laRegione
26.11.20 - 14:04
Aggiornamento: 14:28

Protezione della Popolazione, Michaela Schärer nuovo capo

50enne, nominata dalla commissione istituita da Viola Amherd, sarà la prima donna a capo dell'Ufficio Federale della protezione della Popolazione.

Ats, a cura de laRegione
protezione-della-popolazione-michaela-scharer-nuovo-capo
Michaela Schärer (Keystone)

A partire dal prossimo mese di gennaio, l'Ufficio federale della protezione della popolazione (UFPP) sarà diretto da Michaela Schärer, 50 anni, che sostituirà l'attuale responsabile ad interim, divisionario Jean-Paul Theler. Quest'ultimo è stato promosso a capo di Stato maggiore dell'esercito. Entrerà in funzione a partire dall'anno prossimo.

La nomina della Schärer, titolare di un dottorato in diritto e dal 1995 in forza al Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS), è stata decisa ieri dal Consiglio federale. Si tratta della prima volta che una donna occupa una simile mansione.

La nuova responsabile dell'UFPP è riuscita a convincere l'apposita commissione - che comprendeva anche il Consigliere di Stato ticinese Norman Gobbi - istituita dalla responsabile del DDPS, Viola Amherd.

In particolare, ha spiegato davanti ai media la consigliera federale, le formazioni della Schärer e i suoi perfezionamenti, le comprovate prestazioni, la sua pluriennale esperienza in ambito amministrativo, nonché la sua competenza dirigenziale, organizzativa e sociale sono stati fattori decisivi per la nomina.

Il fatto che sia una donna ad occupare questa funzione, la cui importanza si fa sentire ora a causa della pandemia, è rallegrante, ha anche sottolineato la "ministra" vallesana, secondo cui tuttavia sono le competenze che contano.

Ad ogni modo, vista anche la scarsa presenza di donne nel suo dipartimento, tradizionalmente un bastione maschile, "se ho la possibilità di nominare una donna competente non mi tiro indietro", ha aggiunto, anche perché siamo ancora lontani dal 30% di donne come richiedono le linee guida del Consiglio federale circa la presenza femminile nei piani alti dell'amministrazione, e in particolare nel settore della sicurezza.

Una licenza in diritto e un dottorato a Ginevra

Dopo la licenza in diritto a Losanna, impreziosita da un dottorato a Ginevra e una parentesi come assistente al Politecnico federale di Losanna, nell'aprile 1995 Michaela Schärer è entrata a far parte dell'allora Dipartimento militare federale (poi DDPS), ricoprendo varie cariche, fino a diventare aggiunta scientifica presso la Segreteria generale del DDPS nell'ambito Politica di sicurezza e di difesa e relatrice per la politica di sicurezza e la protezione della popolazione nello Stato maggiore del capo del DDPS.

Nell'ottobre 2006 ha assunto la funzione di responsabile della sezione Servizi di stato maggiore del Corpo delle guardie di confine in seno all'Amministrazione federale delle dogane. Dal novembre 2011, in qualità di vicedirettrice, ha assunto la direzione della divisione principale Diritto e tributi e in seguito della divisione principale Procedure ed esercizio.

Nel luglio 2017 è stata nominata sostituta del direttore dell'Amministrazione federale delle dogane. Dopo una riorganizzazione interna ha assunto le funzioni di capo dell'ambito DOGANA che comprende 2000 collaboratori e dal gennaio 2020 di capo dell'ambito direzionale Operazioni con l'incarico di raggruppare in un'unica organizzazione i quattro circondari doganali e le sette regioni guardie di confine per un totale di 3500 collaboratori.

Prendendo la parola, Michaela Schärer - perfettamente bilingue come ha tenuto a precisare essendo cresciuta nel canton Vaud, n.d.r - ha affermato che questa nomina è il coronamento di una lunga carriera a servizio dello Stato, durante la quale ha accumulato un'importante esperienza nell'organizzazione e nella guida di importanti unità amministrative nell'ambito della sicurezza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
50 min
I rapporti con l’Unione europea vanno rilanciati
È l’appello sottoscritto da duecento personalità svizzere. Che chiedono al Consiglio federale di chiarire quanto prima le sue intenzioni
Svizzera
1 ora
Si schianta contro un albero: morto un 21enne
Grave incidente della circolazione ieri sera a Uster. A seguito della violenza dell’impatto, il giovane è deceduto sul posto
Svizzera
1 ora
Guerra in Ucraina, congelati 7,5 miliardi di averi russi
La Segreteria di Stato dell’economia dà... i numeri. Sequestrati pure 15 immobili in sei cantoni
Svizzera
1 ora
Più risorse per proteggere le greggi dal lupo
Il Nazionale vota quattro milioni supplementari. Jacques Nicolet (Udc): ‘Siamo in una situazione critica’
Svizzera
3 ore
Novembre di stabilità per l’inflazione
Mentre in Europa il rincaro nell’ultimo mese ha toccato il 10% (dato comunque in lieve flessione), in Svizzera il tasso si è attestato al 3%
Svizzera
3 ore
Biglietti digitali nel futuro dei trasporti pubblici
Troppo costosa l’infrastruttura per quelli cartacei. L’Alliance Swiss Pass pensa a un futuro votato alla digitalizzazione
Svizzera
6 ore
‘Penso troppo poco ai ‘segnali’, forse mi baso troppo sui fatti’
La consigliera agli Stati socialista Eva Herzog è la favorita per la successione di Simonetta Sommaruga in Consiglio federale. Intervista.
friburgo
13 ore
Tribunale cantonale assolve in appello 27 attivisti per clima
Avevano bloccato l’entrata di un centro commerciale il 29 novembre 2019 in occasione della giornata del Black Friday.
Svizzera
20 ore
Mattarella auspica Berna in programmi europei di ricerca
Per il presidente italiano ‘una collaborazione che si inserisce nel più ampio contesto europeo e contribuisce allo sviluppo del nostro continente’
Svizzera
1 gior
Sulla protezione della biodiversità la Svizzera è indietro
La Confederazione è all’ultimo posto in Europa: dal 2012 nessuna zona è stata inserita nella rete paneuropea di aree protette ‘Smeraldo’
© Regiopress, All rights reserved