laRegione
10.12.20 - 19:13
Aggiornamento: 20:56

Misure anti-Covid, Parlamento in pressing sul Governo

No a restrizioni generalizzate, ristoranti aperti fino alle 22, negozi aperti la domenica: commissione del Nazionale scrive al Consiglio federale.

misure-anti-covid-parlamento-in-pressing-sul-governo
Keystone
Il ministro della sanità Alain Berset e la presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga

Berna – No a nuove restrizioni generalizzate dell'attività economica per arginare la diffusione del coronavirus. Lo chiede la commissione sanitaria del Consiglio nazionale in una missiva al Consiglio federale che, a suo avviso, dovrebbe limitarsi ad adottare provvedimenti solo laddove la situazione epidemiologica dovesse richiederlo.

Stando alla commissione, prima di adottare nuovi provvedimenti, il Governo dovrebbe prima valutare l'efficacia delle misure annunciate dai Cantoni nei giorni scorsi. Ulteriori provvedimenti andrebbero inoltre limitati ai Cantoni dove la pandemia sta evolvendo in maniera preoccupante. Ad esempio, quando il numero di infezioni aumenta esponenziale o quando si stima che il sistema sanitario abbia raggiunto i suoi limiti.

Ristoranti aperti fino alle 22, aperture domenicali

Nell'attesa che il Consiglio federale confermi le nuove misure per i settori della ristorazione e del commercio al dettaglio domani, la commissione si appella all'esecutivo affinché questi settori non debbano già chiudere alle 19, ma rimangano aperti almeno fino alle 22.

Per quanto riguarda la prevista chiusura domenicale, una restrizione che interesserebbe in particolare i settori della ristorazione e del commercio al dettaglio, la commissione vuole che si rinunci del tutto a un provvedimento. Se questi piani dovessero invece essere confermati, il Consiglio federale dovrebbe anche annunciare misure semplici e rapide per compensare le mancate entrate per questi settori.

L'annuncio nei giorni scorsi di ulteriori restrizioni da parte del Governo è stato accolto freddamente da diversi Cantoni.  Quelli romandi, che avevano già adottato misure più severe che altrove e si preparavano ad allentarle, non hanno nascosto la loro collera per la sostanza del nuovo ‘pacchetto’ di misure e le modalità con cui è stato comunicato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
11 ore
Più soldi nel portamonete dei pensionati in Svizzera
Il Parlamento chiede un adeguamento integrale delle rendite Avs all’inflazione. Niente da fare per l’aumento dei sussidi di cassa malati.
Svizzera
11 ore
Offensiva solare, obbligo pannelli solo per edifici grandi
La Camera del popolo ha deciso di limitare tale vincolo alle strutture che occupano una superficie al suolo superiore a 300 metri quadrati
Ecuador
13 ore
Affonda barca alle Galapagos, svizzeri a bordo: vi sono morti
Secondo le autorità, quattro persone sono decedute e altre quattro risultano disperse: nessuna indicazione per ora sulla sorte dei cittadini elvetici
Svizzera
14 ore
Piano salvataggio aziende elettriche, eliminate divergenze
Il Consiglio federale ha redatto un progetto di legge così da equipaggiarsi precauzionalmente contro un eventuale collasso del sistema
Svizzera
14 ore
Allarme per le piccole medie imprese: ‘Bollette sestuplicate’
Preoccupazione per l’associazione di categoria attiva nell’industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica
Svizzera
14 ore
Sei indebitato? Avrai (forse) una seconda chance
Chiesti miglioramenti sul progetto di legge del Consiglio federale che mira a sostenere le persone in difficoltà finanziarie
Svizzera
16 ore
Ecco come hanno votato gli italiani in Svizzera
Il Partito democratico perde la leadership dei voti di lista, ma il risultato a livello di coalizione presenta alcune sorprese rispetto al voto in Italia
Svizzera
1 gior
‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’
A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
1 gior
Domenica di bocciature a livello cantonale
La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
1 gior
Allevamento intensivo: il no è netto
La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
© Regiopress, All rights reserved