laRegione
test-rapidi-istruzioni-per-l-uso
(Keystone)
18.12.20 - 16:32

Test rapidi, istruzioni per l'uso

Le più comuni domande e relative risposte circa l'utilizzo dei test rapidi esteso dalla Confederazione con la decisione di oggi

Nel quadro dell'aggiornamento delle misure per il contrasto della pandemia, il Consiglio Federale ha deciso oggi di estendere l’impiego dei test rapidi, per permettere alla popolazione di farsi testare ancora più facilmente. Di seguito alcune domande e risposte che forniscono important chiarimenti sul tema.

 

Chi può sottoporsi a un test rapido? 

Finora i test rapidi erano riservati alle persone che soddisfano i criteri di prelievo di campioni (criteri di  test) dell’UFSP, cioè alle persone con sintomi e alle persone che hanno ricevuto una segnalazione  dall’app SwissCOVID. Era inoltre consentita l’esecuzione di test rapidi nel quadro di indagini sui  focolai.  

Da ora potranno sottoporsi a un test rapido tutte le persone asintomatiche, anche se non soddisfano i  criteri di prelievo di campioni (criteri di test).  

Chi paga il test rapido? 

Al contrario di quanto previsto per le persone che soddisfano i criteri di prelievo di campioni (criteri di  test), i costi dei test rapidi eseguiti su persone asintomatiche devono essere assunti dalle persone  stesse o dal soggetto che li ha richiesti (p. es. il datore di lavoro). 

Quali test rapidi sono consentiti? 

Per testare la popolazione su scala ancora più larga, in futuro nelle farmacie, negli studi medici e nei  centri di test potranno essere eseguiti tutti i tipi di test rapidi validati ammessi sul mercato. Finora  erano consentiti soltanto test antigenici rapidi con striscio nasofaringeo.  

Dove e da chi può essere eseguito un test rapido?  

I test rapidi possono essere eseguiti nelle farmacie, negli studi medici e nei centri di test. Il personale  che li esegue deve essere appositamente formato. 

Perché l’impiego di test rapidi viene esteso? 

L’evidenza scientifica, le nuove tecnologie e le accresciute capacità operative consentono di testare  anche le persone asintomatiche. In virtù delle nuove possibilità tecnico-scientifiche, l’obiettivo di  interrompere le catene di contagio è ampliato: le persone asintomatiche possono ora sottoporsi al test  in ambito privato o sul posto di lavoro. Grazie ai test rapidi, i piani di protezione vigenti (p. es. per  alberghi, fiere, congressi internazionali o manifestazioni sportive) possono essere perfezionati e  rafforzati. 

A chi compete la validazione dei test rapidi? 

La validazione indipendente dei test rapidi è effettuata da laboratori autorizzati da Swissmedic.

 

Posso ordinare un test rapido su Internet ed eseguirlo a casa? 

L’UFSP lo sconsiglia. L’origine, la certificazione e la validazione dei test ordinati su Internet spesso  non possono essere verificati. I test rapidi dovrebbero essere eseguiti sotto la responsabilità di  specialisti.  

I test rapidi sono meno sensibili dei test PCR. Non vi è il pericolo di risultati falsi negativi  nelle persone asintomatiche? 

Le esperienze nel frattempo maturate hanno rafforzato le evidenze scientifiche che i test antigenici  rapidi sono in grado di riconoscere con sufficiente affidabilità le persone contagiose. Per gli ulteriori  nuovi tipi di test rapidi presenti o in arrivo sul mercato, va garantito che siano affidabili almeno quanto  quelli attualmente in uso.  

Che cosa bisogna fare in caso di risultato positivo? 

In caso di risultato positivo, la persona interessata deve immediatamente sottoporsi a un test PCR di  conferma. I costi di questo test sono assunti dalla Confederazione in virtù della legge sulle epidemie. 

Un turista può sottoporsi a un test rapido per poi tornare nel suo Paese di provenienza?  

Sì, a condizione che il Paese di provenienza accetti il risultato di un test rapido per l’entrata. Spetta al  turista accertare le condizioni d’entrata del Paese di provenienza. 

Se la persona non ha sintomi e non soddisfa i criteri di prelievo di campioni (criteri di test), il test  rapido è a suo carico. Se risulta positiva, deve eseguire un test PCR di conferma. I costi di questo  secondo test sono assunti dalla Confederazione. 

L’UFSP consiglia test rapidi prima di Natale per poter visitare i parenti? 

L’UFSP non emana raccomandazioni. Ognuno è libero di sottoporsi a un test rapido. Va però tenuto  presente che un risultato negativo garantisce la negatività soltanto per un giorno (quello del test).  Inoltre l’estensione dell’impiego dei test rapidi non sostituisce le regole d’igiene e di comportamento  dell’Ufficio federale della sanità pubblica.  

La partecipazione a test collettivi sul posto di lavoro è obbligatoria?  

La partecipazione a test collettivi è per principio facoltativa. Il datore di lavoro è legittimato a far testare  i suoi dipendenti soltanto nel quadro del diritto cogente. Il diritto cogente comprende per esempio la  protezione della personalità del lavoratore e la protezione dei dati. Il test deve essere giustificato da  motivi riferiti alla prestazione lavorativa o alla protezione di altri lavoratori o di terzi (clienti, pazienti).  Va inoltre considerato il contesto complessivo, per esempio la situazione epidemiologica e la  possibilità e disponibilità di altre misure di protezione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
test rapidi ufsp
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
12 min
Minacce a Dick Marty, ‘bruciato’ un informatore
Grave errore di procedura dell’Ufficio federale di polizia nella gestione della vicenda concernente l’ex magistrato e consigliere agli Stati
Svizzera
1 ora
Riforma Ocse: applicazione iniqua per il Ps
Necessario livellare la ripartizione fra Cantoni. Wermuth: ‘Deve adempiere il suo obiettivo iniziale: non incoraggiare la concorrenza’
Svizzera
2 ore
Abbattuto il lupo problematico del canton Glarona
L’animale si era reso protagonista degli attacchi a 13 pecore e 2 capre nella regione della Krauchtal, del Kerenzerberg e della Mürtschental
Svizzera
3 ore
Incidente ferroviario a Wanzwil, perturbazioni fino alle 10.30
A causa dei danni subiti nell’impatto con il capriolo, il convoglio è stato evacuato. Treni da e per Olten deviati via Burgdrof
Svizzera
3 ore
‘Segnale positivo in favore della piazza finanziaria’
In vista delle votazioni federali del 25 settembre, Ueli Maurer lancia la campagna e difende la riforma dell’imposta preventiva
Svizzera
4 ore
Treno urta un capriolo: grossi disagi sulla linea Berna-Olten
La collisione è avvenuta stamane alle 7.25 nei pressi di Wanzwil (Be). Danneggiato il sistema di aerazione
Svizzera
1 gior
Caduta fatale per un’alpinista sul Pilatus
Una donna di 36 anni è morta dopo esser precipitata per centinaia di metri nel settore di Gsäss
Svizzera
1 gior
Gli imprenditori: non ci sarà un aumento astronomico dei salari
Il presidente dell‘Unione svizzera degli imprenditori (USI) Valentin Vogt ritiene irrealistiche le richieste dei sindacati: ’gettano fumo negli occhi’
Svizzera
1 gior
Paura di un inverno al freddo, occhio alle truffe
In Vallese segnalati annunci online fasulli di legna da ardere e pellet a basso costo. Si chiede di pagare in anticipo, ma la merce non viene consegnata.
Svizzera
1 gior
Incidente mortale ieri sera a Schlatt
Forse un malore all’origine del sinistro costato la vita a un novantenne, andato a cozzare contro una scalinata e il muro di un cimitero
© Regiopress, All rights reserved