laRegione
21.12.20 - 15:31
Aggiornamento: 16:56

Le norme sociali legate al genere condizionano la salute

L'Ufficio federale di statistica rileva che i comportamenti 'di genere' influenzano l'alimentazione, l'attività fisica e il consumo di tabacco

Ats, a cura de laRegione
le-norme-sociali-legate-al-genere-condizionano-la-salute
(Keystone)

L'ultima Indagine sulla salute in Svizzera (Iss) evidenzia l'influenza delle norme sociali legate al genere sullo stato di malattia della popolazione. L'inchiesta comunque rivela un assottigliamento del divario nella speranza di vita tra donne (più longeve) e uomini. Per gli autori l'Iss è uno strumento per sviluppare strategie di prevenzione più efficaci.

L'indagine, pubblicata oggi dall'Ufficio federale di statistica (Ust) in tedesco e francese, si riferisce a inchieste condotte nel 2017. L'Iss è parte integrante di un programma pluriennale della Confederazione e si svolge ogni cinque anni dal 1992. 

I dati vengono raccolti tramite un'intervista telefonica, completata da un questionario scritto, in tutte le regioni del paese. Nel 2017 sono state interrogate 22'134 persone (11'671 donne e 10'463 uomini) di almeno 15 anni. Le informazioni raccolte riguardano lo stato di salute e i comportamenti che lo influenzano.

L'ultima Iss, che si è focalizzata sul ruolo del genere, mostra che i comportamenti a esso legati influenzano l'alimentazione, l'attività fisica e il consumo di tabacco e hanno un impatto sulla diagnosi e la cura delle malattie croniche. Per ridurre le disuguaglianze in materia di salute, è essenziale che tali comportamenti siano considerati dagli attori del sistema sanitario, sottolineano i ricercatori.

Speranza di vita: divario si riduce

La speranza di vita alla nascita per le donne è in media di quattro anni superiore a quella degli uomini. Ma questo divario tende a ridursi. Una delle ragioni è la convergenza degli stili di vita, in particolare per quanto attiene al consumo di tabacco e alcol.

Il fumo, ad esempio, è un comportamento tipicamente legato al sesso. È anche un importante fattore di rischio per le malattie cardiovascolari e il cancro, sottolinea lo studio. La frequenza del tumore ai polmoni tra le donne svizzere dal 1980 è aumentata del 94%, mentre è diminuita del 36% tra gli uomini.

Questa differenza contribuisce a spiegare la riduzione del divario nella speranza di vita. Il cancro ai polmoni è diventato la principale causa di morte tra le donne in Svizzera, prima del cancro al seno.

Il genere influenza il trattamento

Il genere ha anche un'influenza nella percezione e nell'espressione del dolore. Ad esempio, i sintomi descritti come "tipici" dell'infarto del miocardio sono meno frequenti nelle donne. Questa mancanza di conoscenza della sintomatologia può portare a un ritardo o alla mancanza di una diagnosi corretta, suggerisce l'Ust.

Le donne esprimono più facilmente i loro dolori e, in generale, consultano il medico più facilmente. Inoltre, lo studio rileva che, a causa delle loro posizioni sociali generalmente più sfavorevoli, vivono uno stress psicosociale più importante e lo manifestano, tra le altre cose, attraverso il dolore cronico.

Un esempio in questo senso sono i dolori all'apparato digerente e i mal di testa, più spesso segnalati dalle donne che dagli uomini. Tuttavia, queste differenze di genere si annullano per le persone inattive o disoccupate di età compresa tra i 25 e i 64 anni: la percentuale di uomini affetti da questi disturbi è più alta quando lavorano a tempo parziale o sono disoccupati. La differenza può essere spiegata dal ruolo sociale tradizionalmente assegnato loro come "fornitori di reddito" e dalla pressione sociale che lo accompagna, indica l'Iss.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Swisscom, ecco i bilanci 2022. Anzi no: settimana prossima
Complice un errore, per alcune ore l’azienda pubblica in internet i risultati d’esercizio, non ancora approvati dal Consiglio d’amministrazione
Svizzera
1 ora
Anno record per Tavolino magico: salvate 6’000 t di derrate
Ma l’associazione avverte: ‘C’è ancora molto da fare nella lotta allo spreco alimentare. Beneficiari in aumento in Ticino
Svizzera
15 ore
Suisse Secret, il Ministero pubblico della Confederazione indaga
Credit Suisse sporge denuncia per la fuga di notizie. I reati prospettati sono spionaggio economico, violazione dei segreti commerciale e bancario
Svizzera
19 ore
Moutier, no di Plr e Udc alla mediazione di Baume-Schneider
Per le sezioni del Giura bernese, la passata militanza della consigliera federale non le permetterebbe un responso imparziale sul contenzioso
Svizzera
20 ore
In un comune su due installare pannelli solari non conviene
I proprietari rischiano addirittura di andare in perdita, indica uno studio. Notevoli le differenze da un cantone e un comune all’altro
Svizzera
20 ore
Il Consiglio federale in difesa della libertà di stampa
Scoop con i dati bancari? Il governo sostiene una mozione che chiede di rinunciare alle sanzioni penali previste attualmente
Svizzera
22 ore
Expo 2025, la Svizzera punta su innovazione e padiglione ‘light’
Berna intende presentare la struttura più leggera ed ecologica di tutta la manifestazione che si svolgerà a Osaka
Svizzera
22 ore
La Confederazione deve impegnarsi sulla penuria di farmaci
Secondo Enea Martinelli, farmacista ospedaliero di vari nosocomi bernesi, occorre elaborare misure a lungo termine
Svizzera
22 ore
Un gruppo di esperti vuole vietare le promozioni sulla carne
Le misure proposte, fra cui anche una tassa sul CO2 prelevata sulle derrate, sono finalizzate a preservare la sicurezza alimentare della Svizzera
Svizzera
22 ore
Migros ha scelto: il nuovo numero uno sarà Mario Irminger
Precedentemente alla testa di Denner (che ora cerca un nuovo timoniere), prenderà le redini dei ‘gigante arancione’ fra due mesi
© Regiopress, All rights reserved