laRegione
Zurigo
23.11.20 - 15:01
Aggiornamento: 15:48

Rapinatore incriminato per assassinio dopo 23 anni

Un cittadino italiano 77enne già in carcere per una brutale rapina a Thun, è stato incriminato nel canton Zurigo per l'assassinio di un'anziana donna nel 1997

rapinatore-incriminato-per-assassinio-dopo-23-anni
(Keystone)

Un italiano di 77 anni è stato incriminato nel canton Zurigo per l'assassinio di una ricca signora di 86 anni ritrovata morta nella lavanderia della sua abitazione a Küsnacht (ZH) nel 1997. Due anni fa l'uomo è già stato condannato per una brutale rapina commessa nel settembre del 2016 a Thun (BE).

Il 77enne sta attualmente scontando la condanna a sette anni e mezzo di prigione inflittagli nel canton Berna per rapina, sequestro di persona e coazione sessuale. La data del nuovo processo non è ancora nota.

L'anziana signora, uccisa pochi giorni prima del suo 87esimo compleanno, aveva un patrimonio che in base alle dichiarazioni fiscali dell'epoca era stimato in 12 milioni di franchi. Il suo cadavere fu ritrovato in un bagno di sangue e ammanettato nella lavanderia della villa del comune della "costa dorata" del lago di Zurigo il 4 luglio 1997, sei giorni dopo il delitto.

In mancanza di riscontri, l'inchiesta era stata dapprima archiviata nel 2001. Nel 2016 la svolta che ha permesso di riaprire le indagini: si è infatti scoperto che le tracce di DNA scoperte nella villa di Küsnacht corrispondevano con quelle dell'autore della rapina messa a segno nel settembre 2016 nella gioielleria di Thun.

Il cittadino italiano sospettato dei due delitti è stato arrestato sull'isola di Tenerife, dove aveva cercato di vendere parte del bottino, ed estradato dalla Spagna verso la Svizzera nel maggio 2017.

Il processo per la rapina si è tenuto nel giugno del 2018 davanti al Tribunale distrettuale di Thun (BE). Si è trattato di un colpo particolarmente brutale: l'italiano prese in ostaggio la proprietaria della gioielleria, il marito e la figlia nella loro abitazione, dove si impossessò di gioielli per un valore di 70'000 franchi.

Dopo aver somministrato dei calmanti alle sue vittime abusò sessualmente della figlia, per poi farsi accompagnare nella gioielleria e mettere le mani su altri preziosi. Ritornato nell'abitazione abbandonò le vittime con delle scatole di fiammiferi legate alla schiena, facendo loro credere che si trattava di esplosivo che sarebbe stato azionato a distanza nel caso avessero lanciato l'allarme.

Per poter perseguire il 77enne italiano anche per il delitto di Küsnacht, il Ministero pubblico zurighese è dovuto intervenire presso le autorità spagnole, in modo estendere i motivi della richiesta di estradizione - già avvenuta - con l'incriminazione per assassinio. Il sospettato si è opposto alla nuova incriminazione davanti a tutte le possibili istanze, ma senza ottenere successo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 ore
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
5 ore
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
7 ore
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
10 ore
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
12 ore
Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti
Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
1 gior
In aumento i casi di maltrattamento di minori
Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
Svizzera
1 gior
Berset ribadisce: non sapevo nulla delle indiscrezioni
Il portavoce del Governo Simonazzi chiarisce che dopo la discussione il ‘Consiglio federale ha ritrovato la fiducia e andrà avanti a lavorare come sempre’
Svizzera
1 gior
Infermieri, verso più formazione e condizioni di lavoro migliori
Il Consiglio federale intende rafforzare il settore: fra le proposte, anche più personale formato e fatturazione diretta di alcune prestazioni
Svizzera
1 gior
Il tennis in banca? ‘No e ancora no’: condanne confermate
Il Tribunale federale conferma la sanzione per i dodici attivisti che nel 2018 avevano occupato la sede losannese di una banca travestiti da Federer
Svizzera
1 gior
Mancano i medici? Governo favorevole a deroghe
Ma solo a precise condizioni e unicamente per medicina generale, pediatria, psichiatria nonché psicoterapia dell’infanzia e dell’adolescenza
© Regiopress, All rights reserved