laRegione
04.12.20 - 09:53
Aggiornamento: 13:19

Svizzera, meno buchi nella montagna

Sino al 2025 la costruzione di nuove gallerie e la loro manutenzione subiranno un rallentamento a causa degli elevati costi. Lo sostiene uno studio

svizzera-meno-buchi-nella-montagna

È destinata a diminuire nei prossimi anni la spesa per la manutenzione e la costruzione di gallerie stradali e ferroviarie, nonché per le strutture sotterranee nell'ambito dell'energia idroelettrica. Il volume degli investimenti aumenterà di nuovo solo a partire dal 2025, emerge da uno studio pubblicato oggi.

"Le imprese elvetiche attive nel comporto delle costruzioni sotterranee potrebbero affrontare anni difficili", affermano gli autori della ricerca realizzata da Amberg Engineering su incarico di Infra Suisse, l'organizzazione professionale delle aziende che costruiscono infrastrutture.

L'analisi copre dodici anni, dal 2021 al 2033. "La già elevata pressione competitiva aumenterà ulteriormente; questo interesserà in particolare le piccole e medie imprese", afferma Matthias Forster, direttore di Infra Suisse, citato nello studio. Secondo le stime attuali, la quota maggiore della spesa sarà destinata a progetti di gallerie per strade e ferrovie.

Nel caso della rotaia, il volume degli investimenti per la costruzione di tunnel si è dimezzato rispetto alle previsioni del precedente studio, risalente al 2017. Si sono infatti completati lavori su larga scala come quello del Monte Ceneri.

Nel campo dell'energia idroelettrica si osserva che i committenti sono restii a investire. Ciò è probabilmente dovuto anche all'evoluzione dei prezzi sul mercato dell'elettricità, spiegano gli specialisti di Amberg Engineering.

Difendere i posti di lavoro nel settore

Per quanto riguarda le strade nazionali il giro d'affari è destinato a ridursi notevolmente a partire dal 2022. Sul fronte delle vie cantonali, la costruzione di gallerie nei prossimi dieci anni dovrebbero comportare investimenti per 2,2 miliardi di franchi.

Infra Suisse chiede che i progetti pubblici vengano portati avanti e realizzati, salvaguardando così i posti di lavoro. La costruzione di nuove gallerie ferroviarie dovrebbe contribuire a questo obiettivo. Per le FFS sono in gioco 50 progetti supplementari, per le strade nazionali 30. Anche nell'ambito dei lavori di competenza dei cantoni a partire dal 2025 si registrerà un forte aumento.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
20 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
22 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
23 ore
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
2 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
2 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved