laRegione
04.12.20 - 10:49

Swissair, ex dirigenti chiamati nuovamente alla cassa

A vent'anni dal grounding, il liquidatore dell'ex compagnia di bandiera torna all carica. Un accordo prevede il versamento di 2,75 milioni

swissair-ex-dirigenti-chiamati-nuovamente-alla-cassa
(Tageswoche)

A quasi 20 anni dal grounding di Swissair gli allora alti dirigenti passano almeno in parte alla cassa: 29 di loro verseranno complessivamente 2,75 milioni di franchi (cioè in media 94'800 franchi a testa) per gli errori commessi a suo tempo.

Il pagamento è frutto di un accordo extragiudiziale e concerne gli allora membri dei consigli di amministrazione delle quattro società SAirGroup, SAirLines, Swissair e Flightlease, afferma il liquidatore della massa fallimentare della compagnia aerea in una circolare mandata oggi ai creditori. Fra le persone in questione figurano anche gli ex numero uno Philippe Bruggisser e Mario Corti.

Come noto è ormai da diversi anni che il liquidatore cerca di incassare denaro dai manager, sulla base del principio di responsabilità degli organi di un'azienda. Alla fine del 2019 una richiesta di indennizzo per complessivi 280 milioni di franchi contro 14 persone era naufragata davanti al Tribunale federale.

Fondata nel 1931, Swissair dopo aver vissuto molti momenti di gloria negli anni 90 avviò una strategia di espansione che la portò a comprare partecipazioni sempre più vaste in varie compagnie straniere, tutti vettori in difficoltà economiche. L'avventura finì male: la società si trovò non più in grado di far volare i suoi aerei. Il cosiddetto grounding del 2 ottobre 2001, oltre ad intaccare il mito della qualità elvetica, comportò la cancellazione di migliaia di impieghi e perdite per miliardi di franchi.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
6 ore
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
7 ore
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
9 ore
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
11 ore
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
13 ore
Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti
Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
1 gior
In aumento i casi di maltrattamento di minori
Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
Svizzera
1 gior
Berset ribadisce: non sapevo nulla delle indiscrezioni
Il portavoce del Governo Simonazzi chiarisce che dopo la discussione il ‘Consiglio federale ha ritrovato la fiducia e andrà avanti a lavorare come sempre’
Svizzera
1 gior
Infermieri, verso più formazione e condizioni di lavoro migliori
Il Consiglio federale intende rafforzare il settore: fra le proposte, anche più personale formato e fatturazione diretta di alcune prestazioni
Svizzera
1 gior
Il tennis in banca? ‘No e ancora no’: condanne confermate
Il Tribunale federale conferma la sanzione per i dodici attivisti che nel 2018 avevano occupato la sede losannese di una banca travestiti da Federer
Svizzera
1 gior
Mancano i medici? Governo favorevole a deroghe
Ma solo a precise condizioni e unicamente per medicina generale, pediatria, psichiatria nonché psicoterapia dell’infanzia e dell’adolescenza
© Regiopress, All rights reserved