laRegione
27.12.20 - 11:46

Dati mancanti e ritardi ostacolano la lotta alla pandemia

In Svizzera avere cifre aggiornate sarebbe stato di grande aiuto, soprattutto in vista della seconda ondata in autunno

Ats, a cura de laRegione
dati-mancanti-e-ritardi-ostacolano-la-lotta-alla-pandemia
Ti-Press

I dati che giungono in ritardo o mancano ostacolano la lotta contro la pandemia in Svizzera. Avere a disposizione cifre aggiornate sarebbe stato di grande aiuto, soprattutto in vista dell'elaborazione di una strategia all'inizio della seconda ondata in autunno. 

"Le cifre relative ai ricoveri ospedalieri vanno interpretate con cautela a causa delle dichiarazioni insufficienti e dei ritardi". L'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp) pubblica questa nota nel suo rapporto quotidiano sui dati relativi al coronavirus. In alcuni casi è facile determinare quanto tempo ci vuole perché certi dati arrivino. I ritardi sono stati particolarmente evidenti negli ultimi tre mesi: in ottobre, ad esempio, quando la situazione in Svizzera si è notevolmente deteriorata, l'Ufsp ha segnalato solo la metà dei ricoveri settimanali che sono stati successivamente confermati ufficialmente.

Poi, all'inizio di novembre, la tendenza si è invertita: l'Ufsp ha in alcuni casi annunciato dati sovrastimati. Le cifre erano a volte superiori di 200 unità alla settimana rispetto al numero effettivo di ricoveri pubblicati in seguito.

Per quanto riguarda i decessi, nei mesi di ottobre e novembre le cifre effettive settimanali erano a volte fino al 100% superiori rispetto ai casi segnalati dall'Ufsp. Dall'inizio di dicembre i dati comunicati hanno nuovamente superato le cifre reali.

Lunga attesa

Per molti svizzeri, le statistiche annunciate quotidianamente dai media sono un'importante indicazione dell'evoluzione della pandemia. I ritardi però sono problematici soprattutto per chi deve prendere decisioni.

Questo non significa che "parametri chiave come il tasso di riproduzione non possano essere stimati in modo affidabile dai dati attualmente disponibili", ha detto a Keystone-Ats un esperto del settore, che desidera rimanere anonimo. "Ma se avessimo più dati, soprattutto in tempo reale, avremmo anche maggiori informazioni sull'andamento quotidiano della pandemia".

A causa della particolare natura del virus, le infezioni non vengono rilevate fino a circa cinque giorni dopo il contagio. E c'è sempre un ritardo prima che la circolazione del virus reagisca alle misure adottate. Questo diventa improvvisamente problematico se i medici e gli ospedali sono in ritardo nell'elaborazione delle loro relazioni.

In 24 ore

In teoria, tutto sembrerebbe in ordine: "I medici e gli ospedali sono tenuti a comunicare all'Ufsp le informazioni sui pazienti ricoverati entro 24 ore mediante i risultati clinici", ha precisato l'ufficio a Keystone-Ats. I risultati devono essere normalmente trasmessi per via elettronica, ma "per garantire la completezza", è possibile farlo anche per posta o fax.

Una buona gestione dei dati è fondamentale nella lotta contro la pandemia, ha dichiarato la Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS). Quest'ultima è consapevole del problema e per questo motivo, a metà novembre, il segretario generale della CDS e il direttore dell'UFSP hanno inviato una lettera ai direttori cantonali della sanità, nella quale chiedono loro di imporre agli ospedali di presentare i rapporti clinici sui ricoveri ospedalieri entro il termine stabilito. Ad oggi stanno ancora aspettando una risposta.

Tracciamento dei contatti

Oltre ai ritardi, è problematico anche il fatto che i ricercatori non abbiano accesso ai dati di tracciamento dei contatti nei Cantoni. Questi sarebbero particolarmente utili per integrare in tempo reale con i dati svizzeri i risultati delle indagini internazionali sui luoghi di contaminazione.

Ciò avrebbe permesso di sostenere le strategie dei politici e delle autorità all'inizio dell'autunno, prima della seconda ondata, in modo da poter adottare misure mirate. Attualmente "il peggioramento della situazione epidemiologica in Svizzera e il sovraccarico del sistema sanitario rendono possibili solo misure severe per ridurre i contatti", ha spiegato Sebastian Bonhoeffer, professore al Politecnico di Zurigo e membro della task force scientifica.

A suo parere, il problema sta nel fatto che i dati non vengono raccolti e trasmessi in modo uniforme. Subito dopo la prima ondata, i ricercatori avevano già chiesto di adottare un sistema a livello nazionale. Tuttavia, i Cantoni non sono riusciti a trovare un accordo e si sono limitati a sviluppare un questionario comune. Neppure questo scambio di dati è però pienamente operativo.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
38 min
Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna
Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
2 ore
Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita
Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
20 ore
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
20 ore
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
22 ore
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
1 gior
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
1 gior
Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti
Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
1 gior
In aumento i casi di maltrattamento di minori
Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
Svizzera
1 gior
Berset ribadisce: non sapevo nulla delle indiscrezioni
Il portavoce del Governo Simonazzi chiarisce che dopo la discussione il ‘Consiglio federale ha ritrovato la fiducia e andrà avanti a lavorare come sempre’
Svizzera
1 gior
Infermieri, verso più formazione e condizioni di lavoro migliori
Il Consiglio federale intende rafforzare il settore: fra le proposte, anche più personale formato e fatturazione diretta di alcune prestazioni
© Regiopress, All rights reserved