laRegione
09.12.20 - 19:43

Operazione Libero sull’orlo del baratro finanziario

Entro febbraio l’organizzazione deve trovare mezzo miliardo di franchi. Avviata un’azione di raccolta fondi.

operazione-libero-sull-orlo-del-baratro-finanziario
Keystone

Berna – Operazione Libero è confrontata a grossi problemi finanziari. Entro febbraio l'organizzazione che lotta per una Svizzera aperta deve raccogliere mezzo milione di franchi attraverso una campagna di crowdfunding, altrimenti dovrà ridimensionare la propria attività e pronunciare licenziamenti.

L'ondata di iniziative della destra popolare è stata fermata, l'Udc ha perso il diritto di dettare i temi, il paesaggio politico si è fatto più progressista - ciononostante c'è ancora molto lavoro da fare per Operazione Libero, organizzazione nata nel 2014 che si basa principalmente sulla mobilitazione dei giovani. La votazione sull'iniziativa per imprese responsabili, è stato indicato oggi in una conferenza stampa a Berna, ha dimostrato quanto sia importante continuare ad impegnarsi per un liberalismo complessivo.

Ma la situazione finanziaria è difficile: per garantire il futuro di Operazione Libero servono 500'000 franchi. Oggi è stata avviata la raccolta fondi; il movimento lancia un appello a tutti i suoi sostenitori.

"Detto concretamente, direttamente e sinceramente: Operazione Libero si trova sull'orlo del baratro finanziario", ha affermato il co-presidente Stefan Manser-Egli in base al testo scritto del suo discorso. "Entro febbraio dobbiamo raccogliere 500'000 franchi altrimenti Operazione Libero non esisterà più." La direttrice Isabelle Gerber ha spiegato che "il nostro problema è la mancanza di una struttura di finanziamento al di fuori delle campagne per le votazioni". La centrale, senza la quale una gestione professionale non sarebbe possibile, costa insieme a tutte le spese fisse come salari, affitto e amministrazione 47'000 franchi al mese.

Operazione Libero vuole continuare a impegnarsi per una società aperta e progressista, liberale e giusta, in cui ogni persona si può sviluppare liberamente e goda della stessa dignità e degli stessi diritti, ha dichiarato la co-presidente Laura Zimmermann.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 ore
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
5 ore
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
7 ore
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
10 ore
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
12 ore
Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti
Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
1 gior
In aumento i casi di maltrattamento di minori
Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
Svizzera
1 gior
Berset ribadisce: non sapevo nulla delle indiscrezioni
Il portavoce del Governo Simonazzi chiarisce che dopo la discussione il ‘Consiglio federale ha ritrovato la fiducia e andrà avanti a lavorare come sempre’
Svizzera
1 gior
Infermieri, verso più formazione e condizioni di lavoro migliori
Il Consiglio federale intende rafforzare il settore: fra le proposte, anche più personale formato e fatturazione diretta di alcune prestazioni
Svizzera
1 gior
Il tennis in banca? ‘No e ancora no’: condanne confermate
Il Tribunale federale conferma la sanzione per i dodici attivisti che nel 2018 avevano occupato la sede losannese di una banca travestiti da Federer
Svizzera
1 gior
Mancano i medici? Governo favorevole a deroghe
Ma solo a precise condizioni e unicamente per medicina generale, pediatria, psichiatria nonché psicoterapia dell’infanzia e dell’adolescenza
© Regiopress, All rights reserved