laRegione
29.11.20 - 12:16
Aggiornamento: 13:42

Finanziamento materiale bellico, verso un no all'iniziativa

Stando alle prime proiezioni Ssr, vi è invece ancora incertezza sull'esito della votazione 'per imprese responsabili'

Ats, a cura de laRegione
finanziamento-materiale-bellico-verso-un-no-all-iniziativa
Niente da fare per 'il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico' (Keystone)

Ci si avvia verso un no all'iniziativa per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico, in votazione oggi. Secondo le prime proiezioni dell'istituto gfs.bern per conto della Ssr, la proposta del Gruppo per una Svizzera senza esercito (Gsse) verrebbe bocciata dal 58% dei cittadini che si sono recati alle urne.

La sorte dell'iniziativa popolare 'Per imprese responsabili' resta invece incerta. Stando a gfs.bern, il risultato dell'odierna votazione federale sul tema si annuncia serrato e per il momento non si delinea ancora alcuna tendenza chiara: le proiezioni parlano di una situazione di parità (50% di sì e 50% di no).

Pur nell'equilibrio generale, le cose non sembrano tuttavia mettersi bene per i sostenitori dell'iniziativa 'Per imprese responsabili'. Se è vero che, globalmente, i due schieramenti si stanno dividendo a metà le preferenze, il numero di Cantoni in cui si profila un no appare maggiore. Insomma, il testo potrebbe assicurarsi la maggioranza del popolo, ma è difficile che ottenga quella dei Cantoni, altrettanto necessaria affinché l'iniziativa passi lo scoglio delle urne, ha spiegato alla televisione svizzerotedesca Srfil politologo Lukas Golder.

In Ticino sì all'iniziativa per imprese responsabili

Al termine dello spoglio delle schede in tutti i 111 comuni ticinesi, per quanto riguarda l'iniziativa 'Per imprese responsabili', il sì è riuscito a imporsi con il 54,2% delle preferenze. L'altra iniziativa (divieto di finanziare i produttori di materiale bellico) è invece stata bocciata dal 55,3% dei ticinesi.

Nei Grigioni sono stati bocciati entrambi i testi, rispettivamente con il 54,3% e il 61,3% delle preferenze.

Leggi anche:

Votazioni federali, seggi aperti sulle due iniziative popolari

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
15 ore
Traffico sulla A13 e la A28, niente ‘bacchetta magica’
Il problema del traffico turistico di aggiramento sulle due arterie grigionesi impone una strategia sovracantonale
Svizzera
16 ore
Tentata rapina a mano armata a Crans Montana
Preso di mira, poco prima delle 6, un negozio del centro. È caccia ai malviventi (due) in Vallese
Svizzera
17 ore
Cresce il numero di persone con livello d’istruzione terziario
Tra i 25-34enni nell’arco di vent’anni la quota è raddoppiata: nel 2021 uno su due aveva conseguito un diploma corrispondente
Svizzera
19 ore
All’aeroporto di Zurigo-Kloten, la ripresa pare confermata
In settembre i movimenti sono stati 20’355, un 3% in meno rispetto ad agosto ma di quasi un terzo superiore allo stesso mese del 2021
Svizzera
19 ore
Scesi dal bus aggrediscono un uomo e gli danno fuoco
Dodici adolescenti sono stati rilasciati al termine dell’interrogatorio, avvenuto a Winterthur, mentre due si trovano in carcerazione preventiva
Svizzera
20 ore
Svizzera ‘razzista sistemica’, ma Berna respinge le accuse
Per l’ambasciatore elvetico alle Nazioni Unite le considerazioni del Gruppo sono in parte basate su ‘supposizioni’ e ‘malintesi’
Svizzera
1 gior
Malgrado le ombre, le prospettive per l’industria non peggiorano
Il comportamento del parametro rappresenta una sorpresa: gli analisti si aspettavano infatti una contrazione a valori compresi fra 54 e 55,6 punti
Svizzera
1 gior
Suicidi quasi dimezzati negli ultimi quarant’anni
La diminuzione è soprattutto evidente tra gli uomini. Il Ticino ha presentato i tassi di suicidio inferiori per tutto l’ultimo decennio
Svizzera
1 gior
Lieve ma significativo rallentamento dell’inflazione
Si tratta del primo calo dopo venti mesi consecutivi con numeri in crescita o stabili. In settembre il rincaro annuo si è attestato al 3,3%
Svizzera
1 gior
Elezioni cantonali a Zugo: Status quo per il governo cantonale
Il Consiglio di Stato rimane quindi composto da tre rappresentanti dell’Alleanza di Centro, due liberali radicali e due Udc
© Regiopress, All rights reserved