di dati informatici e il posizionamento di dispositivi Gps sul suo veicolo.

La sentenza pubblicata oggi è definitiva e non può essere impugnata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
6 min
’Io, adolescente e con la fedina penale già macchiata’
Fra i reati più commessi dai giovanissimi ci sono il taccheggio e il porto abusivo di armi, lo indica un’indagine internazionale
Svizzera
1 ora
Crescono i pernottamenti in Svizzera. Ma non in Ticino
In controtendenza con la tendenza nazionale, nel nostro cantone in agosto la flessione è stata del 16%. Ma nel 2021 cifre ‘dopate’
Svizzera
2 ore
Covid, da lunedì quarta dose in tutta la Svizzera
Come a livello cantonale, la vaccinazione è consigliata soprattutto alle persone a rischio sopra i 65 anni e il personale sanitario
Svizzera
2 ore
Addio ai ‘gioielli di famiglia’ per Credit Suisse
L’istituto di credito ha avviato il processo di vendita dell’albergo di lusso Savoy, ultimo grande immobile ancora di proprietà della banca
Svizzera
2 ore
Sedicenne gravemente ustionato da un arco elettrico
Il giovane, che si trovava accanto a un treno merci fermo alla stazione di Rafz, nel canton Zurigo, è stato elitrasportato all’ospedale
Svizzera
4 ore
Successione di Maurer, anche Rickli e Stamm Hurter si defilano
L’ex consigliera nazionale di Winterthur, tra i favoriti per il posto vacante in Governo, non sarà della corsa. Così come l’ex vicepresidente dell’Udc
Svizzera
19 ore
Sempre più problemi per l’approvvigionamento di farmaci
Le carenze, come precisa l’Ufsp, erano già preesistenti e non dipendono dalla guerra in Ucraina. Mancano anche centinaia di prodotti salvavita
Svizzera
21 ore
Fino a oltre un’ora di coda alle biglietterie Ffs
K-Tipp traccia una mappa della Svizzera in base ai tempi di attesa agli sportelli delle principali stazioni. A Zurigo fino 71 minuti di fila
Svizzera
21 ore
‘Finora tante promesse, ma troppi pochi soldi’
Il Fondo di risarcimento per le vittime dell’amianto sta ancora attendendo i 30 milioni preannunciati da imprese e organizzazioni economiche
Svizzera
21 ore
Abbattuta una giovane lupa in Val Lumnezia
L’esemplare faceva parte del branco di Wannaspitz. L’autorizzazione a cacciarla era stata emessa a inizio settembre
© Regiopress, All rights reserved