laRegione
04.12.20 - 15:52
Aggiornamento: 18:37

'Situazione non rassicurante, i cantoni agiscano subito'

Berset ha parlato di 'sette cantoni' nei quali la situazione è preoccupante, ed esorta a prendere tempestivamente misure rigorose

situazione-non-rassicurante-i-cantoni-agiscano-subito

Il Consiglio Federale ha deciso le nuove misure di contenimento della pandemia in vista delle festività natalizie. L'attenzione posta sui piani di protezione per la pratica degli sport invernali nelle stagioni sciistiche, sugli orari dei ristoranti, l'affollamento nei negozi e le raccomandazioni per gli incontri in famiglia. 

Severe condizioni per lo scii

Le stazioni sciistiche potranno rimanere aperte per la clientela indigena, ma solo se la situazione epidemiologica lo permetterà. Ciò significa che dal 22 dicembre i gestori degli impianti avranno bisogno di una autorizzazione rilasciata dal cantone rimanere aperti.

Questa sarà concessa solo se sono garantite capacità sufficienti negli ospedali, nel contact-tracing e per i test. I gestori delle stazioni sciistiche devono inoltre presentare piani di protezione rigorosi.

Non ci saranno limiti di capacità per le stazioni sciistiche. I mezzi di trasporto chiusi - come funivie o cabinovie - potranno però essere occupati solo nella misura dei due terzi dei posti (a sedere e/o in piedi). Le mascherine saranno obbligatorie su tutti gli impianti, comprese seggiovie e sciovie, e nelle file d'attesa.

I Cantoni sono tenuti a controllare il rispetto delle regole: se riscontrano problemi di rilievo,  devono ingiungere ai gestori dei comprensori sciistici di porvi rimedio e, se le irregolarità  persistono, revocare loro l’autorizzazione. I Cantoni devono inoltre riferire alla  Confederazione sul numero di controlli effettuati, di ingiunzioni emesse e di autorizzazioni  revocate e sul grado di occupazione degli ospedali.

Preoccupazione per l'evoluzione della situazione epidemiologica

Il consigliere federale Alain Berset lamenta il degrado piuttosto netto e inaspettato della situazione e il rischio di una risalita del numero dei casi, attualmente stabilizzato a un livello alto,  e annuncia contatti con i sette cantoni più colpiti e l'elaborazione, eventualmente, di nuove misure a livello federale per tutti per alcuni cantoni, soprattutto se essi non adottano misure più rigorose. Berset non ha comunque rivelato quali sono i cantoni sotto osservazione.

In alcuni Cantoni il numero delle infezioni da coronavirus ristagna a livelli elevati o ha ripreso a crescere. La situazione negli ospedali resta molto tesa: in alcune strutture gli interventi chirurgici non urgenti vengono rimandati e il personale sanitario continua a essere fortemente sollecitato.

«Non possiamo permetterci che arrivi una terza ondata» ha detto Berset. «Dobbiamo agire anche con misure rigorose, in alcuni cantoni si sta andando nella direzione sbagliata». Il consigliere federale ha inoltre ribadito l'invito al farsi testare ai primi sintomi.

Meno persone nei negozi 

Il periodo a ridosso dei giorni festivi, contraddistinto da un incremento degli spostamenti per  fare acquisti e da un aumento degli incontri privati, è fonte di ulteriori rischi. Dopo aver  consultato i Cantoni, il Consiglio federale ha perciò deciso di rafforzare i provvedimenti sul  piano nazionale e modificato di conseguenza l’ordinanza COVID-19 situazione particolare.  Per proteggere ancora più efficacemente le persone, il numero di clienti presenti  contemporaneamente in un negozio viene ridotto. Dal 9 dicembre e fino a nuovo avviso, la  capienza degli esercizi commerciali è ulteriormente limitata: nei negozi di dimensioni più  grandi, la superficie minima per persona passa dagli attuali quattro a dieci metri quadrati. 

Con questo provvedimento s’intende incentivare la popolazione a pianificare in modo più  strategico quando fare gli acquisti. 

Nuove regole per i ristoranti 

In tutta la Svizzera diventerà obbligatorio, com’è già il caso in diversi Cantoni, registrare i dati  di contatto di un ospite per tavolo. Nella notte di San Silvestro, inoltre, gli esercizi pubblici  non dovranno chiudere alle 23, ma potranno rimanere aperti, a titolo eccezionale, sino  all’una del mattino. Lo scopo di questo provvedimento è di ridurre i rischi connessi a incontri  spontanei in ambito privato. 

La pratica del canto è vietata al di fuori della cerchia familiare e della scuola dell’obbligo, sia  all’aperto sia nei locali chiusi. Il divieto si applica non soltanto ai cori, ma anche al canto in  comune durante i servizi religiosi o nel quadro di determinate usanze di Capodanno. 

Massimo due economie domestiche insieme, più telelavoro

Il Consiglio federale raccomanda vivamente di limitare a due economie domestiche gli  incontri in privato e al ristorante, in modo da ridurre il più possibile i contatti fra le persone. Il  limite delle dieci persone è mantenuto. Per ridurre ulteriormente il numero di contatti e i flussi  di persone va inoltre attuata in modo sistematico la raccomandazione sul telelavoro. Il  Consiglio federale esorta nuovamente i datori di lavoro a permettere, nel limite del possibile,  ai lavoratori di lavorare da casa. I lavoratori devono essere il più possibile agevolati nel  ridurre al minimo i loro contatti interpersonali a ridosso dei giorni festivi. Questa misura è  tanto più opportuna quanto più dovessero essere previsti incontri con persone a rischio.

 

 

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
53 min
Kutter dal centro paraplegici di Nottwil: ‘Ce la faremo!’
Il consigliere nazionale zurighese twitta un messaggio di ottimismo dopo l’incidente sugli sci costatogli la frattura di due vertebre cervicali
Svizzera
1 ora
I Cantoni potrebbero restare per anni senza i soldi della Bns
È quanto affermano gli economisti dell’Ubs. La probabilità di una distribuzione salirà di nuovo sopra il 50% soltanto nel 2026
Svizzera
2 ore
Nel 2022 il 66% in più di traffico aereo in Svizzera
Il dato si sta riavvicinando a quello del periodo pre-pandemico distaccandosi solo del 12% rispetto al 2019
Svizzera
3 ore
Syndicom: basta molestie e sessismo nelle redazioni
Sulla scia delle rivelazioni su casi di mobbing e sessismo presso una testata del gruppo Tamedia, il sindacato dei media reclama un cambio di cultura
Svizzera
3 ore
Niente da fare per l’iniziativa per pensioni eque
I promotori gettano la spugna: l’obiettivo delle 100mila firme entro il 7 marzo resta una chimera
Svizzera
3 ore
Grindelwald, fiamme in una stazione della seggiovia
L’incendio si è sviluppato nella struttura a valle dell’impianto di risalita ‘Schilt’. Chiusa per motivi di sicurezza anche la vicina ‘Grindel’
Svizzera
4 ore
Dipendenze Svizzera contro la vendita notturna di alcolici
La Fondazione rileva come nei cantoni in cui dalle 21 alle 6 non è in vendita l’alcol, a parte il vino, i ricoveri dei giovani sian diminuiti del 30%
Svizzera
6 ore
La disoccupazione ‘Seco’ sale al 2,2%, il Ticino al quinto posto
I dati della Segreteria di Stato per l’economia non includono chi ha esaurito il diritto a ricevere le prestazioni o si trova a beneficio dell’assistenza
Svizzera
17 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
22 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
© Regiopress, All rights reserved