laRegione
07.12.20 - 12:28

L'ex deposito di munizioni di Mitholz sarà sgomberato

Lo ha deciso venerdi il Consiglio Federale. Secondo le stime, nel deposito ci sono ancora 3500 tonnellate di munizioni inesplose

l-ex-deposito-di-munizioni-di-mitholz-sara-sgomberato
(Keystone)

I residui di munizioni dell'ex deposito militare di Mitholz, nel canton Berna, devono essere sgomberati. Lo ha deciso venerdì il Consiglio federale incaricando il Dipartimento della difesa (DDPS) di progettare i lavori, misure di protezione comprese, e di sottoporgli entro l'autunno del 2022 un messaggio relativo al finanziamento.

I costi totali sono stimati a 500-900 milioni di franchi. Fino a quando non sarà disponibile un apposito decreto federale, il DDPS metterà a disposizione 40 milioni di franchi che verranno impiegati in particolare per la pianificazione, l'attuazione delle misure preliminari, indagini tecniche e per effettuare le prime espropriazioni.

Il DDPS dovrà anche valutare, a titolo preventivo, la possibilità di procedere con una copertura dei residui di munizioni come soluzione di ripiego, qualora per motivi tecnici o di sicurezza lo sgombero non fosse possibile o dovesse essere interrotto. Per proteggere la strada nazionale che dà accesso alla galleria del Lötschberg, collegamento importante tra Berna e Vallese, l'attuale tunnel di Mitholz verrà prolungato.

A causa della pandemia di coronavirus, indica l'esecutivo in una nota, non si sono potuti organizzare incontri informativi con la popolazione locale. La consigliera federale Viola Amherd ha pertanto inviato una lettera personale ai residenti e si è rivolta a loro con un videomessaggio.

Il governo ha oggi illustrato anche le prossime tappe: nel 2021 si procederà a una valutazione degli immobili di Mitholz interessati dalle misure, affinché si possano trovare soluzioni con i residenti che dovranno traslocare. Il DDPS cercherà il dialogo con le singole persone e le famiglie.

Esplosione nel 1947

Il deposito di munizioni, costruito durante la Seconda Guerra mondiale sotto una montagna nei pressi di Mitholz, è parzialmente saltato in aria nel 1947. Secondo le stime, nel deposito ci sono ancora 3500 tonnellate di munizioni inesplose. Stando a un rapporto pubblicato nel giugno del 2018, il rischio di nuove esplosioni è più elevato del previsto.

I lavori di sgombero dovrebbero durare una decina di anni, con inizio previsto non prima del 2031. Il progetto avrà quindi un grande impatto sulla popolazione del luogo - circa 170 persone - che dovranno decidere se partire definitivamente o prevedere un futuro ritorno.

Secondo un sondaggio effettuato dalle autorità, con uno sgombero decennale l'80% degli intervistati intende trasferirsi. La maggioranza vorrebbe comunque rimanere nella regione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
58 min
I rapporti con l’Unione europea vanno rilanciati
È l’appello sottoscritto da duecento personalità svizzere. Che chiedono al Consiglio federale di chiarire quanto prima le sue intenzioni
Svizzera
1 ora
Si schianta contro un albero: morto un 21enne
Grave incidente della circolazione ieri sera a Uster. A seguito della violenza dell’impatto, il giovane è deceduto sul posto
Svizzera
1 ora
Guerra in Ucraina, congelati 7,5 miliardi di averi russi
La Segreteria di Stato dell’economia dà... i numeri. Sequestrati pure 15 immobili in sei cantoni
Svizzera
1 ora
Preventivo 2023, rosso per 4,8 miliardi di franchi
Il Consiglio nazionale ritocca lievemente le spese previste dal Governo: 15,11 milioni in più. Il dossier ora al vaglio degli Stati
Svizzera
3 ore
Novembre di stabilità per l’inflazione
Mentre in Europa il rincaro nell’ultimo mese ha toccato il 10% (dato comunque in lieve flessione), in Svizzera il tasso si è attestato al 3%
Svizzera
3 ore
Biglietti digitali nel futuro dei trasporti pubblici
Troppo costosa l’infrastruttura per quelli cartacei. L’Alliance Swiss Pass pensa a un futuro votato alla digitalizzazione
Svizzera
6 ore
‘Penso troppo poco ai ‘segnali’, forse mi baso troppo sui fatti’
La consigliera agli Stati socialista Eva Herzog è la favorita per la successione di Simonetta Sommaruga in Consiglio federale. Intervista.
friburgo
14 ore
Tribunale cantonale assolve in appello 27 attivisti per clima
Avevano bloccato l’entrata di un centro commerciale il 29 novembre 2019 in occasione della giornata del Black Friday.
Svizzera
20 ore
Mattarella auspica Berna in programmi europei di ricerca
Per il presidente italiano ‘una collaborazione che si inserisce nel più ampio contesto europeo e contribuisce allo sviluppo del nostro continente’
Svizzera
1 gior
Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro
La Confederazione è all’ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ‘Smeraldo’
© Regiopress, All rights reserved