laRegione
18.12.20 - 12:17
Aggiornamento: 19:45

Iniziativa Paesaggio, in arrivo il controprogetto

Il Consiglio federale respinge l'iniziativa «Contro la cementificazione del nostro paesaggio», ma condivide le principali richieste dei promotori

iniziativa-paesaggio-in-arrivo-il-controprogetto
(Keystone)

Condividendo l'idea che i comprensori edificabili vadano meglio divisi da quelli non edificabili, il Consiglio federale intende affiancare un controprogetto indiretto all'iniziativa "Contro la cementificazione del nostro paesaggio", testo che raccomanda però di respingere.

L'iniziativa popolare depositata l'8 settembre scorso dalle associazioni promotrici riunire sotto l'etichetta "Sì alla natura, al paesaggio e alla cultura della costruzione" chiede che il principio fondamentale della pianificazione del territorio concernente la separazione dei comprensori edificabili da quelli non edificabili venga ora sancito nella Costituzione federale.

Inoltre, la Confederazione e i Cantoni devono provvedere affinché nei comprensori non edificabili il numero degli edifici e la superficie da essi occupata non aumentino. Il testo dell'iniziativa contiene pure diverse disposizioni e principi in relazione alle costruzioni al di fuori delle zone edificabili.

Stando a una nota governativa odierna, però, con la limitazione del numero degli edifici e della superficie da essi occupata al di fuori delle zone edificabili restano tuttavia da chiarire questioni importanti.

In caso di un "sì" alle urne, per un lungo periodo non sarebbe chiaro se la limitazione possa essere applicata direttamente ed entro quale termine debba essere soddisfatta. Inoltre, la questione se la limitazione sia da considerare come una prescrizione fissa in termini numerici o un obiettivo flessibile potrebbe provocare accesi dibattiti.

Poiché il Consiglio federale vuole evitare simili incertezze, ha deciso di respingere l'iniziativa, opponendole però un controprogetto a livello legislativo e non costituzionale che riprenda la principale richiesta dei sostenitori dell'iniziativa ossia il rafforzamento del principio di separazione dei comprensori edificabili da quelli non edificabili.

I punti cardine del controprogetto

I punti cardine del controprogetto prevedono nuovi approcci a livello legislativo per poter recuperare terreni agricoli e l'idea che utilizzazioni più estese al di fuori delle zone edificabili verrebbero concesse solo se compensate significativamente;l'obiettivo è quello di ottenere un risultato complessivo migliore per il paesaggio.

Oltre a ciò, non verrebbero create ulteriori eccezioni per le costruzioni al di fuori delle zone edificabili e le attuali eccezioni non verrebbero più applicate sistematicamente su tutto il territorio nazionale, ma solo in quei Cantoni che recepiscono le eccezioni nel diritto cantonale.

La procedura

Attualmente, sottolinea l'esecutivo nella nota, la Commissione dell'ambiente, della pianificazione del territorio e dell'energia del Consiglio degli Stati (CAPTE-S) sta discutendo la seconda fase della revisione parziale della legge sulla pianificazione del territorio (LPT 2).

Non appena verrà presentato il progetto preliminare della CAPTE-S, il Consiglio federale rivaluterà il dossier e deciderà se rinunciare o meno a porre in consultazione un proprio controprogetto indiretto.

Se i lavori della CAPTE-S vanno in un'altra direzione oppure se i dibattiti sulla LPT 2 non sono ancora conclusi la prossima primavera, sulla base dei punti cardine summenzionati il Consiglio federale avvierà una consultazione, al più tardi entro maggio 2021, su un proprio controprogetto indiretto. Ciò si rende necessario al fine di poter trattare le iniziative popolari nel rispetto dei termini vigenti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Due morti a Disentis per una valanga
La slavina ha travolto un gruppo di tre sciatori fuori pista, una sola delle quali è rimasta illesa
Svizzera
2 ore
La meteo fa i capricci: in Ticino quasi 20°C, neve in montagna
Il favonio da nord ha alzato eccezionalmente la colonnina di mercurio nel sud della Svizzera: 19,5°C a Locarno. Rischio valanghe nei Grigi
Svizzera
4 ore
La Brévine festeggia il freddo, pronta una brioche da record
Nella ‘Siberia della Svizzera’ inizia il festival locale: fornai pronti a sfornare una brioche da 4,18 metri, in onore dei -41,8°C toccati nel 1987
Svizzera
6 ore
Il parto anonimo è sempre più possibile in Svizzera
Sempre più ospedali danno alle donne la possibilità di partorire in modo confidenziale, come alternativa alle “baby finestre”
Svizzera
7 ore
Secondo il Ceo, i prezzi dei prodotti Nestlé saliranno ancora
Secondo Mark Schneider, però, la multinazionale non è responsabile del rincaro essendo essa stessa vittima dell’aumento dei prezzi
Svizzera
8 ore
L’urto e poi le fiamme: incidente sull’A2, una donna è grave
Il sinistro è avvenuto questa notte fra il tunnel del Seelisberg e Altdorf. La conducente è uscita dal veicolo incendiato con l’aiuto di altre persone
la guerra in ucraina/1
10 ore
Sulla riesportazione delle armi svizzere il vento è cambiato
Commissione degli Stati vuole allentare la legge. Anche per sostenere l’industria bellica svizzera. Le risposte alle principali domande.
Svizzera
1 gior
Riesportazione di armi: ‘La legge va allentata’
La commissione della politica di sicurezza degli Stati ha chiesto con 6 voti contro 4 e 2 astensioni di modificare la legge federale sul materiale bellico
Svizzera
1 gior
Compromesso all’orizzonte sulla riforma della Lpp
Sul modello di compensazione, la commissione del Nazionale si allinea al Consiglio degli Stati. Restano in sospeso altri punti
Svizzera
1 gior
Iniziativa sui ghiacciai, al popolo l’ultima parola
Le firme raccolte sono oltre il doppio di quelle necessarie: riuscito il referendum dell’Udc contro la legge per la neutralità carbonica entro il 2050
© Regiopress, All rights reserved